Mal d’auto: rimedi alla cinetosi e alla nausea in macchina

Il mal d'auto accompagna molte famiglie durante le vacanze. La cinetosi, ovvero la nausea in macchina, può però essere mitigata. Ecco come intervenire per fermare il mal d'auto di bambini, cani e adulti

Il mal d’auto dei bambini, dei cani o degli adulti è purtroppo una costante per molte famiglie e si manifesta su lunghi o brevi tragitti. La chinetosi, questo il nome scientifico della nausea in macchina, si manifesta principalmente a causa di un’illusione ottica di cui è vittima il cervello durante la guida e, come saprete, compare più rapidamente quando abbiamo lo sguardo assorto in ciò che ci è vicino, come un libro, lo smartphone o un tablet.

Il mal d’auto è causato principalmente da una differenza percettiva tra visione e senso dell’equilibrio, che viene sviluppato da una parte dell’orecchio interno chiamato Vestibolo. I rimedi alla nausea sono molteplici e vanno da piccoli accorgimenti fino a sistemi più elaborati, come braccialetti per la nausea o pillole contro la cinetosi.  A questi rimedi si aggiungono i Seetroën, occhiali sviluppati dal brand francese appositamente per fare fronte al problema del mal di stomaco in auto.

Come combattere il mal d’auto: precauzioni

Porre rimedio alla cinetosi di adulti e bambini richiede tutta una serie di piccole precauzioni, a cominciare dall’alimentazione. Ingerire cibi secchi e bere poca acqua aiuta sicuramente a mettere il proprio stomaco nella condizione ottimale, così come prestare attenzione alla digeribilità delle pietanze assunte. In secondo luogo, fissare lo sguardo lontano è sempre utile, sia che il mal d’auto vi abbia colto mentre sedete davanti, in macchina, sia negli ultimi posti di una corriera. Questo per mettere il vostro cervello nella condizione migliore per assimilare il divario tra ciò che è fermo e ciò che invece si sta muovendo.

Offrire una buona visuale della strada è un’ottima pratica da seguire anche per prevenire il mal d’auto a cani e gatti.  C’è chi consiglia di bagnarsi i polsi con acqua fredda, il che si rivela un’ottima abitudine. Per ottenere risultati simili o migliori potete acquistare polsini e fascia (come quelli usati dai giocatori di basket) e indossarli dopo averli raffreddati con acqua il più possibile fredda. In questo caso non esagerate, ma rimuovete gli accessori dopo 15 minuti dall’applicazione ed eventualmente ripetete il processo dopo qualche minuto.

Rimedi contro la nausea in macchina, i bracciali

Tra i metodi più conosciuti contro la chinetosi ci sono sicuramente i braccialetti, introdotti nel mercato europeo circa vent’anni fa. Il braccialetto contro la nausea è retaggio della medicina cinese e può essere assimilato alla pratica dell’agopuntura. In questo caso però, il lavoro del braccialetto anti vomito si concentra sull’esercitare una pressione al polso, senza alcuna perforazione cutanea.

Non si basa su un principio attivo come nel caso delle pillole ma, al contrario, agisce meccanicamente sfruttando le connessioni che attraversano il nostro corpo. Gli effetti del braccialetto sono buoni in alcuni casi, ottimi in altri e quasi nulli in altri ancora.

Molto dipende dal posizionamento del bracciale che, ovviamente, gioca un ruolo fondamentale al pari della predisposizione mentale di chi indossa il braccialetto anti nausea. Per quanto possibile è importante che chi lo indossa creda nel suo funzionamento. Non che il sistema sfrutti il placebo, ma in questi casi lo scetticismo non aiuta. I braccialetti hanno un prezzo contenuto, che solitamente si aggira attorno ai 12 euro per la coppia.

Curare il mal di macchina con rimedi naturali: lo zenzero

La natura, spesso e volentieri, offre soluzioni semplici a problemi apparentemente complessi. Nel nostro caso specifico è risaputo che lo zenzero protegge il fisico dalla nausea. Lo zenzero infatti, sin dai tempi antichi, viene utilizzato per purificare la digestione, motivo per cui potete spesso trovarne alcune foglie ad accompagnare una cena a base di sushi: in Giappone viene servito per chiudere il pasto. Per combattere il mal d’auto però non sarà necessario andare a cena al ristorante giapponese (o forse si?) ma basterà acquistare zenzero in polvere, compresse o, se ne avete la possibilità, direttamente come radice. Potete trovare lo zenzero nei supermercati ben forniti, in farmacia o erboristeria. Ricordatevi sempre di assumere la vostra dose di zenzero almeno mezz’ora prima di iniziare il vostro viaggio.

 

Seetroën: gli occhiali contro la Cinetosi di Citroën


I bizzarri
occhiali marchiati dal Double Chevron promettono un approccio rivoluzionario alla cinetosi. Funzionano soprattutto se siete in auto, in treno (si, c’è chi soffre anche il trasporto su rotaie) o in autobus, l’effetto viene invece attutito su navi ed aerei. Lanciati sul mercato a luglio 2018, i Seetroën hanno già vinto due premi in Europa e puntano a riportare in asse l’orizzonte di chi soffre di mal d’auto.

Come funzionano?

Gli occhiali non hanno lenti e sembrano progettati per chi, di occhi, ne ha anche ai lati della testa, per un totale di quattro. I progettisti dei Seetroën hanno infatti voluto massimizzare gli effetti del prodotto andando ad agire anche sulla vista laterale. La montatura degli occhiali racchiude un liquido che si sposta come se appartenesse a una livella. Mentre le lenti frontali (dove gli occhi ci sono davvero!) agiscono sull’asse orizzontale, la montatura ai lati del viso lavora sull’asse verticale. In questo modo vista e cervello vengono “ingannati” e il corpo percepisce correttamente lo spazio, permettendo addirittura di leggere o consultare lo smartphone.

Gli occhiali Seetroën vengono venduti sul sito lifestyle.citroen.com ad un prezzo di 99€: non per tutti, nemmeno da portare.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE