Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI provata su strada

Abbiamo provato su strada a Torino la Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI 136 CV, dotata del nuovo propulsore Diesel di cui abbiamo apprezzato la fluidità e la silenziosità. Omologata Euro6 ha prezzi a partire da 28.990 euro ed un consumo medio dichiarato di 4,1 l/100 km

Infomotori.com ha provato a Torino, lungo un percorso di circa 60 km, la Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI da 136 CV dotata del nuovo motore a gasolio di GM Powertrain. Un propulsore che segna l’inizio di una nuova era per la Zafira, il cui prezzo di listino parte da 28.990 euro nell’allestimento Elective (30.640€ invece nell’allestimento Cosmo). Questo interessante propulsore diesel manda in un certo senso in pensione alcune versioni del motore 2.0, dell’unità 1.7 e persino del 1.3 CDTI, un risultato non da poco dal punto di vista puramente tecnico. Il nuovo 1600 turbodiesel ha infatti consumi da 1300 e prestazioni da 2000! Il test drive si è svolto nella provincia di Torino, partendo dall’Aeroporto di Caselle per giungere proprio nel luogo in cui si progettano tutti i motori a gasolio della General Motors, esattamente nella sede della GM Powertrain Europe all’interno della quale è stato sviluppato il motore 1.6 CDTI e pure lo sviluppo delle centraline elettroniche. Merita di essere segnalato che la sede si trova giusto di fronte al Politecnico di Torino, fucina dei migliori ingegneri automobilistici d’Italia.

Il 1.6 CDTI è un propulsore di cui, sin dai primi chilometri, abbiamo apprezzato la fluidità, la silenziosità e, con il passare della prova su strada, i consumi contenuti. Già omologata Euro6, la Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI mantiene gli stessi colori ed optional delle altre motorizzazioni, al pari ovviamente degli equipaggiamenti molto completi. Una peculiarità della Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI è invece la presenza del sistema di riduzione catalitica selettiva (SCR) BlueInjection; questo sistema utilizza l’additivo AdBlue che permette di abbattere gli ossidi d’azoto allo scarico e di rispettare così l’omologazione Euro6. Per riempire l’apposito serbatoio da 8 litri, operazione che andrebbe effettuata ogni 15.000 km circa, si utilizza il bocchettone alloggiato vicino a quello del gasolio. L’unica trasmissione disponibile è quella manuale a 6 marce, mentre se si vuole il cambio automatico bisogna invece optare per la Opel Zafira Tourer 2.0 CDTI 165 CV AT6. La Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI è già prenotabile in concessionaria e le prime consegne sono previste a breve.

Nel corso del test drive in terra piemontese abbiamo potuto apprezzare la pressochè totale assenza di vibrazioni e di rumori, un fattore questo che rende il viaggio piacevole e rilassante. Davvero ottimi anche i consumi, lievemente superiori a quelli dichiarati dalla Casa (i 4,1 litri per 100 km richiedono una guida impossibile per il traffico incontrato sulla nostra strada e per lo stesso piacere di guida che offrono i suoi 136 CV…) ma comunque apprezzabili in relazione al segmento di appartenenza ed alla stessa mole della vettura. Oltre a consumare poco, il nuovo motore utilizza il sistema SCR (Selective Catalytic Reduction), che riduce le emissioni inquinanti per merito di un fluido AdBlue a base d’urea. La Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI che abbiamo provato è full optional e per dare un ulteriore tocco di comodità propone l’ottimo assetto FlexRide regolabile su Normal, Sport o Comfort. Il risultato è una spaziosa 7 posti di grande soddisfazione che sa essere una viaggiatrice instancabile e poco “assetata”.

Su strada, la Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI merita una votazione decisamente elevata ed il fatto di aver scoperto che questo propulsore è nato in terra piemontese ci fa ancora più piacere. Il Centro Ricerca e Sviluppo impiega oltre 500 ingegneri e tecnici con un’eta media di 35 anni e con un 20% di donne (percentuale notevole per il settore!). I propulsori vengono prima visualizzati e poi realizzati riducendo tempi, costi e creando autentici gioielli tecnologici che poi si guidano con grande piacere e fluidità come appunto la nostra Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI.

Esteticamente ed internamente, la Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI  è praticamente identica alle altre sorelle Zafira (che offre la possibilità di scegliere fra metano, GPL, benzina e gasolio). Eccellente quindi il posto guida, l’ergonometria e gli spazi interni al pari della visibilità come ci si attende da una monovolume di qualità. Acceso il motore, allacciate le cinture, regolati gli specchietti, la Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI ci ha impressionato positivamente fin dai primi chilometri per merito di uno sterzo preciso, un cambio a sei marce ben equilibrato che consente o una guida improntata al risparmio o più sportiva se si preme sul pedale del gas, svegliando la non trascurabile coppia che rende molto pronto il motore, se sollecitato dal pilota. Il sistema frenante è adeguato alla vettura, mentre ci ha positivamente sorpreso la maneggevolezza della vettura che pensavamo più “seduta”.

Ottima la silenziosità che consente di parlare internamente senza dover alzare la voce, tanto che il maggior rumore giunge dal rotolamento degli pneumatici! Valide le stesse prestazioni con una accelerazione da 0 a 100 in 11,2 secondi, una velocità massima di 193 km orari che non abbiamo verificato ma sicuramente raggiungibile ove consentito dal codice della strada e consumi decisamente interessanti anche se si “spreme” un po’ la vettura.
A fronte di tanta tecnologia, contenuti e valori si deve accettare il prezzo richiesto che resta nella media dei competitors pur essendo, a livello prestazioni – consumi, una best in class della categoria a partire dall’essere già omologata come Euro6, il che garantisce una maggior tenuta dello stesso valore dell’usato.

Complimenti quindi ad Opel e soprattutto agli ingegneri della GM Powertrain Europe di Torino!

ARTICOLI CORRELATI