Audi A8, A7 Sportback, A6 e Q5 anche in versione ibrida plug-in

Le Audi A8, A7 Sportback, A6 e Q5 in versione ibrida plug-in hanno un'autonomia in modalità elettrica di oltre 40 km nel ciclo WLTP e grazie al servizio Audi e-tron Charging Service la ricarica è più facile

Continua la rivoluzione firmata Audi verso una linea di produzione di modelli a zero emissioni. La Casa dei quattro anelli lancia i nuovi modelli ibridi plug-in di Audi Q5, A6, A7 Sportback e A8
. Tutti questi modelli  viaggeranno a a zero emissioni in modalità puramente elettrica, senza perdere efficenza e prestazioni. Tutte le varianti, con un’autonomia in modalità elettrica superiore a 40 chilometri nel ciclo WLTP, saranno presentate al prossimo Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra.

Audi: modelli ibridi plug-in  per tutte le esigenze

Audi ha – giustamente – pensato a una linea trasversale che va dalle berline ai SUV. A seconda del modello desiderato, è possibile scegliere tra due versioni con potenze e allestimenti diversi: 50 TFSI e o la più sportiva 55 TFSI e (60 TFSI e per A8) con dotazioni S line, taratura più rigida delle sospensioni e maggiore potenza in modalità boost del motore elettrico per un comportamento dinamico ancora più marcato.

Tutti i modelli ibridi plug-in adottano un propulsore TFSI, vale a dire un motore turbocompresso a iniezione diretta della benzina che lavora in sinergia con un propulsore elettrico integrato nel cambio e una batteria agli ioni di litio collocata sotto il vano bagagli. Il motore elettrico supporta l’unità a combustione nelle fasi di accelerazione, garantendo scatti brucianti e, in generale, elevate prestazioni.

Il sistema di recupero dell’energia deriva da quello in dotazione sulla Audi e-tron, prima vettura totalmente elettrica della Casa dei quattro anelli. Progettato per garantire un’elevata efficienza, in fase di frenata permette di recuperare fino a 80 kW di potenza.

Il motore elettrico si occupa delle decelerazioni lievi: le più frequenti nella marcia quotidiana. Le frenate di media intensità sono invece di competenza dei freni idraulici tradizionali, che svolgono autonomamente questo compito solo in caso di decelerazioni superiori a 0,4 g.

La batteria agli ioni di litio di A6, A7 Sportback e A8 è costituita da 104 “celle a sacchetto”, suddivise in otto moduli, e può contare su di una capacità di 14,1 kWh. La tensione è di 385 Volt. La batteria agli ioni di litio di Q5 è formata da celle prismatiche e dispone della medesima capacità. Il raffreddamento della batteria è integrato nel circuito che gestisce la temperatura del motore elettrico e dell’elettronica di potenza.

Quest’ultima converte la corrente continua della batteria ad alta tensione in corrente alternata trifase destinata al motore elettrico. In fase di recupero avviene il contrario. La pompa di calore, di serie, assicura una climatizzazione efficiente ed è in grado di generare fino a 3 kW di potenza termica partendo da 1 kW di energia elettrica grazie allo sfruttamento del calore residuo della vettura.

L’Audi A8 L 60 TFSI e quattro è dotata del motore a combustione 3.0 TFSI, mentre l’unità elettrica è costituita da un propulsore sincrono a magneti permanenti. Il motore elettrico, insieme alla frizione di separazione, è integrato nel cambio tiptronic a otto rapporti che trasferisce le coppie alla trazione integrale permanente quattro. Tutti insieme erogano una potenza di 449 CV e e una coppia di 700 Nm di coppia.  Audi A7 Sportback e Audi A6 PHEV condividono la powertrain. La batteria è identica ad Audi A8 PHEV. Il propulsore a combustione è, invece, un quattro cilindri 2.0 TFSI.

Il cambio S tronic a sette rapporti, che integra il motore elettrico, trasmette la coppia alla trazione quattro con tecnologia ultra. Entrambi i modelli sono disponibili in due step di potenza. La variante 50 TFSI e può contare su di una potenza di sistema di 299 CV, mentre la versione 55 TFSI e tocca i 367 CV. La coppia si attesta rispettivamente a 450 e 500 Nm. La powertrain di Audi Q5 PHEV riprende l’architettura di Audi A6 e A7 Sportback PHEV. In Europa, anche il SUV dei quattro anelli viene proposto tanto nella versione 50 TFSI e quattro, forte di 299 CV, quanto nella versione 55 TFSI e quattro, accreditata di 367 CV.

Le nuove vetture ibride plug-in Audi dispongono delle modalità di marcia EV, Auto e Hold. Grazie a un apposito comando, il conducente può scegliere fra queste tre impostazioni dando rispettivamente priorità alla trazione elettrica, alla modalità ibrida completamente automatica o al risparmio d’energia a vantaggio di una successiva fase di marcia. In modalità “Auto”, i modelli PHEV sfruttano l’interazione intelligente tra il motore elettrico e il propulsore a combustione, così da massimizzare l’efficienza. Con il programma “Hold”, diversamente, viene mantenuto inalterato il livello di carica della batteria, conservando l’energia per, ad esempio, la successiva marcia in città in modalità esclusivamente elettrica. Il predictive efficiency assist contribuisce in modo determinante all’incremento dell’autonomia elettrica e al massimo comfort per il guidatore.

La gestione della dinamica di marcia Audi drive select permette di scegliere tra i classici programmi di guida comfort, efficiency, auto e dynamic, andando a incidere sull’erogazione, il setup delle sospensioni e la taratura dello sterzo. In modalità dynamic, il motore elettrico supporta maggiormente quello a combustione. In modalità esclusivamente elettrica, l’acceleratore adattivo trasmette un feedback tattile al guidatore per invitare a uno stile di guida il più efficiente possibile. Rilasciando il pedale destro a velocità inferiori a 160 km/h, l’auto avanza per inerzia – optando per i programmi auto ed efficiency dell’Audi drive select – con entrambi i motori disaccoppiati e spenti. Con il cambio in modalità S e con il profilo dynamic, diversamente, il motore elettrico rimane attivo in fase di rilascio, così da recuperare energia (converte l’energia cinetica in energia elettrica).

L’Audi virtual cockpit (optional) e il display MMI mostrano tutte le informazioni relative alla marcia elettrica: powermeter, autonomia e flussi d’energia. Grazie all’e-tron Charging Service la ricarica è ancora più semplice: in dotazione coi modelli ibridi plug-in Audi viene fornito il sistema di ricarica compact, costituito da un cavo per prese domestiche e industriali e un pannello di controllo. 
A richiesta, Audi fornisce un connettore e un cavo per le stazioni pubbliche. Collegandosi a una colonnina da 7,2 kW, la batteria si ricarica completamente in due ore. Il servizio di ricarica Audi, denominato e-tron Charging Service, garantisce (a richiesta) l’accesso a una vasta rete di colonnine pubbliche in 16 Paesi europei.

ARTICOLI CORRELATI