Bentley Continental GT Convertible 2019: lusso inglese allo scoperto

Viene svelata in questi giorni al Los Angeles Auto Show Bentley Continental GT Convertible, versione scoperta dell’omonimo modello coupé giunto alla terza generazione.

A un anno di distanza dalla presentazione del restyling di Bentley Continental GT, alla rassegna californiana viene svelata la sua versione scoperta, della quale erano trapelate molte poche notizie fino ad oggi. Si sapeva solo che lo stile avrebbe ricalcato quello della coupé, dall’eleganza discreta, ma avrebbe avuto un “soft top” in tela.

Gli ingombri, come era stato anticipato, sono gli stessi (4,8 metri di lunghezza per 2,23 di larghezza), ma il profilo di Bentley Continental GT Convertible è stato ribassato grazie alla posizione più avanzata delle ruote anteriori. La caratteristica linea di cintura della versione coupé viene riproposta anche qui, ma nella cabrio è sormontata dalla nuova capote in tela multistrato a comando elettrico, che si apre e si chiude in 19 secondi, operazione che è possibile effettuare fino a una velocità di 50 km/h.

La capote può essere personalizzata in sette colori, compreso un originale motivo Tweed, che si accompagnano alle diciassette tonalità della carrozzeria e, per gli interni, a otto tipi di finiture in radica e quindici tipi di pellame di alta qualità per i sedili e i pannelli. In altre parole, la casa di Crewe ha voluto fare della personalizzazione il punto di forza di questa cabriolet che, lo ricordiamo, è interamente progettata e realizzata a mano in Gran Bretagna.

Un altra caratteristica propria di questa versione, soprattutto per l’utilizzo a cielo aperto in ogni stagione, è la “sciarpa termica”, la bocchetta che soffia aria calda in corrispondenza della testa e del collo del conducente e del passeggero, collocata nei poggiatesta anteriori. Sempre in funzione del comfort in ogni condizione climatica, il volante può essere riscaldato, così come i sedili e i braccioli.

Negli interni spicca lo schermo da 12,3 pollici per l’infotainment, che ruota in funzione del tipo di visuale scelta: analogica, digitale oppure digitale ma semplificata per visualizzare solo le informazioni più importanti.

Bentley Continental GTC adotta, come già la coupé, il controllo attivo del rollio con sospensioni attive a controllo pneumatico che permette di configurare la rigidità dell’assetto in diverse modalità (Comfort, Bentley Mode, Sport o personalizzato). Per ottimizzare il peso della vettura e migliorare la rigidità torsionale, per il telaio della cabriolet sono stati impiegati alluminio e acciai ad alta resistenza.

Anche per quanto riguarda il motore, il nuovo modello segue la strada tracciata dalla coupé, adottando un 12 cilindri da 6 litri capace di sprigionare una potenza massima di 635 CV e una coppia di 900 Nm, dotato inoltre di tecnologia Start&Stop e funzione “Coasting”, che mantiene il motore al minimo a veicolo fermo e alle basse velocità. In determinate condizioni di impiego entra in funzione anche il Variable Displacement, che spegne 6 dei 12 cilindri.

La trasmissione si serve di un cambio a otto marce e di un nuovo controllo di trazione che distribuisce la coppia fra avantreno e retrotreno. Le prestazioni sono da vera supercar: 333 km/h di velocità massima e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,8 secondi.

ARTICOLI CORRELATI