Uber, una città-test per le auto a guida autonoma

Creata Almono, la finta città per testare la guida autonoma dei veicoli Uber. Presenti manichini per simulare pedoni sbadati che sbucano all’improvviso.

Il colosso del servizio taxi via sms Uber ha mosso un altro passo avanti verso il futuro creando una finta città per testare le sue auto autonome. Almono, questo il nome dato alla nuova città-test di Uber, è situata a Pittsburgh ed è costituita da strade, incroci complicati e auto finte. Non mancano pedoni dai movimenti imprevedibili, configurati con il preciso intento di sbucare fuori all’improvviso per testare la prontezza del software delle vetture autonome.

Lo scenario che si prospetta è quasi quello di un film d’azione, dal momento che alcuni veicoli presenti sulle strade di Almono sono stati programmati per una guida pericolosa. Tra manichini che attraversano le strade inaspettatamente e ostacoli di ogni genere, i tecnici e gli ingegneri di Uber avranno la possibilità di eseguire un vero test sulle capacità delle auto autonome.

Il percorso è stato scelto e studiato appositamente con un livello di pericolosità maggiore rispetto a ciò che si potrebbe trovare nella realtà delle strade pubbliche. Almono si estende per 42 acri ma Uber ha già in programma di allargare questa specie di “villaggio interattivo”. Non saranno solo i veicoli autonomi ad essere testati, ma anche centinaia di drivers facenti parte del team di Uber.

Una strategia vincente che porterà Uber ad avanzare nella marcia verso la guida autonoma, di cui la prima preoccupazione è ovviamente la sicurezza. La guida autonoma riuscirà a decollare? Attendiamo con curiosità i primi risultati dei test.

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI