La voragine al National Corvette Museum potrebbe rimanere così

La voragine apertasi nel mese di febbraio al National Corvette Museum potrebbe non essre riparata. Questa è l'ipotesi che stanno valutando i responsabili del museo dopo il boom di visite registrato a marzo. Niente è ancora certo ma tra le ipotesi di conservazione potrebbe esserci: un pannello trasparente sopra, la costruzione di un ponticello o una scala

Potrebbe non essre coperta la voragine apertasi nel mese di febbraio al National Corvette Museum. Della vicenda ne avevamo parlato qualche tempo fa quando aveva fatto notizia il buco che si era aperto all’interno del Museo Corvette facendo sprofondare alcuni modelli della casa automobilistica.

A distanza di tempo però pare che i responsabili del museo stiano pensado di non ripare la voragine apertasi nel pavimento. In un’intervista fatta dalla CNN a Katie Frassinelli, capo dell’ufficio marketing e comunicazione, ha infatti affermato che potrebbe esserci la possibiltà che il buco rimanga come lo si vede, anche se resta da chiarire come verrebbe conservato: se coperto in parte o interamente con un pannello trasparente o con la costruzione di un ponticello o una scala, ma nessuna ipotesi ha la prevalenza.

Un’idea presa in considerazione dopo aver visto il numero di visite che nel mese di marzo sono aumentate del 50% rispetto al 2013. Delle auto precipitate nella voragine solo 4 però sarebbero recuberabili mentre le altre 8 rimarrebbero così come sono state recuperate.

La decise verrà presa in teoria a maggio quando i vertici del museo si incontreranno con alcuni dirigenti General Motors e con restauratori indipendenti per ascoltare le divese proposte e valuteremo come comportarsi.

ARTICOLI CORRELATI