Perché conviene comprare un’auto Diesel nel 2019

Comprare un'auto Diesel è conveniente anche nel 2019: i motori Euro6 sono sempre più performanti ed il prezzo del carburante rimane ridotto. Ecco perché

Acquistare un’auto Diesel è conveniente, anche nel 2019. È sufficiente tenere a mente alcune informazioni e fare le scelte giuste, sfruttando un momento storico particolarmente confusionario per quanto riguarda il mondo dell’automobile. Partiamo da un fatto inconfutabile: l’acquisto di un’auto nuova è un investimento importante e i dati UNRAE sul crollo delle vendite devono far riflettere.

consumatori vengono costantemente bombardati da una campagna mediatica dannosa e pressapochista impostata -come spesso accade- sulla semplificazione: il Diesel è il grande cattivo, le case automobilistiche sono popolate da scellerati e i poteri forti non vogliono l’arrivo dell’elettrico. Per carità, intendiamoci: in queste affermazioni c’è del vero, ma il discorso è chiaramente più complesso.

Tentiamo di analizzare la situazione. I motori Diesel fino all’Euro4 (quindi più vecchi di dieci anni) sono stati allontanati dai centri storici per via dei livelli di inquinamento raggiunti. Da un lato ci sembra che l’Euro4 sia stato approvato soltanto ieri, dall’altro è difficile avere coscienza dello sviluppo intrapreso dai motori a gasolio nelle ultime tre generazioni.

Ad oggi un motore Diesel Euro 6 (post Dieselgate) è meno inquinante del benzina grazie, principalmente, alla tecnologia AdBlue e ai nuovi filtri antiparticolato SCR. Marchi d’esperienza stanno investendo su motori Diesel in configurazione ibrida, riducendo quindi emissioni cittadine e rumorosità a basse andature. La tecnologia, quindi, è tutt’altro che morta. Ecco però qualche consiglio per affrontare al meglio questo periodo di transizione in attesa che il motore a gasolio venga accettato dalle amministrazioni o rimpiazzato da un’alternativa realmente concorrenziale.

Comprare l’auto Diesel oggi: ecco come fare

  • SFRUTTARE IL SISTEMA DI VENDITA
    Da qualche anno le case stanno mettendo in atto una nuova politica di vendita così strutturata: si paga una cifra iniziale (pari a circa il 30% del prezzo totale della vettura) a cui si aggiungono rate per 24, 36 o 48 mesi a seconda del contratto stipulato. Una volta trascorso questo periodo -durante il quale è possibile avere i servizi di manutenzione, assicurazione e kasko inclusi- si sarà liberi di riconsegnare l’auto senza spese aggiuntive, sostituirla con un’altra o pagare il restante ed acquistarla a tutti gli effetti. Il prezzo della vettura al termine dei tre anni viene battezzato “Valore Futuro Garantito” e non può essere contestato dalla concessionaria che ha emesso il contratto. Voi potrete, per intenderci, acquistare un’auto Diesel e scambiarla con un’altra a benzina, il tutto sfruttando gli ottimi prezzi che i venditori propongono sui motori a gasolio.
  • CHIEDERE SCONTI AI VENDITORI
    Gli acquisti di auto a gasolio, specialmente nel Nord Italia, stanno calando vistosamente. Questo significa che le case sono costrette a ridurre -se non addirittura a bloccare- la produzione di interi stabilimenti. Ritrovandosi con una percentuale di veicoli invenduti difficile da smaltire, i rivenditori ricevono le auto a gasolio dalle case con sconti importanti ed ampi margini di guadagno. Sui modelli uscenti si trovano quindi prezzi estremamente concorrenziali e, visitando le concessionarie più fornite (potete trovare l’elenco completo su Top Dealers Italia) potreste riuscire ad ottenere sconti di prezzo vicini al 20%. 
  • OTTIMI AFFARI PER CHI VIVE IN PICCOLE CITTÀ
    Se non abitate in grandi città potete ancora sfruttare la vostra auto a gasolio per diverso tempo. I Comuni delle aree metropolitane stanno infatti bloccando la circolazione dei Diesel, ma questo non ha la stessa vale per le zone rurali. E stiamo parlando di motori attempati, perché con un motore Euro 6 avrete a disposizione il meglio della tecnologia fino al 2022. E, a quanto pare, per diversi anni a seguire.

ARTICOLI CORRELATI