USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Gli EcoBonus Day di Mercedes-Benz per promuovere il Diesel pulito

Mercedes apre una finestra e porta una boccata d’aria - decisamente più pulita - per i propulsori a gasolio. "Il motore endotermico ha ancora molto di dire, in particolare con la nuova generazione di motori" ha sentenziato Eugenio Blasetti, responsabile della Comunicazione di Mercedes-Benz per l’Italia

Mentre a Torino il sindaco blocca tutti i diesel fino alla disciplina Euro 4 dopoché amministratori locali o nazional-europei ne avevano già ampollosamente proclamato il de profundis nella mobilità del 2020, Mercedes apre una finestra e porta una boccata d’aria – decisamente più pulita – per i propulsori a gasolio. “Il motore endotermico ha ancora molto di dire, in particolare con la nuova generazione di motori” ha sentenziato Eugenio Blasetti, responsabile della Comunicazione di Mercedes-Benz per l’Italia. Una frase che parte da considerazioni realistiche sull’attualità delle auto elettriche, un settore al momento troppo costoso e dai numeri ancora bassi che non favoriscono investimenti e impegni immediati anche nelle infrastrutture, e si fa forte di sorprendenti risultati ottenuti con la nuova generazione di propulsori a gasolio.

Test Sorprendente

 

 

Partiamo da questi ultimi. L’occasione è l’Ecobonus-Day, iniziativa che abbraccia la gamma Mercedes con una offerta sui diesel fino a fine anno e illustrata nella sede milanese della Venus distributore dei brand del Gruppo Daimler: l’obiettivo è dimostrare – strumenti alla mano – l’abbattimento e la riduzione dei costi di gestione, partendo dalla riduzione delle emissioni e di conseguenza dei consumi.

E i risultati parlano chiaro: con la E 220 d 4MATIC All Terrain abbiamo consumato su un percorso di un centinaio di km (tra autostrada e la trafficata strada statale sulle rive del Lago di Como, in orario di punta) addirittura meno gasolio rispetto al dato di omologazione della vettura, un range tra 4,6 e 5,2 l/100 km. Il nostro consumo è stato di soli 4,4 litri, dunque con con un rendimento di efficienza del 105%, tra i migliori risultati di giornata (sul podio…) e con una trazione a 4 ruote motrici!

Nuova Generazione da 3 Miliardi

“Noi abbiamo investito 3 miliardi di euro soltanto sullo sviluppo di diesel puliti con risultati straordinari: se torniamo indietro e facciamo il paragone tra il 2143 cc precedente e il 1950 cc che qui è sulla Classe E, ebbene abbiamo una diminuzione di 193 cc e un aumento di 24 CV (170-194), una diminuzione di consumi passando da 21 km/l a 25,6 km/l percorrendo 4,6 km in più, una diminuzione di emissioni nocive, da 130 g/km a 102 g/km dunque -28 g/km, una diminuzione di peso del motore da 203 a 168 kg, più di 35 kg grazie a nuove soluzioni. Un propulsore di nuova generazione rappresenta una scelta responsabile per l’ambiente e un grande vantaggio nel risparmio sui costi di esercizio” aggiunge Blasetti. Chiaramente il margine aumenta nel confronto con la gamma 2006 Euro4: 25,6 km/l contro 16 km che si traduce in un risparmio di 3300 euro su 100.000 km a fronte di migliori prestazioni e una potenza massima portata da 150 a 194 CV

La Storia

 

 

Senza tornare troppo indietro, Mercedes-Benz aveva degli obiettivi comuni: scendere a 130 g/km di CO2 nel 2015, primo traguardo facile per tutti e raggiunto, ma davanti ha indicazioni date dall’Europa: scendere a 95 g/km nel 2021, obiettivo severo, e a 68-78 nel 2025 con normative e limite da definire. Mercedes ha adottato la filosofia di abbattere il più possibile le emissioni perché così facendo si abbassano i consumi e di conseguenza tutti gli elementi inquinanti. Così facendo è passata da 9,2 l/100 km e 230 g/km del 1995 a 5,4 l/100 km e e 134 g/km del 2013 (-40%) e a 5,0 l/100 km e 123 g/km del 2016 (-7%). Nel frattempo i test su consumi ed emissioni si sono fatti via via più severi, ai test “al banco” si sono aggiunti quelli stradali, prendendo in considerazione anche fattori come il clima e le temperature , l’uso del climatizzatore, i cerchi e altri aspetti. E sono sopraggiunte soluzioni per ridurre gli elementi di combustione, i NOX: dall’invenzione del Common Rail a iniezione diretta nel 1993 alla più recente UREA per pulire in camera di scoppio… E presto ci saranno ulteriori limiti anche di tolleranza a scalare fino al 2021. Con seri restringimenti, ma anche con alcune importanti vie d’uscita per utilizzare tutta l’evoluzione di cui i Costruttori sono stati capaci e si sono rivelati più avanti di chi deve adesso stendere le normative per favorire la nuova mobilità.

Mercedes: Le Strade per il Futuro

Intanto Mercedes-Benz ha già annunciato le sue soluzioni per il futuro…: prima la – e-mobility. Con vetture urbane, con quelle a più lunga autonomia, Van, Bus e Truck. Dal 2020, considerato il punto di partenza, le Smart saranno elettriche, soluzione per spostamenti cittadini o a chilometraggio contenuto, con batterie più piccole e leggere e rapidamente ricaricabili. Mercedes pensa anche ai commerciali leggeri per consegne e trasporti notturni e silenziosi in città. Seconda strada destinata al sistema Hybrid, con benzina, diesel e in futuro idrogeno. E con soluzioni d’avanguardia, come per esempio con il benzina-Hybrid tutto elettrico da 48V (+12V) con funzione Boost Integrated Starter – Alternatore ISG, funzionamento senza cinghia, cioé tutto gestito elettricamente come in F1, un turbo elettrico che riduce drasticamente i consumi. Terza strada la nuova generazione di motori perché “sbaglia chi dice che l’endotermico deve morire…”. Quarta strada le soluzioni di Mobilità Intelligente, come Car2Go, Moovel, MyTaxi fino a una “visione” per il 2030, lo studio di un RoboTaxi che si muoverà autonomamente e utilizzabile in condivisione.

la Risposta Immediata

Nel frattempo è importante offrire soluzioni immediate, rappresentate proprio dalle offerte con i nuovi propulsori a gasolio perché è evidente come siano troppe le restrizioni sui diesel leggermente più datati e come al tempo stesso siano molto interessanti i dati sulla riduzione dei consumi e dei costi grazie anche all’abbattimento delle emissioni. Fino al 31 dicembre Mercedes-Benz offre – in sintonia con il mercato europeo – l’opportunità di passare al diesel più pulito e conforme alle nuove regole “con un contributo di 2.400 euro per chi sceglie di passare da un’auto con motore da EU1 a EU4, alle nuove generazioni di motori Diesel Euro 6, ibridi ed elettrici della Stella. 1.200 euro di bonus sono invece destinati a chi decide di entrare nella mobilità a zero emissioni di smart electric drive. L’usato Diesel di vecchia generazione, di qualsiasi marca, da EU1 a EU3, portato in permuta, verrà rottamato, contribuendo a rendere più giovane, eco-compatibile e sicuro il parco auto circolante in Italia, uno tra i più anziani in Europa”.

TUTTO SU Mercedes
Articoli più letti
RUOTE IN RETE