Noleggiare una supercar: una super licenza per la sicurezza?

L'ennesimo incidente, distrutta una Lamborghini appena noleggiata e due auto travolte. Come intervenire?

Quando si leggono certe notizie non si può che arrivare alla conclusione che la sicurezza non deve arrivare dopo nient’altro. Dal nostro punto di vista la soluzione potrebbe essere una sorta di “super patente”, senza la quale non si possano guidare auto così potenti da poter diventare un’arma, nelle mani di guidatori inesperti, ma le soluzioni potrebbero anche essere altre.

Noleggia una Lamborghini e si schianta su due auto

Lo spunto della nostra riflessione nasce dall’ultimo di una lunga serie di episodi. Giusto ieri, sulla Statale 36, che unisce Milano e Lecco, all’altezza di Cinisello Balsamo una Lamborghini appena presa a noleggio perdeva il controllo, travolgendo una Lancia Ypsilon, facendola ribaltare. La stessa finiva per carambolare su una Lancia Musa, a bordo della quale si trovava un bimbo di un anno, con i suoi giovani genitori. Per fortuna non sembra che ci siano feriti gravi, ma la “bravata” al volante di una supercar appena presa in consegna, poteva finire in tragedia. Quattro persone coinvolte loro malgrado, oltre alle due a bordo della Lamborghini, le cui vite potevano rimanere segnate per sempre da questo episodio, che anche se finirà bene resterà comunque nella loro memoria molto a lungo.

Una supercar è per tutti? Serve una super patente, o controlli elettronici non escludibili?

In alcuni Paesi per poter guidare auto e moto molto potenti è necessaria una super licenza, una patente di livello superiore, che dimostri che il titolare abbia capacità che lo rendano idoneo a condurre veicoli che, per le loro prestazioni, possono essere potenzialmente più pericolosi.

Ma il problema si risolverebbe in questo modo? Forse, però basterebbe anche sfruttare controlli elettronici e strumenti che già esistono, per evitare episodi come quello di ieri. Le supercar di oggi sono infatti capaci di prestazioni superiori a quelle di una Formula 1 di qualche decina di anni fa, ma sono enormemente più sicure ed anche facili da guidare, basterebbe usare una condotta di guida idonea ed attenta, ma soprattutto non escludendo tutti quei sistemi di sicurezza che consentono di gestire le straordinarie potenze a disposizione, anche senza essere campione del Mondo in un campionato motorsport. Pensate che la più frequente dinamica degli incidenti che coinvolgono una supercar è quella della perdita di controllo sul dritto.

I piloti “improvvisati” escludono infatti il controllo di trazione, spalancano il gas e, alla prima perdita di aderenza con la conseguenza di trovarsi la vettura che scoda e si mette di traverso, reagiscono in modo sbagliato, finendo rovinosamente a sbattere lateralmente.

Se invece, almeno per le vetture a noleggio, non si potessero escludere i controlli di trazione e di stabilità e, magari, si potesse limitare la velocità, si alzerebbe di molto l’asticella della sicurezza, evitando gran parte degli episodi come quello di ieri. A noi, in tutta sincerità, sembra che tutto questo potrebbe essere imposto dal legislatore con relativa semplicità, si potrebbe anche obbligare chi noleggi queste auto ad installare una scatola nera, responsabilizzando i più spavaldi, rispetto alla loro condotta di guida, magari con il deterrente di pesanti sanzioni, che colpiscano non solo chi è alla guida, ma anche chi gli conceda in uso una vettura senza le dovute precauzioni.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE