F1 GP Monaco 2012: video pneumatici Pirelli a Montecarlo

Video descrittivo del fornitore ufficiale degli pneumatici di Formula 1 per spiegare come lavorano sul circuito cittadino del Principato di Monaco le Pirelli P Zero

GP Monaco F1: si corre su un circuito cittadino
Il GP di Monaco si corre sulle strade del Principato di Montecarlo. È il circuito cittadino più famoso della storia dell’automobilismo, caratterizzato da traiettorie che tendono a sporcarsi facilmente condizione che rende critico il grip delle coperture in fase di sterzata e accelerazione.

Punti critici del GP di Monaco

Curva da 4° marcia a 160 km
Strisce pedonali e di mezzaria rappresentano un’area di discontinuità per l’aderenza al suolo come i tombini che richiedono al battistrada una elevata capacità di adesione ad una superficie metallica e dunque più scivolosa.

Staccata curva 10
Alle coperture viene richiesta la massima aderenza longitudinale per l’intera frenata che si sviluppa in soli 110 mt con una accelerazione longitudinale di 4,53 G

Violenta accelerazione in uscita dalla chiane del porto.
2° marcia, 64 km/h.
In 4 secondi la monoposto arriva a 200 ed è il pneumatico che permette di stabilire il massimo grip per scaricare l’intera coppia motrice di una F1.

Asfalto sporco e scivoloso, tornanti, chicane e curve lente
Super Soft e Soft sono le opzioni proposte da Pirelli per garantire  massima aderenza e controllo di guida anche su una tracciato caratterizzato da fondo stradale.

Come lavorano gli pneumatici Pirelli P Zero: ecco il video

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI
info ADV
RUOTE IN RETE