USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Bollo, revisione e patenti: cosa cambia con la proroga dello stato d’emergenza

Con il prolungamento dello stato d'emergenza al 31 dicembre, alcune scandente fiscali hanno subito uno spostamento nel tempo. Per Bolli e revisioni si arriva fino a 10 mesi, ma attenzione alle normative regionali

L’attuale situazione sanitaria del nostro paese ha spinto il Governo a prorogare lo stato d’emergenza in essere fino al 31 dicembre 2021. Questo ha delle ripercussioni anche nel mondo delle vetture, con una serie di adempimenti che subiranno una proroga e altri no. Ecco cosa cambia.

Avanti con lo stato d’emergenza: le novità per il settore auto

Con il prolungamento dello stato d’emergenza al 31 dicembre, le scadenze di fogli rosa, delle Carte di Qualificazione dei Conducenti e delle patenti di guida che avevano come scadenza la data del 29 ottobre 2021 subiranno un nuovo slittamento come chiesto della Confarca, l’associazione di categoria di autoscuole, studi di consulenza, scuole nautiche e centri di revisione. L’associazione vede nel Green pass anche una sorta di ancora di salvezza, sperando che questa possa permette di ridurre la distanza interpersonale nelle aule e conseguentemente avere un numero di allievi maggiori. Slitta anche il termine delle revisioni. Tutte quelle in scadenza o scadute tra il 1 settembre 2020 e il 30 giugno 2021 sono automaticamente prorogate di altri dieci mesi. Stesso discorso per il pagamento del bollo auto, la cui scadenza era fissata allo scorso 30 giugno: anche in questo caso lo slittamento è di dieci mesi, ma con la sostanziate differenza che alcune regioni italiane avevano già deciso autonomamente di spostare la vecchia data, venendo incontro alle esigenze dei propri cittadini. Controllare sempre le disposizioni regionali a ridosso delle scadenze può essere un consiglio utile per restare aggiornati con le normative.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE