Yamaha XJ6 Diversion

Dura realtà da affrontare per le rivali Honda CBF e Suzuki V–Strom: la media di casa Yamaha è già in vendita a 6.590 euro ed è ora disponibile anche in versione depotenziata a 25 Kw

Yamaha XJ6 Diversion. I dati dell’ultimo periodo confermano l’apprezzamento di modelli di media cilindrata, per questo motivo non stupisce la decisione della Yamaha di presentare tra i modelli del 2009 la nuova XJ6 Diversion che è disponibile da metà marzo a 6.590 euro anche in versione depotenziata a 25 Kw. Linee aggressive e divertente da guidare, il nuovo modello dimostra un perfetto equilibrio tra grinta e facilità di guida, prestazioni e , qualità da tenere sempre presente, prezzo. Le qualità della XJ6 Diversion appaiono da subito evidenti, il nuovo telaio a diamante realizzato con tubi d’acciaio ad alta resistenza, semplice e lineare, garantisce una posizione di guida ergonomica; la soluzione dona maggiore agilità di guida e assicura stabilità in curva. L’ interasse di 1.440 mm e l’ avancorsa di 103,5mm determinano una ciclistica bilanciata e di facile utilizzo, tali caratteristiche vengono consolidate anche dalla forcella con steli da 41 mm di diametro e la nuova sospensione posteriore Monocross che aiuta a centralizzare le masse assieme. Altro punto di forza della XJ6 Diversion è il peso ridotto, caratteristica assicurata anche dai nuovi cechi fusi in alluminio e dalla catena leggera con passo da 520 che riduce la resistenza alla trasmissione del moto dal motore alla ruota posteriore. Il nuovo forcellone costruito in tubolare d’acciaio scatolato è in grado di offrire un bilanciamento della rigidità ottimale. Ridotto lo spessore dei due dischi, Il disco posteriore da 245 mm di diametro viene frenato da pastiglie con una particolare mescola del materiale d’attrito, studiate per regolarizzare e rendere facilmente controllabile la frenata.

La novità assoluta è il motore, 600 cc raffreddato a liquido, 4 tempi con 4 cilindri in linea sfruttato appieno da nuovo design del telaio. Alesaggio per corsa di 65,5 mm x 44,5 mm, e un rapporto di compressione pari a 12,2:1, il corposo e reattivo nuovo motore a 4 cilindri in linea eroga la potenza massima a di 57,0 kW (78,1 CV) a 10.000 giri/minuto e la coppia massima di 59,7 Nm (6,09 kg-m) a 8.500 giri/minuto. Nuove la testa cilindri, il basamento, i sistemi di aspirazione/scarico, la frizione ed il cambio. Le novità presentate sono state introdotte per ottenere una curva di potenza caratterizzata dal perfetto equilibrio tra prestazioni e linearità d’erogazione apprezzabile sia dai piloti alle prime armi che da quelli più esperti. Per ottenere prestazioni eccitanti, nel massimo rispetto dell’ambiente, XJ6 Diversion è dotata di iniettori bidirezionali a quattro fori con elevato range dinamico, mentre il controllo degli iniettori è affidato ad una centralina elettronica (ECU) da 32 bit. Quattro i tubi di scarico che convergono in un’unica marmitta collocata in posizione centrale sotto il telaio. Il sistema di scarico è inoltre dotato di un sensore ossigeno che controlla i gas di scarico e trasmette la corrispondente informazione alla centralina, che provvede a regolare all’istante la miscela aria/carburante. La nuova frizione ha un meccanismo di rilascio a spinta interna che rende più facile la guida in città dando maggiore sensibilità e controllo. La nuova X16 Diversion si presenta al mondo con le idee chiare, sportiva e facile da guidare, punta al divertimento assoluto grazie a prestazioni invidiabili. Un carattere forte determinato dall’ innovativo design del telaio e il nuovo motore che donano grinta e determinazione per chiunque ami le due ruote, nessuna eccezione.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE