Ferrari F150 primi dati ufficiali ed info della nuova supercar F150

La nuova supercar della Casa di Maranello prende il nome di Ferrari F150, dopo che nei mesi scorsi era invece circolato il nome F70. Motore 6,3 litri V12 da 740 CV per lei

La nuova Ferrari F150, supercar ibrida spinta da un motore da 6,3 litri V12 capace di 740 CV, è quasi pronta al debutto previsto per la prima parte del 2013, un debutto che avviene dopo tre anni di duro lavoro sul telaio da parte di un nutrito gruppo di lavoro di ingegneri di F1 e GT. Per ottenere la massima efficienza ed il minimo peso, la monoscocca sarà costruita in fibra di carbonio utilizzando materiali, metodologie di progettazione e processi di costruzione tecnologicamente molto avanzati. L’aspetto chiave per la realizzazione di questo telaio è l’utilizzo di quattro diversi tipi di fibra di carbonio, al fine di ottenere una rigidità torsionale aumentata del 27% rispetto alla Ferrari Enzo, progenitrice della Ferrari F150.

La F150 è dotata non solo del motore termico da 740 Cv ma anche della più recente evoluzione dell’HY-KERS, sistema elettrico ibrido presentato per la prima volta al Salone di Ginevra un paio di anni or sono. L’HY-KERS non solo aumenta le prestazioni della F150, donandole circa 150 CV aggiuntivi, ma aiuta anche a ridurre le emissioni addirittura del 40%. al tempo stesso riduce il tempo dello scatto da 0 a 100 km/h di circa il 10% rispetto ad esempio alla F12 Berlinetta dotata dello stesso motore termico della F150. La scelta della dimensione della batteria ed il suo peso sono fattori fondamentali in questo tipo di tecnologia, in quanto si deve trovare un equilibrio tra l’esigenza di una batteria non troppo pesante e la sua effettiva fornitura di energia alla vettura. Il posizionamento della batteria e del serbatoio è previsto appena dietro la schiena del pilota, una soluzione questa che migliora anche il baricentro dell’auto.

Al fine di razionalizzare lo spazio interno, l’abitacolo è costruito intorno al guidatore, sfruttando al massimo l’esperienza Ferrari, sia in termini di funzionalità che di ergonomia. Di qui la decisione di adottare una sede fissa, che sarà su misura (come in una F1), con una pedaliera regolabile e volante specifico. L’inclinazione dello schienale ed il fatto che i piedi degli occupanti sono allo stesso livello del posto di guida, danno una sensazione di guida straordinariamente vivace che garantirà enorme divertimento al pilota.

ARTICOLI CORRELATI