Maserati presenta il nuovo assetto industriale

La casa di Modena ha presentato alle istituzioni e ai sindacati le sue strategie future che prevedono tre nuovi modelli. Produzione anche alla ex Bertone. A Modena prodotta una nuova Alfa Romeo

Tre nuovi modelli per Maserati
La casa del tridente prosegue nella sua strategia industriale che prevede un ampliamento della gamma. Infatti nei prossimi due anni sono attesi tre nuovi modelli per tre diversi segmenti di mercato (il suv, la nuova Quattroporte ed un modello più piccolo), uno dei quali ad alti volumi.
Maserati è presente in 65 paesi del mondo e grazie ai nuovi modelli ha già pianificato un aumento della produzione che nel 2015 si prevede arrivi a 150 mila unità all’anno.
Questi nuovi piani sono stati presentati oggi a Modena alle istituzioni ed ai sindacati.

Siti produttivi previsti da Maserati
È già stato previsto che nelle attuali fabbriche utilizzate da Maserati non si possono svolgere le attività industriali: per esempio lo stabilimento di Modena non è in grado di aumentare la sua capacità produttiva, vista la sua collocazione all’interno della città.
Qui proseguono  le attività relative alla progettazione e alla commercializzazione dell’intera gamma prodotto nonché la produzione delle vetture Masertati GranTurismo e GranCabrio. Inoltre, insieme a queste si aggiunge da maggio 2013 un nuovo modello Alfa Romeo con volumi stimati a regime fino a un massimo di 2500 unità all’anno.
Così la futura produzione viene programmata alle Officine Automobilistiche Grugliasco (ex Bertone). L’impianto, acquistato da Fiat poco più di due anni fa, è soggetto ad investimenti che raggiungeranno a fine piano i 500 milioni di euro.
Maserati ha scelto di gestire gli eventuali impatti sull’occupazione con l’utilizzo della Cassa Integrazione Guadagni ma saranno colte tutte le opportunità per l’utilizzo di lavoratori della casa modenese in altre sedi del Gruppo.

ARTICOLI CORRELATI