USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Prova nuova Renault Captur 2020, il restyling perfetto!

Abbiamo provato la nuova Renault Captur nella sua versione Restyling 2020. Il B SUV più amato in Italia è disponibile anche a GPL e ha un prezzo che parte dai 17.700€

E’ francese, prodotta in Spagna, ma molto amata dagli automobilisti italiani. E’ la Renault Captur, il crossover di segmento B che ha riempito le concessionarie e i punti vendita della marca francese nello scorso weekend, primo porte aperte cui seguirà il secondo nel prossimo fine settimana.

Una marea di entusiasti automobilisti l’hanno ammirata, toccata e voluta provare per controllare di persona tutte le novità introdotte dalla Casa della losanga in questa nuova generazione di Captur. Una vettura rivoluzionata al 90 per cento nel design, nella meccanica e nelle dotazioni di sicurezza, sempre più all’avanguardia della tecnologia. E tutto ciò perché il fortunato modello Renault è il B SUV più acquistato in Italia dal lancio, avvenuto quasi 7 anni fa. Da notare che sono ben 1.6 milioni le unità vendute nel mondo dal giorno del suo debutto in socie t à, avvenuto nel 2013, e ben 170mila nello Stivale, dal 2015 leader nel suo segmento.

Il nuovo Captur è la seconda auto del piano strategico Renault «Drive the Future 2017-2022» che prevede 12 modelli elettrificati entro il 2022 e 8 veicoli 100% elettrici, oltre alla commercializzazione di 15 modelli dotati di tecnologie di guida autonoma e connessi.

Insomma ci voleva proprio un bel rinnovo e la Casa d’Oltralpe l’ha azzeccato in pieno. Per vederlo e provarlo di persona siamo andati a Napoli e, dopo aver ammirato la sua bellezza (non stiamo esagerando, anche perché le foto che pubblichiamo non rendono esattamente l’idea di quanto possa piacere dal vivo) abbiamo fatto un lungo percorso lungo la strada costiera fino a raggiungere Salerno, passando per Minori, Furore, Amalfi, Ravello, Maiori e Vietri sul Mare.

Località incantevoli che hanno esaltato la piacevolezza di guida della Captur in dotazione, una versione a gasolio 1.5 Blu DCi da 115 cavalli, con il cambio automatico e le palette al volante, di un bellissimo colore ambrato. Silenziosa, arrendevole ai comandi, ben assettata nelle numerosissime curve e tornanti della costiera e di strade interne sulle colline, nell’attraversamento di paesi con le strade strette e tortuose che esaltavano le peculiarità del crossover francese, sempre pronto alla frenata improvvisa, senza assolutamente scomporsi.

Insomma, un bel guidare, supportato alla grande dalla tanta tecnologia a bordo, democratizzata dalle esperienze in Formula 1, che lo rende più sicuro, connesso e autonomo, in attesa dell’arrivo della versione ibrida plug-in, tra maggio e giugno prossimi. Si tratta del tanto atteso E-Tech Plug-in Hybrid con il nuovo motore benzina 1.6 Alleanza, abbinato a 2 motori elettrici, batteria da 9,8 KWh e trasmissione Multimode, in grado di viaggiare in modalità elettrica per 50 Km, fino a 135 km/h in utilizzo misto e per circa 65 km in utilizzo urbano. Un prodotto con l’esperienza ZE (zero emissioni), F1 team e frutto di ben 150 brevetti depositati.

La nuova Captur è una vettura più capiente della precedente, aumentata di 11 cm (4,23 metri) in lunghezza e 5 in altezza, passo di 2,64 (+3 cm) e con cerchi più grandi che arrivano fino a 18″, e un’aumentata capacità del bagagliaio. Ma la vera rivoluzione è avvenuta nel design, ancora più SUV di prima, più atletico con la linea di cintura rialzata, il frontale più incisivo, più largo di 19 mm, con linee scolpite e nervature sul cofano.

Il posteriore ha ora più carattere, una più spiccata personalità con spalle più larghe, il tetto più spiovente e nuovi gruppi ottici a LED con firma C-Shape. Inoltre i fianchi sono stati scolpiti con eleganza e nuove proporzioni più dinamiche. All’interno abbiamo trovato un abitacolo al top della qualità percepita, display digitali ai vertici della categoria e orientati verso il conducente, una nuova “Flying Console” abbinata al cambio EDC con leva “E-Shifter”, nuove sellerie con una seduta allungata di 15 millimetri e dalla forma più avvolgente. A disposizione ben 90 tipi di personalizzazioni tra colori carrozzeria, bi colore e grafica cerchi.

Molto pratico e utile il Cruise control adattivo con mantenimento di corsia, frenata e ripartenza, con in più la frenata di emergenza attiva di serie per pedoni e ciclisti. Infine una camera a 360° (4 punti con visione dall’alto) per la retromarcia e l’Easy Park Assist, con la novità assoluta per Renault costituita dal monitoraggio posteriore attivo dei veicoli in arrivo.

A livello di connessione ci è molto piaciuto l’Easy Link, il nuovo sistema multimediale compatibile con Android Auto e Apple CarPlay con touchcreen fino a 9,3’’, ai vertici della categoria; una piattaforma connessa 4G con aggiornamenti automatici OTA (Over The Air) e chiamata automatica di emergenza. Infine il navigatore con informazioni fornite da Tom Tom e ricerca di indirizzi Google; Smart cockpit con Driver Display digitali da 7 a 10,2″ e Multi-Sense con 3 modalità e 8 colori di personalizzazione.

L’offerta motori
del nuovo Captur soddisfa ogni esigenza: 3 propulsori a benzina (da 100 a 155 cv), 2 Blue dCi a gasolio da 95 e 115cv, trasmissioni manuali o con cambio automatico a doppia frizione EDC, e il nuovo Turbo GPL da 100 cv al suo debutto. Tre le modalità: Eco, Sport e MySense. A livello sicurezza è stato raggiunto l’obiettivo delle 5 stelle nei test di sicurezza Euro Ncap, mettendo a disposizione di occupanti e pedoni una sicurezza attiva e passiva al miglior livello.

Renault Captur E-Tech

Concludiamo con i livelli di allestimento, Life, Zen, Prime, Intense e i prezzi che partono da 17.700 euro del 3 cilindri 1.0 turbo benzina/Gpl Tce 100, per arrivare al top di gamma a 30.600. In mezzo la motorizzazione a gasolio da 115 Cv a 22.500. Il delta prezzo con il modello precedente, a parità di allestimento, arriva a un massimo di 1.000 euro.

SPECIALE
TUTTO SU Renault Captur
Articoli più letti
RUOTE IN RETE