USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Peugeot Hybrid4 e Grip Control: sicuri in ogni condizione

Peugeot mostra su 2008 e 3008 Grip Control e 3008 e 508 Hybrid4 il meglio dello state dell'arte tecnologico su vetture di questo segmento. Due sistemi diversi ma in grado di fornire maggiore sicurezza nella guida, possibilità di uscire da situazioni difficili e, con l'Hybrid4, consumi ed emissioni da record

Peugeot in questi anni ha investito molto sulla tecnologia da impiegare sulle sue vetture, e i risultati stanno cominciando ad arrivare anche in una fase di mercato decisamente negativa. In particolare i sistemi realizzati prendono il nome di Grip Control e Hybrid4, che abbiamo avuto modo di testare in condizioni limite e non solo per capire potenzialità, limiti e vantaggi.

Peugeot Grip Control
Il Peugeot Grip Control, attualmente montato sui crossover 2008 e 3008, è un sistema Esp evoluto che consente di districarsi con facilità e sicurezza anche in condizioni limite, dove una “normale” trazione anteriore rischierebbe di non riuscire ad avanzare. Nell’utilizzo su asfalto il Grip Control si comporta esattamente come un sistema Esp, che interviene in caso di perdita di aderenza di una delle ruote e, agendo su freni e distribuzione della coppia motrice, permette all’auto di riprendere il controllo. Ci sono condizioni particolari, però, in cui c’è bisogno di gestire diversamente la forza motrice sulle ruote anteriori, vediamole nel dettaglio.

Neve. Posizionando il selettore posto sulla console tra i due posti anteriori su questa modalità il sistema ripartisce la coppia sulla ruota che al momento ha maggiore aderenza, dando modo a chi guida di dover solo schiacciare il pedale dell’acceleratore. In effetti abbiamo provato questa soluzione su un circuito innevato e partendo da fermi in leggera salita; rispetto alla medesima vettura senza grip control si esce prima e con maggior velocità dall’impaccio e le ruote anteriori iniziano prima a prendere aderenza e, quindi, velocità. Fango. In questo caso il sistema permette alle ruote anteriori di slittare velocemente, facendo in modo che le gomme si possano liberare dal fango che finisce nel battistrada e recuperare così l’aderenza necessaria. Sabbia. Contrariamente a quanto avviene nella modalità precedente il sistema ripartisce il più uniformemente possibile la coppia tra le due ruote motrici, per evitare che una delle due slittando possa scavare nel terreno e determinare l’insabbiamento della vettura.

Infine, volendo, il Grip Control è disattivabile e la vettura resta senza controllo Esp (che si ri-inserisce automaticamente superati i 50 km/h) ma avendo potuto testare questo sistema ci chiediamo per quale motivo disinserirlo… La 3008 Grip Control che abbiamo avuto modo di provare si è arrampicata senza nessun problema su strade di montagna innevate, regalando molta sicurezza al guidatore e intervendo in maniera molto discreta, tanto che ha volte si capisce che è entrato in funzione il sistema solo per il lampeggiare della spia sul cruscotto. Un sistema che quindi risulta molto interessante per quanti vogliono una vettura che consenta di affrontare fondi infidi e difficili da gestire senza per questo doversi “portar dietro” quattro ruote motrici per tutto il tempo.

Peugeot Hybrid4
E a proposito di quattro ruote motrici vediamo come funziona il sistema Hybrid4 di Peugeot che abbiamo potuto provare su 3008 e 508. Lo schema è quasi semplice: un motore diesel tradizionale, in questo caso un 1.6 litri da 163 cv con cambio robotizzato, agisce sulla coppia di ruote anteriori, mentre un motore elettrico da 37 cv agisce sulle ruote posteriori. Uno schema che in realtà non è semplice proprio per niente e che comporta problemi tecnici notevoli, che in Peugeot hanno risolto brillantemente e dato vita a una vettura con i vantaggi di una quattro ruote motrice e di una ibrida senza i relativi svantaggi. Il tutto, come è facile intuire, è gestito da un’elettronica molto evoluta e in grado di “leggere” le intenzioni del guidatore, di innalzare il livello di sicurezza e di gestire in maniera differente la somma delle due trazioni a seconda delle richieste. Anche in questo caso abbiamo una manopola nella console centrale, ma in questo caso le opzioni di scelta sono: standard, sport, 4wd, zev.

 

Nella modalità standard è la centralina che si preoccupa di sfruttare il motore più efficace a seconda della situazioni: in fase di partenza spinge il motore elettrico dotato di coppia subito disponibile, con l’aumentare della velocità è invece il motore endotermico a muovere la vettura… ma se si viaggia a velocità costante su una statale spesso interviene il solo motore elettrico per mantenere la velocità di crociera (e viaggiare con il computer di bordo che indica 0 Km/l di consumo è una bella sensazione!), mentre se si schiaccia con decisione il pedale entrambi i motori lavorano in sincrono per offrire il totale di 200 cv, così come viene ripartita la forza motrice a ogni singola ruota nel momento in cui c’è perdita di aderenza. La batteria si ricarica semplicemente rilasciando il pedale dell’acceleratore e recuperando quindi l’energia cinetica dispersa, oppure direttamente dal motore nel caso la carica disponibile dovesse scendere sotto una certa soglia. Se si gira la manopola sulla modalità sport i due motori lavorano in parallelo per offrire sempre il massimo della potenza disponibile, e soprattutto sulla 3008 vi possiamo assicurare che 200 cv bastano e avanzano per togliersi delle belle soddisfazioni.

In modalità Zev la vettura si muove utilizzando solo la propulsione elettrica, a condizione che la batteria sia sufficientemente carica, che non si superino i 60 km/h, che la strada non abbia una pendenza eccessiva e che non si richieda improvvisamente maggior potenza schiacciando il pedale dell’acceleratore; in questi casi il motore endotermico interviene e la vettura si sposta in maniera più “tradizionale”… in ogni caso è sempre piacevole entrare nei paesini di montagna, dove i limiti spesso sono inferiori ai 50 km/h e muoversi silenziosamente e senza inquinare (e gli sguardi dei passanti non lasciano dubbi). In questo caso l’autonomia è ridotta a 2-3 chilometri a seconda della carica disponibile, della strada e del tipo di guida.

Ma vediamo ora la modalità 4wd che, sia su strada che su circuito innevato, abbiamo avuto modo di sfruttare maggiormente. Partiamo con una premessa: il sistema Hybrid4, rispetto a una tradizionale sistema a 4 ruote motrici pesa leggermente di più, con la differenza sostanziale, però, che in condizioni “normali” e nell’utilizzo quotidiano consente di consumare meno rispetto a una vettura tradizionale, e molto meno rispetto a una 4×4, senza contare che non ci sono alberi di trasmissione a rendere più scomodo l’abitacolo, atriti e rumori di funzionamento. Detto questo, come vanno sulla neve la 3008 e la 508 Hybrid4? Meravigliosamente bene.
Rispetto a un 4wd tradizionale qui la ripartizione della trazione non è solo tra assale anteriore e posteriore, ma su ogni singola ruota, tanto che la 3008 Hybrid4 vince la gara di accelerazione sulla neve anche confrontandosi con vetture analoghe a quattro ruote motrici. E se in circuito sono le prestazioni che impressionano, su strada è la sicurezza con cui si lascia condurre anche in presenza di neve abbondante: un paio di gomme invernali e se le condizioni del manto stradale cambiano basta agire sulla manopola di fianco al cambio, senza neanche scendere dall’auto.

Un ultimo commento sul cambio robotizzato, che generalmente presenta lo svantaggio (rispetto a un cvt o un doppia frizione) di avere dei “buchi” tra una cambiata e l’altra e crea un andamento poco uniforme della vettura; ne caso della Hybrid4 nel momento della cambiata interviene il motore elettrico che “copre” la temporanea perdita di potenza e soprattutto sulla 3008 (più piccola e leggera della 508) si viaggia in completo confort.

Ma torniamo sulla pista di neve per un attimo, perché a conclusione dei nostri test è “comparsa” una RCZ-R fiammante per essere provata in pista… ma questa, è un’altra storia.

Sponsor

Nuova SEAT Ibiza
Nuova SEAT Ibiza
OFFERTA Nuova SEAT Ibiza da 119€ al mese. TAN 3,99%- TAEG 5,67%

Sponsor

SEAT Tarraco
SEAT Tarraco
OFFERTA SEAT Tarraco da 269€ al mese. TAN 3,99% TAEG 4,97%

Sponsor

Nuova SEAT Leon
Nuova SEAT Leon
OFFERTA Nuova SEAT Leon FR ibrida da 189€/mese. TAN 3,99% TAEG 5,04%
TUTTO SU Peugeot
Articoli più letti
RUOTE IN RETE