Chrysler Sebring – Long Test Drive

Punta sul diesel Come già detto, la Sebring punta tutto (o quasi) sul suo motore turbodiesel per far breccia nel cuore degli automobilisti. E lo fa scegliendo un prodotto bello che pronto, di matrice Volkswagen, il 4 cilindri di 2 litri della casa tedesca con 143 cavalli e 310 Nm. Le prestazioni, a conti fatti, […]

Punta sul diesel Come già detto, la Sebring punta tutto (o quasi) sul suo motore turbodiesel per far breccia nel cuore degli automobilisti. E lo fa scegliendo un prodotto bello che pronto, di matrice Volkswagen, il 4 cilindri di 2 litri della casa tedesca con 143 cavalli e 310 Nm. Le prestazioni, a conti fatti, ci sono: 11 secondi nello 0-100 e 200 orari di velocità massima, anche grazie al peso di 1.400 kg nonostante le dimensioni generose. King size La berlina made in USA è lunga 4,84 metri, offre parecchio spazio a bordo per 5 persone ed un bagagliaio da 440 litri. L’abitabilità è più che buona, addirittura sontuosa nella parte anteriore, mentre i sedili peccano in quanto a contenimento laterale e solidità della seduta. In manovra la mole non è troppo impegnativa, una volta fatto l’occhio alla forma allungata del paraurti anteriore. Ciò che non convince invece è la qualità delle finiture, nonostante l’aspetto curato. Molte plastiche sono rigide, gli assemblaggi lasciano a desiderare, e particolari quali il rivestimento del baule sono di livello appena discreto. In generale comunque il risultato è sufficiente, ma non quanto basta per impensierire troppo le rivali tedesche, italiane o francesi. Su strada L’estetica “presidenziale” e l’originalità delle linee fa sì che questa Sebring non passi inosservata. La presenza stradale è buona, da brava americana. Guidando invece si deve un’attimo resettare il cervello, perchè Sebring è un’auto che va condotta con andatura paciosa ed animo rilassato. L’assetto, pur sensibilmente irrigidito, rimane votato al comfort, alla pari dello sterzo piuttosto cedevole. Si viaggia sul velluto, sfruttando l’ottimo tiro del motore ai medi regimi, che rende meno impellente l’uso del preciso cambio manuale. In curva la Sebring si comporta sinceramente, senza troppe pretese da sportiva, e lascia le redini della dinamica ai controlli elettronici, il cui intervento è decisamente avvertibile. Inappuntabile la frenata, pronta e potente, alla pari dell’insonorizzazione se si eccettua la “voce” del diesel al salire dei giri. Quanto costa? Non vorremmo che vi foste fatto un’idea sbagliata sulla Chrysler Sebring, leggendo qualche nostra critica. Ciò che abbiamo detto non tiene conto infatti del listino di questa berlina: per la versione 2.0 turbodiesel si spendono 26.250 euro in versione Touring e 28.900 per l’allestimento Limited. Un listino allettante, di fronte al quale si può anche… chiudere un’occhio.

ARTICOLI CORRELATI