Mercato auto – ottobre 2008

Continua la flessione del mercato delle auto nuove, mentre aumenta la preferenza di vetture a minimo impatto ambientale

L’Italia registra l’ennesima flessione del mercato dell’auto nuova, i dati comunicati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti relativi al mese di ottobre dimostrano un 18,9% in meno rispetto al 2007. Duro il commento di Salvatore Pistoia, Presidente dell’ UNRAE “E’ ormai evidente che la crisi finanziaria è penetrata strutturalmente nelle dinamiche del mercato dell’auto”.
In particolare sono calate le immatricolazioni ai privati, – 25%, un evidente segnale delle difficoltà a cui devono far fronte le famiglie italiane che di conseguenza si orientano verso auto di piccole dimensioni e attente al risparmio, le city car sono infatti aumentate di 3 punti.
“Appare chiaro – prosegue il Presidente dell’UNRAE – che un rilancio della domanda di auto nuove offrirebbe un contributo rilevante alla ripresa dei consumi e alla crescita del PIL, ma porterebbe anche – attraverso una continua e progressiva riduzione del consumo di carburante e delle emissioni – a rendere meno difficile il raggiungimento degli obiettivi di riduzione della CO2, previsti dall’Unione Europea nel breve/medio periodo”.
Dalla struttura del mercato elaborata dall’ UNRAE, inoltre, per il mese di ottobre emerge che le vetture a minimo impatto ambientale (Gpl, metano, ibride, elettriche, ecc.) sono in piena crescita (8,4% di quota di mercato), che il diesel prosegue la sua flessione (48% di quota contro il 56% di un anno prima) e che le auto con motori a benzina sono in pieno recupero (il 43,6% del mercato contro il 39,3% dell’ottobre 2007).

ARTICOLI CORRELATI