Mercedes G 63 AMG

Presentata al Salone di Pechino 2012 la 4x4 in versione High Performance. Motore V8 biturbo di 5,5 litri e 544 CV di potenza. Disponibile da giungo al prezzo di 141.076 euro

Mercedes G 63 AMG al Salone di Pechino 2012
In anteprima mondiale ad Auto China, il Salone Internazionale dell’Auto di Pechino 2012, la casa tedesca ha presentato la Mercedes G 63 AMG, il suo fuoristrada in versione High Performance.
Il classico dei fuoristrada della stella a tre punte viene proposto con tanta (ed elevata) tecnologia.
L’intervento di AMG non risente in modo invasivo sul design della nuova Mercedes Classe G, già di forte impatto dalla versione di serie.
La Mercedes G 63 AMG arriva nei concessionari a giugno al prezzo di 141.076 euro.

Il kit aerodinamico AMG da un volto nuovo alla Classe G
Come già la SL 63 AMG e la SL 65 AMG, la G 63 AMG sfoggia per la prima volta il nuovo volto del marchio AMG: grazie alla griglia del radiatore “Twin blade” (“doppia lama”) nera a specchio con quattro inserti cromati, questa Classe G è subito riconoscibile come una AMG. La forma della griglia tiene conto della linea classica della vettura e si inserisce perfettamente nel design complessivo grazie alla sua particolare interpretazione del carattere da fuoristrada. Completamente nuovo anche il paraurti anteriore AMG: le tre grandi prese d’aria assicurano al modulo di raffreddamento il necessario apporto di aria fresca. Gli inserti verticali in acciaio legato cromato a specchio conferiscono alla G 63 AMG un aspetto mascolino. Sotto i fari bixeno sono integrate le nuove luci diurne a LED. Il modello AMG è sempre il solo a vantare i tipici parafanghi ampliati, le pedane in acciaio legato e le modanature di protezione laterali con inserti in acciaio legato. Ulteriori elementi distintivi sono le scritte «V8 BITURBO» sul paraurti anteriore e la targhetta AMG sul portellone posteriore.
Anche i cerchi e l’impianto frenante sono completamente nuovi. La G 63 AMG monta di serie inediti cerchi in lega AMG a 5 doppie razze. I cerchi in grigio titanio torniti a specchio 9,5 x 20 sono abbinati a pneumatici 275/50 R 20. Come equipaggiamento a richiesta esclusivo sono disponibili cerchi in lega AMG opachi e con bordo del cerchio tornito a specchio. Il nuovo impianto frenante AMG ad alte prestazioni assicura valori di decelerazione eccellenti, un dosaggio estremamente preciso della forza frenante e massima resistenza. Dischi freno anteriori e posteriori autoventilanti e forati del diametro di
375 x 36 millimetri (ant.) e 330 x 22 millimetri (post.) garantiscono un’ottima
resistenza alle sollecitazioni termiche e valori di decelerazione perfetti. I freni anteriori hanno pinze fisse a sei pistoncini (derivate dalla ML 63 AMG), quelli posteriori pinze flottanti a un pistoncino. Di serie le pinze sono rosse, ma a richiesta sono disponibili anche in color argento.

Mercedes G 63 AMG con motore V8 da 544 CV
La nuova G 63 AMG monta il motore V8 biturbo AMG di 5,5 litri di cilindrata. Eroga una potenza di 544 CV (400 kW) a 5.500 giri/minuto ed una coppia massima di 760 Nm tra i 2.000 ed i 5.000 giri/minuto.
Basterebbe uno sguardo all’impianto di scarico sportivo AMG per rimanere affascinati dai due terminali di scarico doppi posizionati a monte delle ruote posteriori per ogni lato.
Il catalizzatore di ultima generazione permette alla G 63 AMG di soddisfare la norma sulle emissioni allo scarico Euro 5 e gli standard richiesti dal mercato statunitense (standard LEV II, On‑Board-Diagnosis II e diagnosi a sonda Lambda).

Aumenta la potenza e calano i consumi della G 63 AMG
Come ogni nuova AMG anche la G 63 AMG eredita la modernissima catena cinematica della nuova ML 63 AMG. Per la prima volta nei 33 anni di storia della Classe G fanno la loro comparsa sui modelli AMG sistemi innovativi come l’iniezione diretta di benzina a getto guidato, la funzione ECO start/stop e la gestione dell’alternatore. Grazie al V8 biturbo AMG da 5,5 litri, la G 63 AMG accelera da 0 a 100 km/h in 5,4 secondi e raggiunge la velocità massima di 210 km/h (limitata elettronicamente). Rispetto alla G 55 AMG Kompressor, il suo predecessore, la nuova G 63 AMG ha 37 CV di potenza in più ed una coppia maggiore di 60 Nm.

Cambio automatico 7G-Tronic Speedshift Plus AMG
A fronte dell’aumento della potenza, Mercedes comunica consumi inferiori del 13% rispetto al modello precedente, con un fabbisogno di circa 13,8 litri/100 km (ciclo misto NEDC).
Valore ottenuto grazie al Cambio automatico 7G-Tronic Speedshift Plus AMG ed dalla gestione dell’alternatore e dalla funzione ECO start/stop.
Il cambio automatico a sette rapporti, dotato di tre programmi di marcia e funzione ‘’doppietta automatica’’ nel passaggio alla marcia inferiore, è apprezzato per la grande versatilità. In modalità ‘’Controlled Efficiency’’ (C) è attiva la funzione ECO start/stop che spegne l’otto cilindri quando la vettura è ferma. In modalità “C” la curva caratteristica di acceleratore e cambio è più morbida, i cambi marcia sono anticipati e l’avviamento avviene generalmente in seconda. Il simbolo verde ‘’ECO’’ nella strumentazione AMG segnala al guidatore che è attiva la funzione ECO start/stop.
Nei programmi di marcia Sport (S) e Manuale (M) oltre ad essere disattivata la funzione ECO start/stop, la combinazione motore-cambio è molto più agile. L’interruzione dell’accensione e dell’iniezione, breve ed esattamente definita,
garantisce tempi d’innesto più brevi nel passaggio alla marcia superiore a pieno carico. Il cambio automatico 7G-Tronic Speedshift Plus AMG è dotato di un nuovo convertitore di coppia Fuel-Economy con pendolo centrifugo, supporti ad attrito ridotto e sistema di gestione termica dell’olio
del cambio.

Abitacolo della G 63 AMG
Rispetto al modello precedente le novità maggiori si riscontrano negli interni. Grazie alla nuova plancia ed i moderni sistemi d’infotainment e di assistenza, la G 63 AMG offre una strumentazione AMG con schermo TFT a colori, menu principale AMG e indicatore di marcia separato, nonché soglie d’ingresso AMG illuminate su tutte le porte. La leva del cambio automatico E-SELECT firmata AMG si ispira alla SLS AMG. L’ambiente esclusivo è garantito anche dall’equipaggiamento in pelle designo per i sedili con rivestimenti delle
porte in pelle. A richiesta sono disponibili gli accattivanti inserti in carbonio AMG e il pacchetto Exclusive designo.
La taratura di molle/ammortizzatori dell’assetto sportivo AMG è stata adattata al maggiore dinamismo di marcia. Per migliorare la risposta alle vibrazioni e il comfort acustico gli ingegneri Mercedes-AMG hanno, inoltre, adottato una serie di misure NVH (Noise Vibration Harshness, misura del grado di comfort di un veicolo in base ai parametri del rumore, delle vibrazioni e della ruvidità): il sistema perfezionato di supporti del cambio automatico, del ripartitore di coppia e del motore riducono le vibrazioni e la rumorosità. Tutto ciò aumenta la sensazione di benessere a bordo e aiuta il guidatore a mantenere la giusta concentrazione, soprattutto nei viaggi lunghi.

ESP di taratura completamente nuova con più funzioni comfort
Nuove specifiche tecniche garantiscono nell’ultima generazione della Classe G una sicurezza esemplare. Il fuoristrada raffinato vanta infatti un ESP di taratura completamente nuova con un sistema di regolazione che comprende sistema di assistenza in fase di spunto (SBC Hold) e funzione HOLD, che aiutano il guidatore nelle partenze in salita. Se prima di una frenata d’emergenza il guidatore sposta improvvisamente il piede dall’acceleratore al freno, il sistema frenante aumenta la pressione nei condotti del circuito e accosta ai dischi le pastiglie, che quindi possono agire subito e con la massima forza non appena si preme il pedale del freno. Il preriempimento del sistema affianca il Brake Assist di serie.
L’ESP con stabilizzazione del rimorchio offre maggiore sicurezza a chi sceglie
il gancio di traino: la funzione supplementare dell’ESP® riconosce il rimorchio quando il connettore elettrico è connesso con il veicolo trainante. L’ESP® con la stabilizzazione del rimorchio utilizza i sensori dell’ESP e sopra i 65 km/h di velocità attenua eventuali oscillazioni frenando singolarmente e in modo alternato le ruote anteriori. Nella maggior parte dei casi questo basta a neutralizzare completamente le oscillazioni, prevenendo ulteriori pericoli. Se
i movimenti oscillatori del rimorchio dovessero risultare eccessivi, il sistema riduce la coppia del motore e frena tutte e quattro le ruote del veicolo trainante allo scopo di uscire il prima possibile dalla fascia di velocità critica.

ARTICOLI CORRELATI