USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Formula 1, Gp del Belgio: la pagella di Infomotori

A motori spenti. Ecco i voti che Infomotori dà ai protagonisti della Formula 1 2012. Da Button a Grosjean, gli organizzatori, i cronisti, nessuno si salva dai nostri giudizi...

 

Gran Premio del Belgio di Formula 1, circuito di Spa-Francorchamps, la pista più lunga del mondiale e una delle più belle sia per il contesto in cui si trova sia per il tracciato. Doveva essere la domenica delle sorprese visto che in qualifica dietro a Button si erano piazzati Kobayashi, Perez, Maldonado… tutti bravi piloti ma certo poco abituati a partire così davanti. E invece la sorpresa è venuta da dietro (e questo non è mai un bel segnale) ma per certi versi anche una conferma: Romain Grosjean. Il pilota che per la quarta volta esce per incidente entro il terzo giro e che non è mai arrivato più avanti di quanto partisse stavolta l’ha fatta davvero grossa… ma andiamo con ordine.

Jenson Button, voto: 10 e lode
Aveva vinto in Australia la prima gara della stagione, poi si è un po’ perso, ora è tornato alla grande con pole e vittoria. Unico pilota a vincere in questa stagione rimanendo in testa dal primo all’ultimo giro non ha sbagliato nulla e forse anche l’uscita di scena di Hamilton e Alonso non lo hanno avantaggiato più di tanto. Come dice lui stesso su Twitter, “ora devo fare lo stesso le prossime otto gare”. Incostante

Sebastian Vettel, voto: 10
Parte decimo e arriva secondo, conquistando anche il secondo posto in classifica mondiale. In questo caso l’incidente alla prima curva lo ha sicuramente agevolato nella sua rimonta, fatta di strategia, sorpassi e combattimenti. Malgrado le qualifiche decisamente non esaltanti parte deciso a dare il massimo e porta a casa il miglior risultato possibile tornando prepotentemente in lotta per il mondiale. Coriaceo

Lewis Hamilton, voto: 10
La sua gara dura poche centinaia di metri, poi Grosjean con una manovra incomprensibile lo tocca e lo manda sull’erba scatenando uno degli incidenti più brutti degli ultimi anni. L’inglese della McLaren però scende dalla macchina e si limita a dargli del matto. Non lo strozza, non accenna a percuoterlo in alcun modo… pazzesco. Il voto è per il self-control. Ci resta una domanda: perché si è portato un pezzo di alettone ai box? Misteri della Formula 1… Signore

Nico Hulkenberg, voto: 9
Parte undicesimo e arriva quarto, guadagnando una manciata di posizioni in classifica mondiale visto che lui e i suoi “parigrado” 12 punti li raccolgono in almeno tre o quattro gare (se bastano). Per un bel pezzo è secondo dietro a Button, poi viene inesorabilmente passato da Vettel e Raikkonen, ma una Force India lì davanti non se l’aspettava nessuno. Anche lui ha avuto un bel vantaggio dall’incidente, però poi ha saputo restare con i primi. Sorpresa

Kimi Raikkonen, voto: 8
E’ ancora sul podio, realizza forse il sorpasso più bello della gara ai danni di Schumacher, però le sue prestazioni in gara sono incostanti. Peccato perché nelle fasi positive ha fatto vedere cose egregie che potevano portarlo anche più avanti. La strategia in questo caso non lo ha aiutato, così parte e arriva terzo. Niente male, anzi, però per un momento sembrava potesse fare di più. Perfettibile

Felipe Massa, voto: 7
Sarà l’uscita di scena del suo compagno di squadra, fatto sta che il pilota brasiliano realizza una delle sue migliori performance di quest’anno e con un bel sorpasso si piazza davanti a Webber che quadagna qualche punticino in meno in classifica mondiale. Non è il Felipe di qualche anno fa, ma sempre meglio di quanto visto fino ad ora. Fragile

Michael Schumacher, voto: 6
Come i punti che porta a casa in questa gara. Parte tredicesimo e arriva settimo, se non fosse stato tradito dalle gomme che lo hanno costretto a un cambio a pochi giri dalla fine avrebbe fatto anche meglio, tanto che per buona parte della gara è in zona podio. Resta incomprensibile però la manovra su Sebastian Vettel, a cui resiste strenuamente per un paio di curve per poi entrare nei box tagliando la strada al connazionale che intraversa la sua Red Bull in stile Fast and Furious per evitarlo. Altalenante

Nico Rosberg, voto: 5
Parte dall’ultima fila grazie a delle qualifiche scandalose e alla sostituzione del cambio, dopo di ché svolge il ruolo di chicane mobile per tutto il percorso facendosi superare in ogni modo possibile. Vero che la Mercedes non è in gran forma, però forse poteva fare qualcosa meglio. Rassegnato

Pastor Maldonado, voto: 4
Parte bene, benissimo, troppo bene… infatti il semaforo non si era ancora spento. Grazie alla partenza anticipata entra nel gruppo dei birilli tirati giù da Grosjean & co. Torna ai box, riparte, e quando arriva la segnalazione di penalità per partenza anticipata lui ha già parcheggiato la sua Williams con il musetto rotto. Irruente

Romain Grosjean, voto: 0
A Monza il francesino non correrà come punizione (oltre a 50.000 euro di multa) per l’incidente causato. Rivedendo le immagini dall’alto e vedendo come la sua Lotus scarti ulteriormente a destra mentre già stava stringendo Hamilton viene da chiedersi, perché? Domanda che a oggi è ancora senza risposta e, probabilmente, non ne avrà mai. Basterà questa sanzione per riportare il francese, che in altre occasioni ci è piaciuto molto, a più miti partenze? Imperdonabile

 

Sponsor

Nuova Audi Q2
Nuova Audi Q2
OFFERTA Per chi non cerca un modello da seguire.
Audi
A1 SB
PRODUZIONE dal 01/2019
SEGMENTO Berlina
PREZZO a partire da 22.200€
Audi
A1 citycarver
PRODUZIONE dal 09/2019
SEGMENTO Berlina
PREZZO a partire da 24.300€

Sponsor

Nuova Audi Q5
Nuova Audi Q5
OFFERTA Ibrida e digitale.
Articoli più letti
RUOTE IN RETE