Tutte le nuove Fiat del 2016, 2017, 2018 e 2019

Fiat 124 Spider, Fiat Tipo berlina e station wagon, nuova Punto, Freemont FL, Pick up, aggiornamenti famiglia 500 e nuova Panda e Freemont sono solo alcune delle novità Fiat in arrivo dal 2016 al 2019

Quali sono le novità Fiat del 2016, 2017, 2018 e 2019?
Sicuramente Fiat viaggia su due binari chiamati Fiat Panda e Fiat 500. Recentemente, grazie a partnership con marche nipponiche come Mazda e Mitsubishi, sono comparsi due modelli di nicchia molto interessanti come la Fiat 124 Spider (cugina della Mazda MX5) e la pick up Fiat Fullback (parente stretta del Mitsubishi L 200). La stessa Fiat Freemont (alias Dodge Journey) beneficerà di un facelift pesante entro il 2017. Dopo anni relativamente tranquilli il 2016 per la Fiat di Marchionne sarà l’anno della ripresa attraverso nuovi modelli e non solo con offerte promozionali decisamente aggressive come la Fiat Panda offerta a 8.000 euro ben accessoriata.

Step by step sarà impegnativo indicarvi tutto il percorso di novità perché a differenza dei tedeschi o francesi, Fiat dipende da molte variabili internazionali tanto che l’acronimo Fabbrica Italiana Automobili Torino stride con la situazione attuale e futura, considerando che in Italia si produce e produrrà una quota percentuale sempre più bassa di Fiat vendute in Italia.  Fiat 500 in Polonia, Fiat 500L in Serbia, Fiat Tipo in Turchia e spider e pick up in Giappone senza scordarsi il Freemont in America! Dall’altra parte gli stabilimenti italiani come quello di Melfi e si spera di Mirafiori a Torino dovrebbero produrre più per i mercati esteri, specie col marchio Jeep ma non solo.

Novità Fiat 2016

Anno di rilancio con le nicchie come 124 Spider e pick up Fullback e soprattutto auto di peso come  Fiat Tipo e Fiat Punto

Novità Fiat 2016 sono sicuramente la 124 Spider spinta da un motore italiano 1400 turbo da 140 CV (la Mazda monta come entry level un 1500 da 131 CV) e la Fiat Fullback che in Italia avrà una valenza prevalentemente professionale essendo un pick up.

Il vero jolly del 2016 per Fiat è la Tipo, presentata prima in versione classica tre volumi che andrà alla grande nei Paesi dell’Est Europa e magari negli USA col marchio Dodge, dove le berline compatte sono sempre più richieste. Per l’Italia la tre volumi serve per i noleggi auto che vogliono vetture sostanziose ed economiche e per le stesse flotte aziendali o statali (Polizia e Carabinieri potrebbero adottarla come già in passato la vecchia Tipo o l’attuale Bravo…). Grande quindi l’attesa sia per Tipo a due volumi e mezzo che per la Tipo Station Wagon con quattro porte più un portellone che la rende ideale per famiglie ed in grado di offrire una alternativa a chi oggi si indirizza prevalentemente a Skoda e Dacia.

La nuova Fiat Punto potrebbe essere molto probabilmente una Fiat 500 porte lunga, una via di mezzo fra una 500X ed una Fiat 500L con cui offrire una vettura adatta alle giovani famiglie con un look vincente come la 500 che rende tutto più facile. Sul piano FCA vediamo al momento un puntino con scritto Segmento B, anche se evidentemente al Centro Stile Fiat il manichino è già molto vicino alla delibera finale se lo si vuole presentare e commercializzare entro fine 2016: il Salone di Parigi potrebbe essere un ottimo palcoscenico per il lancio per poi partire subito dopo con il primo porte aperte ad inizio autunno.

Novità Fiat 2017

2017 nel segno dei SUV e Crossover più la nuova Freemont e il facelift della 500L

Fiat Panda 4×4 e Fiat 500X coprono bene i primi due segmenti che però pagano una concorrenza sempre più agguerrita che abbisogna di un terzo modello che Marchionne potrebbe pensare di fare internamente o trovare magari in Jeep dove stanno lavorando su diversi nuovi modelli, fra cui un compatto, o magari chiedere una partnership ancora con una casa giapponese che potrebbe saturare la produzione lavorando con Fiat: Mazda e Mitsubishi potrebbero offrire le basi di CX-3 o ASX, oppure Fiat potrebbe tornare all’antica alleanza con Suzuki visto che la Fiat Sedici altro non era che una Sx4 e nel 2017 potrebbe giungere una Vitara marchiata e motorizzata Fiat.

Per tenere su la gamma almeno con una vera sette posti, nel 2017 è atteso la nuova Fiat Freemont visto che l’anno prima la Dodge aggiorna la sua Journey col vantaggio di poter disporre anche della versione a trazione integrale e di una variante sportiva come la SRT.

Novità Fiat 2018

2018 l’anno della nuova Fiat Panda

Se non ci fosse bisognerebbe inventarla, ma purtroppo la Fiat Panda ogni tanto bisogna aggiornarla senza però farle perdere lo spirito originale, il segreto del suo straordinario successo!
Pensare a come sarà la nuova Fiat Panda tre anni prima non è facile anche se sicuramente resterà simpatica, funzionale con grande abitabilità interna. Certamente avrà una versione crossover (magari meno spartana della attuale 4×4 pensata ancora per le mulattiere dove purtroppo è vietato andare) e sarà più stilosa.

Novità Fiat 2019

La 500 di nuova generazione

Nel 2019 Fiat dovrà pensare alla sua best seller che nel 2015 è stata fatta oggetto di un facelift che non è andata oltre a cambiare pochi dettagli e migliorare le dotazioni. Nel 2019, se non prima (per alcuni potrebbe essere lanciata nel 2018) qualora arrivasse qualche rivale che la oscurasse, Fiat 500 e sue derivate, subiranno probabilmente un restyling generale, con un’attenzione al mix di novità e continuità: è da valutare attentamente l’importanza della 500 per il marchio Fiat, che su questo design basa ormai oltre la metà delle sue vendite seguendo la filosofia della MINI.

Fiat ed ecologia

Ibrido ed elettrico nel 2016, 2017, 2018 e 2019…o solo GPL e metano a vita?

La Fiat di Sergio Marchionne è molto pragmatica e prudente per necessità: lo si vede nel lancio dei modelli, sempre rinviata a tempi migliori, così come alle nuove tecnologie.
Vendendo principalmente Fiat Panda e 500, di cui molte a GPL e metano, la marca vanta una delle migliori medie di emissioni CO2 del settore e quindi per il presente e l’immediato futuro non corre rischio di essere tacciata di essere un brand inquinante. Un gruppo internazionale come FCA però paga lo scotto di non avere in cassetto nessun progetto su ibrido e mobilità elettrica, pur avendo a listino negli USA una Fiat 500 elettrica che secondo le dichiarazioni Fiat fa perdere almeno 10.000 dollari a vendita.

In tutto il gruppo la parola ibrida è stata al momento usata solo per la Maserati Levante che dal 2017 dovrebbe avere una versione Hybrid estesa poi a tutta la marca del Tridente e probabilmente alla Alfa Romeo Giulia.  Di elettrico non c’è traccia salvo la già citata 500e.
Non potendo farsi questi propulsori internamente, per la FCA di Marchionne è fondamentale trovare una partnership con chi sa farli, ma bisogna vedere se chi ha investito anni di ricerche ora è disposto a cederle ad un rivale.

Il capitolo alleanze FCA è ampio ed in continua evoluzione tanto che non c’è nessuna marca con cui Fiat Chrysler Automobile non abbia parlato: General Motors ha detto picche alla proposta di matrimonio, col Gruppo Volkswagen il Dieselgate ha complicato tutto ed i tedeschi non hanno più soldi da dare a Marchionne, la Ford di stare con Chrysler Jeep non ci pensa, e quindi restano i francesi ma Renault sta già bene con Nissan, e l’alleanza con Mercedes e PSA ha un terzo di capitale cinese e un accordo con GM.
Persa anche la Francia non resta che guardare al Giappone ma l’unico colosso è la Toyota / Lexus a cui della FCA poco interessa e le altre Mazda, Suzuki, Honda e Mitsubishi hanno sì tecnologia ma anche voglia di restare autonome (come a dimostrato Suzuki con Volkswagen il cui matrimonio è durato pochi mesi).

Insomma una storia tutta da costruire, intanto godiamoci le numerose novità Fiat ed ovviamente vi terremo aggiornati sulle prossime news: stay tuned!

Tag:
ARTICOLI CORRELATI