Peugeot RCZ-R Bimota, la one-off scende in pista con Infomotori

Infomotori ha provato per voi la Peugeot RCZ-R Bimota: quest’auto dall’aspetto vistoso non è solo un esercizio di stile ma ci sa fare anche tra i cordoli grazie ai suoi 304 CV ed alla sua estrema maneggevolezza

Sentendola passare, i non addetti al mestiere direbbero che è una vettura con la marmitta bucata. Tutta un’altra storia; la Peugeot RCZ-R Bimota è sì appariscente, ma altrettanto divertente su pista. L’abbiamo data in mano al nostro tester Tommy Maino che ha messo in luce i suoi aspetti migliori. Nonostante sia una vettura a trazione anteriore, la RCZ-R Bimota è un bell’animale da pista. Agile tra i cordoli e con tanta trazione in uscita di curva, grazie anche al differenziale a slittamento limitato Torsen.

La base di partenza, il 1.6 litri THP turbocompresso con 270 CV, già piuttosto importante è stata resa ancor più grintosa grazie ad alcuni interventi di Bimota. E’ stata modificata la mappatura della centralina, si è adottato uno scarico da competizione ed è stato installato un filtro dell’aria racing conico. Il tutto ha permesso di arrivare a ben 304 CV che per un motore di 1.6 litri non sono per nulla pochi. L’auto ha uno scatto molto reattivo, non soffre di sottosterzo in inserimento di curva e permette di divertirsi in pista. Certo la Peugeot RCZ-R Bimota non è la vettura adatta per scodate e traversi, ma grazie anche all’assetto ribassato di 10 mm ha carattere da vendere se messa alla frusta.

Ottimo anche l’impianto frenante (pinze freno a 4 pistoncini e dischi di 380 mm) che la tiene incollata al terreno ed evita qualsiasi esitazione in inserimento di curva. Le particolarità di questa versione speciale, esemplare unico, sono la livrea tricolore con le scritte Bimota e le due Go-Pro installate nella vettura. La colorazione esterna non è stata creata con adesivi, bensì in vernice. La Peugeot RCZ-R Bimota, destinata a rimanere una rara perla dell’automobilismo mondiale, è una vera esclusiva che Infomotori ha provato per voi e vi invitiamo a gustarvi la videoprova e la ricca photogallery. Per guardare il video cliccate qui.

ARTICOLI CORRELATI