Il MINI Landscape Experiment 2018 con Franciacorta e Biosphera 2.0

La casa inglese alla scoperta del nostro stato emotivo e cognitivo alla guida

MINI Cooper S E Countryman ALL4 è la prima vettura ibrida del marchio britannico ed è anche la prima vettura protagonista di un progetto innovativo: il MINI Landscape Experiment. Il progetto davvero particolare si concretizza in collaborazione con Thimus, una start-up innovatrice nel settore delle neuroscienze e in grado di raccogliere e sviluppare dati attraverso l’utilizzo di dispositivi ad alta tecnologia.
MINI, attenta alle tecnologie, ai trend del settore, alla innovazione e in particolar modo ai giovani talenti, ha deciso di aderire a questo progetto che avrà una durata di 12 mesi anche in virtù dello sviluppo delle emozioni di guida nei vari paesaggi che ci circondano.

Il progetto consiste nell’analisi, in tempo reale per una successiva elaborazione, degli stati e delle emozioni provate alla guida di modo da poter studiare progetti di mobilità che reagiscano ai diversi stati emotivi del conducente.

Le MINI che saranno utilizzate sono due Countryman, ibrida plug-in e diesel, in differenti modalità di guida: full-electric, benzina e diesel, per esaminare scientificamente le differenti reazioni di coinvolgimento e di benessere.

Il test coinvolgerà decine di persone di varie età e in sessioni multiple dove saranno monitorate costantemente attraverso dispositivi quali elettroencefalogramma graduato medico (EEG) occhiali eye-tracking di ultima generazione e un GSR per la misurazione della galvanic skin response. Queti strumenti vengono usati solitamente in ambito clinico ma in questo contesto serviranno da monitor per le emozioni alla guida attraverso una misurazione precisa e costante dei nostri stati emotivi e cognitivi.

I dati raccolti alla fine del test andranno a verificare la differenza del nostro stato alla guida in diverse situazioni come ad esempio l’utilizzo dell’auto in modalità full-electric, benzina e diesel, all’interno dei grandi centri urbani come ad esempio Milano oppure nei paesaggi del territorio di Franciacorta in provincia di Brescia.

All’interno del territorio di Franciacorta i tester di MINI saranno sottoposti ad altre misurazioni grazie alle collaborazioni con Biosphera 2.0, progetto costruito da Aktivhaus con l’aiuto del Politecnico di Torino, l’Università di Torino e l’Università della Valle d’Aosta. Biosphera 2.0 è il primo edificio al mondo certificato al tempo stesso Casa Clima Gold, Passivhaus e Minergie-P, tra gli standard più rigorosi legati a consumi energetici e benessere degli abitanti.

Anche il consorzio Franciacorta svolgerà un ruolo all’interno di questo progetto mettendo a disposizione cinque cantine selezionate per la loro rappresentatività del territorio, dove Thimus potrà analizzare quali emozioni e processi cognitivi caratterizzano oggi l’esperienza Franciacorta. Un marchio che va al di là della sola identificazione dei celebri vini locali e che vuole essere esplorato come insieme a tutto tondo di paesaggio, cantine, uomini e prodotti.

A c ura di Davide Stefano

ARTICOLI CORRELATI