Nuova Mercedes Classe E Cabrio: Prova su strada, caratteristiche e prezzo

Abbiamo provato la nuova Cabriolet della Stella, capace di coniugare stile e comfort nel migliore dei modi. Tanta la tecnologia a bordo di Mercedes Classe E Cabrio, dagli spunti verso la guida autonoma alle soluzioni per il massimo comfort anche a capote aperta. Ecco come va, quali sono i suoi punti salienti e quanto costa

Con la nuova Cabrio la Mercedes-Benz completa la famiglia dei modelli di Classe E. La 4 posti scoperta con capote classica in tessuto unisce un design pulito e appetibile a un elevato comfort di viaggio per 4 persone e la tecnica più moderna, che comprende un’integrazione per smartphone completa con wireless charging e funzione chiave, plancia con display widescreen e gli attuali sistemi di assistenza alla guida della Classe E.

Motori potenti e assetti confortevoli garantiscono poi una guida sportiva e raffinata. Di serie la Cabrio è dotata del sistema frangivento elettrico Aircap, mentre il riscaldamento per la zona della testa Airscarf è di serie per le versioni Business Sport, Premium e Premium Plus, per godere di un maggiore comfort nella guida open air. Infine la Classe E Cabrio è disponibile per la prima volta anche con la trazione integrale 4Matic.

Il marchio tedesco è quindi arrivato al quinto membro della Classe E, che nell’arco di un anno è stata completamente rinnovata. Allo stesso tempo la Stella a 3 punte porta avanti la sua tradizione di Cabrio con capote classica in tessuto insonorizzante multistrato, con apertura e chiusura in 20” fino a 50 km/h e chiusura divisorio bagagliaio automatica. Con la capote chiusa la Classe E Cabrio riprende la silhouette della Classe E Coupé, con le stesse proporzioni espressive e il design pulito. Il bagagliaio ha una capacità di 385 litri a capote chiusa e 310 a capote aperta.


A tetto aperto
si nota una bell’armonia tra il design degli esterni e quello degli interni. La cornice decorativa del montante anteriore e del parabrezza, i listelli sulla linea di cintura e l’ampio elemento decorativo che contorna il vano di alloggiamento della capote, tutti in alluminio anodizzato lucido (opaco nella versione AMG Line), creano un insieme uniforme. In questa cornice si inserisce armoniosamente la terza luce di arresto, con copertura in vetro trasparente.
Il carattere elegantemente sportivo della Classe E Cabrio è accentuato anche dall’assetto più basso di 15 mm rispetto alla berlina; anche con pneumatici di serie da 17” la vettura fa già vedere un assetto sportivo.

Il frontale incisivo con la mascherina del radiatore Matrix in posizione ribassata e la Stella centrale, i fari a Led High Performance (di serie) ad alta risoluzione, il cofano motore lungo con powerdome e i finestrini senza cornice completamente abbassabili, sottolineano il dinamismo della Cabrio. La capote ben tesa con lunotto in cristallo confluisce armoniosamente nella coda possente. Le spalle ampie dalle forme sinuose, insieme alle sottilissime luci posteriori a Led sdoppiate, accentuano il carattere sportivo di questa piacevolissima 4 posti.

Inoltre le luci posteriori producono un effetto brillante, che ricorda quello delle turbine dei jet. Una novità è rappresentata dall’animazione delle luci di posizione posteriori, all’apertura e alla chiusura della vettura, che si illuminano con una particolare sequenza. L’abbiamo provata, purtroppo non in modalità scoperta per le condizioni atmosferiche non appropriate, in un ampio giro da Firenze a Milano Marittima, apprezzandone appieno le sue doti telaistiche e di guidabilità. Il comfort è di ottimo livello, come pure l’entertainment e le sofisticate funzioni di bordo.

Nel brevissimo tratto soleggiato in prossimità del centro balneare adriatico siamo riusciti ad apprezzare il soffice getto d’aria calda che arriva all’altezza del collo dalla parte inferiore del poggiatesta, che contribuisce in maniera efficace a mitigare l’aria esterna ottobrina, non certo confortevole. In autostrada al ritorno, sotto una pioggia a dir poco torrenziale, la Classe E Cabrio si è comportata divinamente, anche a velocità sostenuta, nonostante una non proprio efficace velocità di pulizia del tergicristallo.

 

La vettura in prova è stata una Cabrio E 220 D con il propulsore a gasolio da 1.950cc e 194Cv, con cambio automatico a 9 marce 9G-TRONIC, che consente cambi rapidi e minori velocità del motore e ha un effetto particolarmente vantaggioso sull’efficienza e sul rumore. La sospensione offre un piacere di guida agile e una corsa molto confortevole, avendo a disposizione una vasta gamma di opzioni di regolazione tra le modalità “Comfort”, “Sport” e “Sport +”.

Disponibile anche la sospensione pneumatica a tre camere d’aria, con possibilità di controllare la durezza in tre fasi. In questo modo gli occupanti godono di una morbida sospensione di base, insieme alla sensazione sicura di una buona stabilità di movimentazione a velocità più elevata. Il sistema Dynamic Select consente anche di influenzare altre impostazioni del veicolo, come la risposta a farfalla, la funzione ECO start/stop, punti di spostamento della trasmissione automatica e altro ancora, con modalità di trasmissione “Comfort”, “ECO”, “Sport”, “Sport +” e “Individuale”.

I prezzi della E Cabrio vanno da 62.510 euro a 86.500, la top di gamma con propulsore da 333Cv, il 6 cilindri a benzina. In mezzo c’è il Diesel V6 da 258Cv. Tra le principali caratteristiche il Multibean Led, il Remote Parking Pilot (si può parcheggiare la vettura dall’esterno con lo smartphone, tramite un’app, come pure richiamarla), il Pre-Safe Plus, il Car-to-X e il Magic Vision Control. Possibile anche il pagamento rateale con DynamicLease, con canone fisso mensile, componente variabile e massima flessibilità.

L’occasione della presentazione della nuova Cabrio è stata opportuna per Mercedes-Benz per l’avvio dell’operazione “The Future is On”, soprattutto per illustrare a dealer e tecnici delle concessionarie Mercedes-Benz gli ultimi sistemi elettronici installati e per imparare a guidare il cliente all’utilizzo ottimale. Tante le novità in casa Mercedes-Benz, a partire dall’Intelligent Drive, dotato di sensori a ultrasuoni e telecamera a 360° per una guida assistita fino a 210 km/h. Infine prove comparate con modelli di vetture di altre marche, configurazioni anche in 3D con possibilità di “vedere” la vettura dall’esterno e con la porta aperta, scendendo virtualmente dalla macchina, simulatori e stampanti dell’ultima generazione per la costruzione veloce di pezzi di ricambio, hanno completato l’interessantissimo training.

ARTICOLI CORRELATI