Prova comparativa tra Toyota Supra, Porsche Cayman S e Audi TT RS

La nuova Toyota Supra sfida due tra le concorrenti più agguerrite: Porsche Cayman S e Audi TT RS. Il verdetto dei colleghi però parla chiaro...

I colleghi di AutoExpress hanno portato sul ring la nuova Toyota Supra facendola scontrare con due possibili antagoniste: Porsche Cayman S e Audi TT RS. Una comparativa che mette in luce grandi differenze tecniche e, soprattutto, filosofie differenti su come debba essere una vettura sportiva.

La premessa, come di consueto per le comparative, è d’obbligo: storia, fascino e stile sono elementi che ci fanno preferire un’auto ad un’altra, ed è giusto che siano questi parametri (del tutto soggettivi) ad orientare davvero la scelta di chi acquista, specialmente quando si tratta di auto sportive.

Le tre auto in breve

Pur essendo auto della stessa categoria, le differenze tecniche sono piuttosto marcate. Audi è l’unica ad offrire trazione integrale ed un 5 cilindri in linea, mentre Porsche e Toyota scommettono sul Boxer (4 cilindri la tedesca, 6 la giapponese) e sulla trazione posteriore. Sulla carta questo si traduce, ovviamente, in un maggior divertimento alla guida di Supra e Cayman, mentre la TT RS dovrebbe risultare più efficace in termini di tempi sul giro. Ecco quindi una breve scheda riassuntiva di tutti e tre i modelli.

Porsche 718 Cayman S PDK
Prezzo dell’auto testata: 61.296€*
Engine: 2.5 litri 4 cilindri boxer a benzina, 350CV e 420Nm di coppia
Trazione posteriore
Velocità massima: 280Km/h

Audi TT RS Sport Edition
Prezzo dell’auto testata: 62.971€*
Motore: 2.5 litri, 5 cilindri a benzina, 400CV e 480Nm di coppia
Trazione integrale
Velocità massima: 250Km/h

Toyota GR Supra Pro
Prezzo dell’auto testata: £58.749€*
Motore: 3.0 litri 6 cilindri a benzina, 340CV e 500Nm di coppia
Trazione Posteriore
Velocità massima: 250Km/h

*I prezzi delle vetture sono riferiti al mercato inglese, riportati in Euro con il cambio attuale (5/08/2019). I prezzi delle versioni italiane potrebbero essere differenti: potete consultarli attraverso il nostro listino auto.

Porsche si guida meglio, Toyota è un’emozione

Ebbene, secondo i tester di AutoExpress ad essere la migliore delle tre è la Porsche Cayman S, impareggiabile quando si tratta di guidare. Secondo posto per Toyota Supra, la più emozionante e viscerale del lotto, con il terzo gradino del podio per la Audi TT RS, meno sportiva ma più confortevole delle altre due.

Come sono state valutate le tre auto? Ecco le conclusioni tracciate dai giornalisti di AutoExpress.

1° – Porsche Cayman S:

“Le due auto in realtà sono molto vicine, perché il motore della Cayman non è certo il migliore. Tuttavia il telaio è talmente impressionante da rendere questa l’auto migliore del lotto, nonostante appunto i propulsori delle altre due siano più belli da guidare. La 718 è piantata a terra ed incredibilmente agile, ha uno sterzo a dir poco superbo, un’impostazione telaistica perfetta e ottime prestazioni. Delle tre è l’auto più bella da guidare, cosa che in questo genere di test conta più di tutto il resto.”

2° – Toyota Supra GR Sport:

“La Supra ha davvero molte frecce al suo arco e non ci ha certo delusi: è una delle migliori sportive sul mercato. Il telaio non è esattamente allo stesso livello della Cayman, ma potreste comunque scegliere la Toyota per una lunga serie di ragioni: il motore è decisamente più caratteristico e suona meglio, l’auto è ben equipaggiata ed in fin dei conti si lascia guidare davvero bene. Tuttavia, nel complesso, non è al livello della 718.”

3° – Audi TT RS

“Se la intendiamo esclusivamente come auto sportiva, la TT RS è dietro alle rivali: non è così coinvolgente da guidare ed è forse un po’ troppo statica (per via della trazione integrale, NDR.) oltre al fatto che la posizione di guida è più simile a quella di una hot hatch rispetto ad una vera e propria sportiva. La risposta dello sterzo non è esattamente il massimo della vita ma, nonostante il motore sia più silenzioso di prima, il cinque cilindri ha ancora grandissimo fascino. L’auto riesce a regalare prestazioni incredibili e rende ogni viaggio un vero evento.”

ARTICOLI CORRELATI