F1: ad Abu Dhabi sarà messa all’asta la Ferrari F2002 di Michael Schumacher

In occasione del GP di Abu Dhabi, ultima prova del Mondiale di F1 2019, la casa d'aste RM Sotheby's proporrà la mitica Ferrari F2002 con la quale Michael Schumacher vinse il suo quinto Campionato del Mondo

Il Mondiale di F1 2019 è ormai pronto ad accendere i motori in questo fine settimana con il GP di Francia, al via sullo storico circuito del Paul Ricard. Lo spettacolo della massima serie iridata sarà garantito in tutto l’arco della stagione, che culminerà con l’ultima prova di novembre, vale a dire il GP di Abu Dhabi: un appuntamento che in quest’occasione verrà chiuso in bellezza grazie anche alla presenza della nota casa d’aste RM Sotheby’s, che proporrà, tra le tante supercar, una monoposto davvero speciale…

RITORNO AL PASSATO: STAGIONE 2002

Stiamo parlando della Ferrari F2002, mitica monoposto con la quale Michael Schumacher vinse nella stagione 2002 il suo quinto Titolo Piloti. Una vettura leggendaria, che permise al Kaiser di mettere in bacheca ben dieci vittorie che gli valsero la corona d’alloro di Campione del Mondo già nel GP di Francia, all’epoca ospitato sul circuito di Magny-Cours. In quella stagione il pilota tedesco arrivò sempre a podio, mentre il suo compagno di squadra Rubens Barrichello salì sul gradino più alto quattro volte. Il brasiliano contribuì alla causa della Ferrari regalando il Titolo Costruttori già al GP di Germania: in totale la F2002 ottenne 14 vittorie su 15 gare totali, mancando il successo solamente nella tappa di Montecarlo.

VETTURA VINCENTE

Entrando nello specifico, l’esemplare che sarà proposto dalla casa d’aste RM Sotheby’s sarà proprio quello che portò Schumacher al successo in quel di Magny-Cours: si tratta dello chassis numero 219, che vinse nelle mani di Michael anche ad Imola e in Austria, mentre finì sul gradino di mezzo del podio grazie a Rubens Barrichello negli appuntamenti di Monaco e di Spa-Francorchamps. Una volta vinti i Titoli Piloti e Costruttori, la Ferrari decise di utilizzare questo telaio come muletto per i test, il quale venne successivamente ritirato dal servizio al termine della stagione. A livello di meccanica, la F2002 era molto diversa rispetto alle sue progenitrici, dal momento che presentava un’aerodinamica con pance e deviatori di flusso decisamente più pronunciati rispetto alla vecchia F2001. Il motore, invece, era un 3 Litri V10 in grado di erogare ben 835 cavalli a 17.800 giri/min. Da tutti è considerata come una delle più significative e dominanti monoposto di Formula 1, al punto che venne utilizzata anche nei primi quattro Gran Premi della stagione 2003 nell’attesa della successiva F2003GA.

IN ONORE DI MICHAEL

Questa monoposto, quindi, diventerà sicuramente il piatto forte dell’asta che si terrà durante il weekend del GP di Abu Dhabi di fine novembre: prima di essere disponibile per il pubblico, verrà sfoggiata in una passerella in cui ci sarà anche una F40 molto speciale, completamente restaurata e firmata dal pilota della Ferrari Sebastian Vettel. Il prezzo per portarsela a casa? Al momento la casa d’aste RM Sotheby’s non ha fornito una stima sulla F2002, ma considerati i 7,5 milioni di dollari con i quali è stata venduta nel 2017 la precedente F2001, crediamo che anche questa Rossa non sarà da meno. In ogni caso, parte del ricavato della vendita della F2002 sarà devoluto all’associazione no profit Keep Fighting – Never Give Up Foundation, creata dalla famiglia di Michael Schumacher al fine di diffondere a chi si trova in difficoltà il messaggio di speranza del sette volte Campione del Mondo: mai arrendersi!

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI
info ADV
RUOTE IN RETE