USATA
cerca auto nuove
NUOVA

General Motors verso la Luna: in arrivo un rover con Lockheed Martin

Si chiamerà Lunar Terrain Vehicle (LTV) e sarà un mezzo che permetterà agli astronauti del programma Artemis della NASA di muoversi agilmente sulla superficie del nostro satellite

La Luna è da sempre una meta molto ambita per il genere umano: lo testimoniano le missioni spaziali Apollo del XX secolo, che presto dovrebbero ripartire grazie al programma Artemis sempre sviluppato dalla NASA secondo il quale il protagonista – oltre agli astronauti – sarà un veicolo molto speciale realizzato da General Motors in collaborazione con Lockheed Martin.

Per le due aziende questa partnership non è nuova: la GM, infatti, si era già dilettata in passato nel costruire dei “rover” per l’utilizzo sul suolo lunare, nello specifico il “Lunar Roving Vehicle” poi impiegato durante le missioni Apollo 15, 16 e 17, mentre la Lockheed è da sempre legata al mondo aerospazio tramite la progettazione di velivoli sia civili che militari.

General Motors rover lunare

Nell’ambito del programma Artemis, quindi, questa sarà l’occasione per creare un mezzo nuovo, più evoluto ma anche più efficiente in modo da percorrere tragitti più lunghi dei 7,6 km garantiti dal suo predecessore. Si chiamerà “Lunar Terrain Vehicle” (LTV) e ovviamente sarà spinto dalla trazione elettrica, che assieme alle ultime tecnologie in fatto di accumulatori permetterà di spingersi verso territori inesplorati come il freddo e roccioso Polo Sud lunare.

Questo progetto, inoltre, implementerà gli ultimi sviluppi della guida autonoma firmati General Motors, il che consentirà agli astronauti di spostarsi con agilità sulla superficie della Luna, ma anche con maggiore velocità e per distanze più lunghe. Completerà il pacchetto una capacità di carico decisamente elevata, grazie alla quale sarà possibile trasportare anche materiale ferroso da studiare una volta fatto ritorno sulla Terra.

General Motors rover lunare

Con questi presupposti il fermento per far tornare l’uomo sulla Luna (entro e non oltre il 2024 per poi garantire una presenza stabile al termine di questo decennio) è sicuramente alle stelle, come sottolineato dal vice-presidente all’innovazione e alla crescita di General Motors Alan Wexler: “General Motors ha fatto la storia applicando tecnologie avanzate e ingegneria per supportare il Lunar Roving Vehicle che gli astronauti dell’Apollo 15 hanno guidato sulla Luna. Lavorando insieme a Lockheed Martin e alla loro esperienza nell’esplorazione dello Spazio profondo, abbiamo in programma di supportare ancora una volta gli astronauti americani sulla Luna”.

Queste, invece, le parole di Rick Ambrose, vice-presidente di Lockheed Martin Space: “Questa alleanza riunisce la grande innovazione di entrambe le società per creare una classe di veicoli volubili. La mobilità di superficie è fondamentale per consentire e sostenere l’esplorazione a lungo termine della superficie lunare”.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE