I cordoli dei circuiti di Formula 1 e MotoGP saranno uguali in tutte le piste

La MotoGP e la F1 inizieranno a collaborare insieme per aumentare la sicurezza dei cordoli in pista, che riceveranno presto una speciale vernice standardizzata

Quante volte abbiamo visto una monoposto da F1 o una moto da competizione passare su un cordolo… e perdere improvvisamente aderenza? I cosiddetti “killer kerbs” rappresentano una delle paure più profonde per un pilota, che una volta in pista è costretto a gestire le repentine perdite di grip causate dal riscaldamento delle gomme e dai trasferimenti di carico del mezzo che sta portando al limite.

Una situazione che va a condizionare la sicurezza sui circuiti di tutto il mondo, per la quale le rispettive Federazioni della Formula 1 e della MotoGP hanno deciso di lavorare insieme per determinare dei nuovi standard che valgano in maniera uniforme. Il progetto di collaborazione tra la FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) e la FIM (Federazione Motociclistica Internazionale) punta l’attenzione proprio sui cordoli, che presto riceveranno una verniciatura del tutto speciale.

Max Verstappen Red Bull Racing spin kerb

PIU’ GRIP, PIU’ PRESTAZIONI

Entrando nel dettaglio del progetto congiunto tra FIA e FIM, la volontà è quella di utilizzare in futuro una nuova vernice per i cordoli, per le linee di demarcazione della pista e per le vie di fuga asfaltate. Queste parti del circuito, quindi, riceveranno colori nuovi… ma soprattutto delle inedite proprietà in termini di attrito e di visibilità. L’obiettivo? Renderle evidenti in ogni condizione meteorologica e aumentare l’aderenza quando una vettura (o una moto) da corso passano sopra di loro, al fine di ridurre il rischio di incidente dovuto a un’improvvisa perdita di grip.

Grazie al nostro progetto in collaborazione con la FIM possiamo far progredire gli standard per tutte le discipline motoristiche in tutto il mondo – ha dichiarato il Presidente della FIA Jean Todt, al quale Jorge Viegas (boss della FIM) ha così risposto: “L’unione dei nostri sforzi non solo semplificherà i processi operativi per gli operatori del settore, ma garantirà anche il massimo livello di sicurezza per i piloti di tutto il mondo“.

ARTICOLI CORRELATI