Lotus vuole tornare ad essere una rivale di Ferrari

Geely, compagnia cinese che ha di recente acquistato il brand Lotus, dichiara per voce del suo Presidente che in futuro Lotus vuole tornare a rivaleggiare, per qualità e prestazioni, con Ferrari.

Due mesi dopo aver acquistato la storica Casa inglese Lotus, Geely sta svelando pian piano i propri piani per il futuro e per quello del marchio sportivo britannico. Piani che, senza giri di parole, suonano quasi fin troppo ambiziosi. Anche se l’annuncio non è ancora stato dato in maniera ufficiale, pare che Lotus stia pensando di lanciare sul mercato il primo SUV della sua storia.

Un veicolo probabilmente basato sulla piattaforma modulare CMA su cui è sviluppata anche la Volvo XC40. Una piattaforma in grado di ospitare motori ad alte prestazioni e ovviamente la trazione integrale, una novità gradita e assai attesa da Lotus. Ma i piani di Geely non si fermano certo al SUV.

Stando a quanto riportato da Autocar, la compagnia cinese vuole non solo che Lotus torni a costruire auto sportive, ma che lo faccia in grande stile, andando a rivaleggiare con brand storici, su tutti Ferrari. “Abbiamo dei piani: vogliamo riportare in alto il brand Lotus, per far sì che sia uno dei top brand nel segmento delle auto sportive. Lotus un tempo veniva accostata a Ferrari e Porsche, quindi dobbiamo far sì che questa percezione torni ad essere presente“, ha dichiarato An Cong Hui, boss di Geely.

Dopo anni di incertezze, Lotus è recentemente tornata a generare profitti e pare finalmente essere in buone mani. Rivaleggiare con Ferrari, però, sembra essere tutt’altro paio di maniche. Solo il tempo potrà giudicare la bontà di questa operazione.

ARTICOLI CORRELATI