MINI e Rolls-Royce: i prossimi 100 anni del gruppo BMW

La Casa dell'Elica compie cent'anni e li festeggia con la BMW Vision Next 100. A distanza di un paio di mesi dalla sua presentazione, l'auto con guida autonoma e ruote coperte è stata affiancata da due concept per raccontare il futuro degli altri marchi del gruppo, Mini e Rolls-Royce.

BMW ha compiuto cent’anni, festeggiando con una serie di eventi incentrati sulla Casa di Monaco intorno al futuro dell’automobile e, di conseguenza, al concept BMW Vision Next 100.

Ruote coperte, guida autonoma e tecnologia spinta all’estremo per tutto ciò che riguarda la dotazione interna hanno fatto di questo concept un oggetto d’interesse mediatico. Ora però, la Casa di Monaco ha deciso di allargare il progetto dei prossimi 100 anni anche agli altri marchi del gruppo BMW, vale a dire Mini e Rolls-Royce.

Due marchi agli antipodi, ma a guardare bene il Mini Vision Next 100 ed il Rolls-Royce Vision Next 100 si intuisce il pensiero alla base di tutto: la guida autonoma sarà al centro dell’attenzione, ma volendo sarà sempre possibile prendere il controllo dell’auto. L’ambiente in ogni caso rimane studiato per essere vissuto dai passeggeri nella maniera più comoda, come se fosse il salotto di casa.

Il focus di tutti e tre i progetti del centenario infatti è quello di fare dell’auto un oggetto strettamente personalizzato, un po’ come accade oggi con gli smartphone tra cover, applicazioni e sistemi operativi. Mini in questo caso sfoggia uno stile semplice e futurista, con il concept dalla livrea che tende al trasparente e gli spazi piuttosto ampi e vuoti.

Rolls-Royce invece punta su stile e comodità -com’è ovvio che sia- con l’abitacolo capace di coccolare i propri passaggeri e lo Spirit of Ecstasy rivisto in chiava futurista. Non manca un proiettore per puntare il Red Carpet ovunque si arrivi, né l’ombrello nascosto nella portiera, che a quanto pare servirà anche tra cent’anni.

ARTICOLI CORRELATI