USATA
cerca auto nuove
NUOVA

F1 pagelle GP Germania 2012

Alonso stravince a Hockenheim, Button risorge, Vettel viene retrocesso in quinta posizione e ne approfitta Raikkonen. Ritirato Hamilton, autoeliminato Massa. La FIA si frega da sola sulla Red Bull... Il GP di Germania visto con gli occhi di Infomotori

Fernando Alonso conquista il GP di Germania di F1 all’Hockenheimring difendendo la pole dal primo all’ultimo giro. Dietro di lui nulla possono la McLaren di Jenson Button e la Red Bull di Sebastian Vettel. Peccato per Felipe Massa che conclude distante a causa di un incidente alla partenza. La FIA prima richiama la Red Bull, accusata di aver modificato la mappatura ma il suo stesso regolamento la scagiona!

Fernando Alonso: voto 10 e lode.

Uno spagnolo conquista un circuito tedesco su una macchina italiana. Nelle libere di venerdì aveva detto di avere buone sensazioni. Lo dimostra sabato nelle qualifiche ufficiali con un pole che dimostra tutta la sua grinta e la sagacia della Scuderia. Domenica in gara non si fa affatto intimorire: parte bene, si tiene lontano Vettel prima e Button poi. Adesso ha 34 punti di vantaggio su Webber nella classifica piloti F1 2012. Una libidine!

Scuderia Ferrari: voto 10 e lode.
Pensando agli esordi della F2012, sulla quale erano scettici i suoi stessi creatori, nessuno avrebbe pensato di vedere Alonso li davanti a tutti. Quando  il lavoro di Pat Fry; Corrado Lanzone; Luca Marmorini e Nikolas Tombazis a Maranello conta tantissimo. Integerrimi.

Jenson Button: voto 8.
Risale sul podio dopo una assenza di sei gran premi. Parte settimo in griglia, in quarta fila e si mette alla caccia. La girandola di pit stop lo premia (per una volta che al box McLaren non sbagliano) e alla fine ingaggia un bel duello con Vettel perdendolo per una scorrettezza che lo porta al secondo posto. Bentornato.

Sauber: voto 7.
La scuderia svizzera conquista un quarto ed un sesto posto con Kobayashi e Perez, partiti rispettivamente 13° e 12° dopo una splendida gara condita da molti sorpassi. I due piloti si esaltano nei momenti di difficoltà, vanno in cerca di spazi per sorpassare esaltando il pubblico.

Sebastian Vettel: voto 6,5.
Il campione del mondo in carica non si arrende e lotta fino alla fine eccedendo e facendosi retrocedere di 20” per il sorpasso irregolare. Ma ci piace la sua voglia di vincere e di non mollare mai. È il più giovane bicampione del mondo consecutivo della storia della F1 e la sua giovane età ogni tanto lo frega. Indomito.

Kimi Raikkonen: voto 6.
La Lotus è costante e nella sua freddezza il pilota finlandese sta contribuendo a svilupparla gara dopo gara. Peccato per Romain Grosjean (voto 5) il cui grande potenziale viene penalizzato dalla giovane età.

Mercedes: voto 5.
Canna la gara di casa. Per carità, Schumacher e Rosberg arrivano a punti ma di certo, con tutto il management presente, si aspettavano ben di più e tornano a casa con le pive nel sacco. Rimandati.

Felipe Massa: voto 4.
Lui nella pioggia di sabato non si trova e finisce le qualifiche 14°, in settima fila. Nella foga della partenza spacca il musetto sfruttando la ruota posteriore della Toro Rosso di Ricciardo e non riesce più a risalire facendo una gara anonima. Alla vigilia parlava di voler convincere la Scuderia. Adesso ha finito le scuse e di piloti che salirebbero volentieri sulla Rossa ce ne sono a bizzeffe. Se non basta questa come motivazione…

FIA: voto 0.
La Red Bull è un top team per carità ma quando si sbaglia paga punto e basta. La FIA la grazie per il fondo piatto al GP di Montecarlo, poi la mette sotto accusa per la mappatura delle RB8 ad Hockenheim ma il massimo che può fare e ammonire la scuderia perché “I commissari di gara, pur non accettando completamente la difesa del team, hanno concluso che, per come è scritta la regola, la mappatura della Red Bull non è irregolare e quindi non viola la norma 5.5.3 del regolamento tecnico”. Quindi, la mappatura tecnicamente non è regolare ma per come la stessa FIA ha scritto il regolamento lo è. Evviva la FIA (che non è un detto popolare toscano).

TAGS:

Sponsor

Volkswagen Caravelle
Volkswagen Caravelle
OFFERTA Caravelle 6.1. Tuo da € 299/mese fino al 31/10. TAN 3,99% TAEG 4,77%.

Sponsor

Volkswagen California
Volkswagen California
OFFERTA California 6.1. Da € 623/mese fino al 31/10. Tan 3,99% - TAEG 4,61%.

Sponsor

Volkswagen Multivan
Volkswagen Multivan
OFFERTA Multivan 6.1. Da € 652/mese fino al 31/10. TAN 3,99 - TAEG 4,58%

Sponsor

Volkswagen Caravelle
Volkswagen Caravelle
OFFERTA Caravelle 6.1. Tuo da € 299/mese fino al 31/10. TAN 3,99% TAEG 4,77%.

Sponsor

Volkswagen Multivan
Volkswagen Multivan
OFFERTA Multivan 6.1. Da € 652/mese fino al 31/10. TAN 3,99 - TAEG 4,58%

Sponsor

Volkswagen California
Volkswagen California
OFFERTA California 6.1. Da € 623/mese fino al 31/10. Tan 3,99% - TAEG 4,61%.
Articoli più letti
RUOTE IN RETE