Il nuovo logo Volkswagen per il 2020 al Salone di Francoforte

Volkswagen rinnova il proprio logo per il 2020 con l'intento di marcare la transizione verso l'elettrico. La presentazione al Salone di Francoforte

Volkswagen rinnova il proprio logo per il 2020 in modo da sottolineare il cambio di passo dell’azienda, sempre più vicina all’elettrico. La presentazione ufficiale è attesa al Salone di Francoforte 2019, ma a giudicare dalle novità presentate più o meno ufficialmente sembra che lo stemma rivisto abbia già debuttato. Nella foto in apertura potete confrontare il logo della nuova ID.3 con quello di una Volkswagen Golf 7, mentre nella gallery trovate alcune foto spia della nuova Golf 8. In entrambi i casi il logo, sia sul frontale che al posteriore, appare leggermente diverso.

Come è fatto il nuovo logo VW

Le modifiche, ad ogni modo, sono piuttosto leggere. Restano i caratteri di V “Volks” e “Wagen”, così come rimane invariato il gioco di linee a stilizzare un’unica grande W, con una simmetria fra parte alta e bassa ad incontrarsi al centro. A cambiare sono soprattutto le linee, ora più sottili e pulite e meno tridimensionali rispetto a prima, questo probabilmente in vista di una possibile illuminazione LED del logo stesso sui modelli elettrici, come sembra suggerire la foto scattata alla presentazione della nuova Volkswagen ID.3. Sparisce quindi il rilievo, mentre il fondale nero acquisisce importanza. Per il momento Volkswagen non ha ancora ufficializzato il nuovo marchio, ma a meno di grosse sorprese -che non rispecchiano lo stile della Casa tedesca- questo dovrebbe essere il nuovo simbolo adottato da tutte le nuove vetture.

Il logo di Wolfsburg negli anni

 

Volkswagen è uno dei marchi automobilistici più longevi del vecchio continente. Come buona parte dei propri concorrenti, anche il costruttore teutonico ha rivisto svariate volte il proprio logo con l’intento di mantenerlo sempre attuale. Dai loghi del periodo nazionalsocialista si passa ad una versione più attuale e pulita voluta dagli inglesi nel 1945, arrivando poi all’utilizzo dell’azzurro sul finire degli anni Sessanta, mantenuto anche nel passaggio al logo a tre dimensioni presentato per il nuovo millennio. Ad oggi, Volkswagen sembra pronta a tornare ad una composizione più semplice e minimalista.

ARTICOLI CORRELATI