F1 2019 GP Monaco, prove libere: Mercedes in vetta con Hamilton davanti a Bottas, Vettel terzo

Lewis Hamilton ha firmato il miglior tempo nelle FP2 in 1'11''118 davanti al suo compagno di squadra Valtteri Bottas, staccato di 81 millesimi. Molto più indietro le Ferrari, con Vettel terzo a sette decimi e Leclerc ad oltre un secondo

Le Mercedes sono inarrestabili anche a Montecarlo: oggi è iniziato il GP di Monaco, sesto appuntamento del Mondiale di F1 2019, ma la tendenza vista fino ad oggi con le due Frecce d’Argento davanti a tutti non è cambiata. Sulle stradine del Principato, infatti, le due W10 EQ Power+ hanno staccato i migliori tempi in assoluto durante le FP2 del pomeriggio, con un Lewis Hamilton capace di un 1’11”118 che è già oltre sette decimi più veloce rispetto al best crono fatto segnare l’anno scorso da Daniel Ricciardo nella medesima sessione di prove. Il pilota britannico si è messo dietro il compagno di squadra Valtteri Bottas per soli 81 millesimi, mentre sono stati ben 763 quelli che ha pagato la prima delle Ferrari di Sebastian Vettel, solamente terzo e con la Red Bull di Pierre Gasly in scia.

IL DOMINIO CONTINUA

Con un asfalto ancora non del tutto gommato, le Mercedes hanno iniziato il weekend di Monaco con il favore del pronostico: il passo era già stato dettato dalle Frecce d’Argento già nelle FP1, in cui solamente la Red Bull di Max Verstappen era riuscita ad infilarsi tra le due W10 EQ Power+. Nel turno pomeridiano, invece, la sfida si è circoscritta esclusivamente tra Hamilton e Bottas, che hanno dato spettacolo infilando un giro veloce dopo l’altro. Su gomma Soft, alla fine, è stato il britannico a spuntarla, anche se per un soffio che non toglie nulla all’impegno mostrato dal finlandese e, complessivamente, alla competitività della monoposto Made in Brackley, capace di “affondare” gli avversari con distacchi davvero allucinanti.

FERRARI, DOVE SEI?

I primi a pagare la competitività della Mercedes anche a Montecarlo sono stati gli uomini della Ferrari: dei due piloti in Rosso solamente Sebastian Vettel è stato capace di mettere una pezza a un giovedì di libere che ha ripresentato gli stessi identici problemi accusati nello scorso Gran Premio. Sulla SF90, stavolta, non sono stati portati aggiornamenti ma è stato effettuato un profondo lavoro di setup… che in ultimo non ha fruttato il miglioramento previsto. Il tedesco, infatti, è sì terzo ma staccato di 763 millesimi da Hamilton, mentre Charles Leclerc è scivolato al decimo posto dopo che ha rovinato le sue gomme Soft destinate alla simulazione di qualifica.

LA RED BULL SI DIFENDE CON GASLY

Ad insidiare la Ferrari ci ha pensato la Red Bull, ma non con la sua prima guida bensì… con Pierre Gasly. Il francese si è ripreso dopo la batosta di un secondo di distacco dal compagno di squadra pagata nelle FP1, portando la sua RB15 al quarto posto con otto decimi di margine dalla vetta (e 57 millesimi dalla SF90 di Vettel). Alle sue spalle ha molto ben figurato anche la sorprendente Toro Rosso del thailandese Alexander Albon, capace di un quinto tempo con il quale si è messo dietro proprio Max Verstappen. L’olandese era riuscito ad insidiare le Mercedes nelle FP1, mentre nel turno pomeridiano un passaggio un po’ troppo azzardato su un cordolo ha rovinato alcune componenti aerodinamiche della sua monoposto. Una volta riparate, Max non ha potuto riprovare la simulazione di qualifica per il “traffico” di piloti intenti nell’effettuare le prove di long run, così ha dovuto accontentarsi di un sesto crono (+0.934) che gli sta decisamente stretto.

DUE ALFA ROMEO IN TOP TEN

Hanno poi centrato un posto nei primi dieci il danese Kevin Magnussen, settimo con la sua Haas, ed entrambe le Alfa Romeo C38 del nostro Antonio Giovinazzi e di Kimi Raikkonen, con il pilota di Martina Franca ottavo ad 1 secondo e 1 decimo dalla vetta ma davanti al finlandese Campione del Mondo. Ultimo posto in Top 10 per un affranto Charles Leclerc, che dovrà sicuramente inventarsi qualcosa al più presto per recuperare il tempo perduto. Le qualifiche si stanno avvicinando…

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI
info ADV
RUOTE IN RETE