Decreto Micromobilità: semaforo verde a monopattini e hoverboard nelle città italiane

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha approvato la sperimentazione su strada nelle città italiane di monopattini elettrici, segway, monoruota e hoverboard

Tutto è iniziato da un’intuizione, quella di disciplinare l’utilizzo di monopattini elettrici, monoruota, segway e hoverboard: i mezzi di trasporto per spostamenti a corto raggio del futuro, che sposano appieno quell’imperativo di sostenibilità ambientale che sta diventando sempre più una necessità nella maggior parte delle città italiane. Da oggi, quest’idea è diventata finalmente realtà: il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Tonelli, ha infatti firmato il decreto Micromobilità, che di fatto approva la sperimentazione di questi veicoli in tutta Italia.

NEL RISPETTO DELL’AMBIENTE

Il via libera al decreto Micromobilità è stato comunicato dallo stesso Tonelli sul suo account Facebook: “Giusto in tempo per l’estate abbiamo approvato la sperimentazione su strada e in contesti urbani di monopattini, segway, monowheel e hoverboard nelle nostre città italiane, garantendo la massima sicurezza di tutti gli utenti della strada. Si tratta di un importante passo in avanti verso una mobilità green e verso un concetto di trasporto intermodale, che permetta a chiunque di scegliere anche mezzi sostenibili alternativi per spostarsi sul tragitto casa-scuola-lavoro. Spero che il maggior numero di sindaci colga quest’occasione, aiutando la propria città a convertirsi verso una mobilità a zero impatto ambientale di cui, al momento, c’è grande bisogno“.

IL DECRETO NEI DETTAGLI

Entrando nello specifico, il decreto Micromobilità prende spunto dal modello spagnolo: con questi veicoli sarà possibile circolare sui marciapiedi, con una velocità massima di 6 km/h, e nelle “Zone 30“, dove invece il limite è fissato a 25 km/h. Alla guida non sarà necessario l’utilizzo del casco nè sarà richiesta alcuna copertura assicurativa o targa di riconoscimento. Tuttavia, questi mezzi non potranno circolare sulle strade normali.

ARTICOLI CORRELATI