USATA
cerca auto nuove
NUOVA

KTM RC4 Supermono sulla base della Duke 690

Una monocilindrica sportiva nata per divertire su strada e in pista: grazie ai rendering di Luca Bar, dalla KTM Duke 690 ci immaginiamo l’arrivo di una supermono capace di quasi 70 cavalli e una ciclistica facile e intuitiva.

La KTM Duke, presentata di recente nella versione 690 Duke R, è tra le monocilindriche più sportive e performanti dell’attuale produzione mondiale. I suoi 69 cavalli di potenza e le geometrie compatte fanno della naked KTM una vera moto sportiva alla quale manca solo la carenatura integrale. Detto – fatto, ecco come ci immaginiamo la futura monocilindrica sportiva austriaca, da noi ribattezzata RC4, grazie a due rendering realizzati da Luca Bar, che raffigurano la versione base e la più estrema RC4R.
Parliamo di “futura” e non di “possibile” perché le voci che si rincorrono sulla prossima presentazione della nuova KTM monocilindrica sportiva sembrano convergere sull’edizione 2013 di EICMA come data probabile. Del resto la naked Duke 690 ha tutte le caratteristiche per essere “vestita” di una carenatura integrale e soprattutto per non sfigurare al cospetto di sportive sulla carta ben più performanti: ferma restando la potenza dichiarata, l’ultima evoluzione del propulsore LC4 vanta misure compatte e un arco di utilizzo molto ampio, capace di un buon allungo che, nella prova effettuata al Mugello della nuova KTM 690 Duke R, ci ha portato a sfiorare i 200 km/h pur senza nessun riparo aerodinamico. Immaginiamo ora cosa potrebbe fare una moto così, con carenatura integrale, un cupolino protettivo e due mezzi manubri e il gioco è fatto. Nei render che vi proponiamo, infatti, la moto impiega la medesima ciclistica della Duke 690 naked, senza la necessità di modifiche sostanziali in termini di assetto e componentistica. 

Perché la KTM 690 RC4 Supermono è una moto interessante
A metà degli anni ’90 le Supermono erano moto conosciute, protagoniste anche di alcuni campionati nazionali e internazionali. Anche alcuni costruttori (ad esempio Ducati, Bimota e Yamaha) presentarono i loro modelli stradali,  anche se l’interesse del pubblico non fu tale da proseguire con lo sviluppo di questi progetti. Oggi però le cose sono cambiate, a cominciare dai propulsori: il nuovo monocilindrico LC4 da 690 cc di KTM è un motore con pesi e dimensioni compatte, un propulsore capace di potenze paragonabili a quelle di un bicilindrico di pari cubatura e soprattutto in grado di mettere in mostra un carattere vigoroso lungo un ampio arco di erogazione. Questo, unitamente agli ingombri contenuti, spinge ad immaginare delle moto sportive dalle prestazioni interessanti ma anche, e soprattutto, dalle dimensioni contenute, capaci di essere divertenti su strada quanto in pista, oltre che estremamente convenienti nell’ottica dei consumi e delle spese di acquisto. La manutenzione, infine, per i monocilindrici risulta semplice, e se anche l’affidabilità di questi motori oggi ha raggiunto livelli impensabili fino a pochi anni fa (in relazione alle prestazioni offerte) le spese da sostenere per eventuali sostituzioni restano comunque limitate in confronto ai bicilindrici o ai motori plurifrazionati.
Appuntamento a EICMA 2013 con la KTM RC4 690? Si, noi ci crediamo, e non ci stupiremmo se dalla base della nuova KTM Duke 390 arrivasse una proposta analoga rivolta anche ai neopatentati A2.

Sponsor

Volkswagen Multivan
Volkswagen Multivan
OFFERTA Multivan 6.1. Da € 652/mese fino al 31/10. TAN 3,99 - TAEG 4,58%

Sponsor

Volkswagen California
Volkswagen California
OFFERTA California 6.1. Da € 623/mese fino al 31/10. Tan 3,99% - TAEG 4,61%.

Sponsor

Volkswagen Caravelle
Volkswagen Caravelle
OFFERTA Caravelle 6.1. Tuo da € 299/mese fino al 31/10. TAN 3,99% TAEG 4,77%.
Articoli più letti
RUOTE IN RETE