La Metropolitana di Torino bloccata a causa del gelo

La neve e il maltempo sono diminuiti a Torino, ma le temperature polari continuano a provocare danni, soprattutto nella metro automatica, con tornelli congelati e tubature dell'acqua rotte. Ferme per allagamento ancora 4 stazioni

Torino e la metro in tilt per il gelo
Nonostante l’attenuarsi delle precipitazioni di neve e pioggia, a Torino imperversa come nel resto d’Italia il gelo polare che arriva direttamente dalla Siberia. Le temperature scese oltre i -10 e -15 gradi hanno provocato nei giorni scorsi il congelamento dei tornelli e delle scale mobili. E’ stato possibile accedere alla metropolitana senza obliterare il biglietto, a causa delle barriere sempre aperte per via del gelo che ha bloccato i circuiti. Disagi per i cittadini che si servono di questo relativamente nuovo mezzo di trasporto, inaugurato per le Olimpiadi Invernali del 2006, che trovano fuori uso anche le scale mobili per scendere e risalire dalle stazioni.

Stazioni della metropolitana allagate
E’ di oggi invece la notizia che l’intera rete è andata in tilt a causa del gelo, che ha provocato la rottura di diverse tubature dell’acqua e il conseguente allagamento di stazioni e banchine di accesso ai treni. In particolare hanno avuto grossi disagi la fermata Paradiso, una delle più affollate, oltre a quelle di Massaua, Principi D’Acaja e Dante. Al momento sono ancora 4 le stazioni chiuse alla circolazione delle passeggeri, che sono rimasti bloccati fuori. La Gtt, azienda di trasporti locale ha prontamente predisposto delle navette sostitutive per ovviare al disagio della rete sotterranea. 

Nevica al Centro Sud e nelle Isola
Continua a nevicare nel frattempo in alcune zone d’Italia, fra cui la Basilicata dove la situazione sta diventando critica dopo 72 ore di nevicate continue che hanno depositato quasi un metro di neve. Neve anche in Sardegna, con particolari rischi sul tratto stradale della SS131 che unisce Sassari con Cagliari a causa della formazione di uno spesso strato di ghiaccio.

Nelle prossime ore sono attese nuove nevicate in pianura su Molise e Puglia centro-settentrionale e, a quote superiori ai 300/400 metri con fenomeni localmente intensi, su Campania, Basilicata e Calabria

 

ARTICOLI CORRELATI