USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Fernando Alonso per vincere in F1 punta tutto sul lavoro

Il pilota Ferrari, leader del mondiale piloti F1, a Madrid per inaugurare un nuovo Ferrari Store dice che il lavoro è la chiave per fare bene

Fernando Alonso all’inaugurazione del Ferrari Store a Madrid
I piloti spagnoli della Scuderia Ferrari Fernando Alonso e Marc Genè (collaudatore) hanno presenziato all’inaugurazione di un nuovo Ferrari Store a Madrid, in Calle Serrano, la celebre via dello shopping madrileno.
Nell’intervista rilasciata ai giornalisti, Alonso ha sottolineato quanto sia importante tanto per lui quanto per la Scuderia, il lavoro, parola chiave di questo 2012.
Questo il filo conduttore delle dichiarazioni dell’attuale leader della classifica piloti F1 2012, che si è detto felice per la sua leadership nel campionato piloti, senza dimenticare il “molto lavoro” ancora da svolgere. “Sono felice e voglio godermi questo bellissimo momento. Ma non possiamo certo smettere di lavorare, perché nonostante il fatto che ora siamo leader in campionato, potremmo tranquillamente essere sesti o settimi , a molti punti di distacco dai primi. Pertanto c’è ancora molto lavoro da fare. Siamo felici di come sia cominciato l’anno in termini di punti, non abbastanza della competitività della nostra vettura dal momento che abbiamo sofferto molto nelle prime gare della stagione”, ha dichiarato Alonso.

Il GP del Canada per confermare i miglioramenti
Dopo le belle prove Alonso non abbassa la guardia ed è già concentrato al GP del Canada, prossima gara del calendario F1 2012: “In Canada vogliamo confermare questo miglioramento, ed essere competitivi anche su un circuito più ‘normale’, perché Monaco è un tracciato dalle caratteristiche uniche e Barcellona lo è altrettanto con le sue curve veloci – ha detto Alonso – Così Canada e Valencia rappresentano due banchi di prova molto importanti per noi, per vedere se le nostre vetture saranno competitive nelle qualifiche come lo sono state a Monaco, e ottenere le posizioni di testa sulla griglia di partenza. Abbiamo apportato dei miglioramenti sulla vettura e in Canada porteremo alcune soluzioni nuove. È una gara dentro e fuori dal circuito: tutti i top team stanno lavorando per introdurre novità. Finora abbiamo cercato di sfruttare al meglio ciò che avevamo. Speriamo in Canada di saper confermare i miglioramenti di Barcellona e Monaco… Quest’anno, due o tre decimi ti fanno vincere o perdere cinque o sei posizioni, perché siamo tutti molto vicini. Per questo in ogni gara la sfida è quella di portare nuove soluzioni e correre contro il tempo in fabbrica”, ha dichiarato il pilota della Scuderia.

La possibilità di Alonso al GP di Monaco
Il Gran Premio di Monaco è stata una sfida in termini di improvvisazione nelle strategie delle squadre. La mutevolezza delle condizioni climatiche, con la pioggia come attore principale, non ci ha permesso di effettuare i soliti test di gomme, un quadro che si è complicato con il debutto della mescola Supersoft. Fernando è scattato dalla quinta posizione in griglia, ma è riuscito a guadagnare due posizioni terminando la prova sul terzo gradino del podio, guadagnando alcuni punti che gli hanno permesso di prendere il comando della classifica.
Alla domanda se avesse potuto vincere la gara se non fosse rientrato per sostituire le gomme, Alonso ha spiegato: “Quando una gara è finita, è sempre più facile pensare alle strategie che si sarebbero potute adottare. Sicuramente se avessimo fatto anche pochi giri in più con le Supersoft a Monaco, avremmo avuto qualche possibilità di vittoria – afferma il pilota di Oviedo – Ma,  naturalmente, se prima della gara, quando si sta preparando la strategia, ti dicono che al 30 ° giro le Supersoft sono le migliori rispetto alle altre non ci credi. E ci avrei messo la mano sul fuoco che non sarebbe stato così – ha dichiarato – Allo stesso modo, quando monti le Soft nuove, per due o tre giri voli e hai un grip eccezionale. Abbiamo invece avuto dei problemi nel portare le gomme in temperature e nè Webber nè Rosberg né noi riuscivamo a stare dietro a Vettel… Quindi anche se avessimo cambiato strategia Vettel e Rosberg avrebbero fatto lo stesso e le posizioni sarebbero state invariate”.

F1 2012 stagione senza leader: 6 vincitori in 6 gare
Un’altra curiosità dei molti giornalisti che si sono riuniti per l’inaugurazione del negozio Ferrari è stata il perché questo campionato è così combattuto con sei diversi vincitori nelle prime sei gare della stagione. Per il pilota spagnolo questo è dovuto in parte ai regolamenti e alle limitazioni che ogni anno vengono introdotte. “Ogni volta che si scopre una nuova soluzione l’anno successivo la proibiscono. Si limita sempre di più la creatività o il potenziale sviluppo di una vettura. Stiamo vedendo macchine ogni volta più simili e ogni volta assomigliano di più alla GP2 nel senso che, ad ogni campionato, ci sono più piloti che concorrono al titolo. Nonostante il Mondiale sia molto aperto, Red Bull, McLaren e Ferrari sono sempre in quest’ordine nella classifica costruttori. Nelle prime sei o sette posizioni del mondiale piloti ci sono gli stessi dell’anno scorso. Per questo alla fine, in un campionato che dura molti mesi, quelli che lottano per il titolo sono sempre gli stessi”.

Felipe Massa per Fernando Alonso
Alonso ha anche dato il suo parere sul suo compagno di squadra, Felipe Massa, che appoggia al 100% e al quale riconosce il “talento necessario per lottare per la vittoria”.
Nella gara di Monaco, Felipe ha mostrato di essere molto migliorato e si è dimostrato molto competitivo per tutto il weekend, ottenendo un sesto posto nella gara di domenica. “E’ difficile pensare che Felipe non riesca a ottenere molti punti in questa seconda parte dell’anno e che non possa conquistare podi e lottare per la vittoria. Ha il talento per farlo. E’ stato un inizio sfortunato per una serie di motivi: la sfortuna, per un adattamento un po’ più lungo rispetto al passato agli pneumatici. Quelli ottenuti non erano risultati normali per Felipe – ha dichiarato Alonso – Ha il mio pieno sostegno. E ha il supporto del team per cambiare la situazione. O per cambiare i risultati. Perché molte volte nelle libere o nelle qualifiche siamo stati molti vicini e o per la partenza o perché qualcuno lo toccava iniziava la gara perdendo posizioni. A Monaco sembra che questo trend si sia interrotto quindi speriamo che d’ora in poi tutto proceda per il meglio”.

Fernando Alonso per Marc Genè
Il connazionale Marc Genè, anch’egli ospite d’onore all’inaugurazione dei punti vendita Ferrari, ha risposto alle domande dei giornalisti che volevano conoscere la sua opinione su Alonso. “Fernando è il quarto campione del mondo con cui collaboro dopo Schumacher, Raikkonen, Villeneuve. Ho sempre detto che è il più completo. E ‘ il migliore di quelli con cui ho corso o lavorato. E quello che sa meglio uscire dalle situazioni difficili e questo conferma la sua attuale posizione in classifica. Il suo carisma lo rende un vero leader per la squadra. Siamo fortunati ad averlo con noi e a lavorare con lui. Ferrari è uno dei pochi marchi che, a prescindere dei piloti, ha sempre avuto molti fan in tutto il mondo. Ma ora in Spagna, con il successo di Fernando i tifosi della Ferrari si sono moltiplicati”.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE