Moto Guzzi California 1400

Ad Eicma 2012 a Milano, il marchio dell'Aquila di Mandello del Lario si rilancia con la nuova generazione di California. Due le versioni: Custom e Touring. Nuovo motore 2 cilindri da 1.380 cc.

VAI ALLO SPECIALE Eicma 2012

Moto Guzzi California 1400 ad Eicma 2012
Esordisce ad Eicma 2012 (13-18 novembre) la nuova generazione della Moto Guzzi California.
Un nuovo progetto che ha l’obiettivo di ridefinire, secondo lo stile italiano del marchio di Mandello del Lario, il concetto di moto di lusso.
Due le versioni dall’immagine opposta l’un l’altra: Moto Guzzi California 1400 Touring e Moto Guzzi California 1400 Custom.
Prodotte ed assemblate a mano in Italia, rilanciano il marchio Moto Guzzi, uno dei più antichi e nobili della storia motociclistica, nel mercato moticiclistico mondiale.

Nuova Moto Guzzi California 1400
La nuova Moto Guzzi California 1400 è imponente, esclusiva, in grado di esaltare gli elementi di nobiltà di un marchio storico appartenente all’eredità italiana.
Più di ogni altro modello da Moto Guzzi, la California rappresenta i valori e la forza del marchio di Mandello del Lario: stile, confort, affidabilità e prestazioni, grazie alla capacità di saper conciliare il comfort e la capacità di carico di una moto custom con la dinamicità e le prestazioni di una potente stradale.

Il motore V2 più grande d’Europa per la Moto Guzzi California
La nuova Moto Guzzi California 1400 ha un inedito motore 2 cilindri a V di 1380 cm3 di cilindrata, un record per un bicilindrico. Prima di lui, solo un altro propulsore dell’Aquila era riuscito a fare tanto (il V2 a 90° di 1225 cc della MGS01). La corse è la stessa del 1151 cc ma grazie ad un alesaggio di ben 104 mm, raggiunge la cilindrata di 1.380 cc.
La potenza è di 96 CV (71 kW) a 6500 giri mentre la coppia è di 120 Nm a 2750 giri.
Sul nuovo big bore, e nel segmento custom in particolare, debutta inoltre la gestione elettronica del propulsore ride by wire multimappa, un sistema tecnologico che permette di scegliere fra tre mappature di gestione del motore: Turismo, Veloce e Bagnato, in base allo stile di guida, al percorso o alle situazioni ambientali.
Le tre diverse mappature agiscono sull’erogazione della coppia motrice e sulla gestione del freno motore.
Inoltre, la mole dell’imponente California 1400 (337 Kg in ordine di marcia completamente equipaggiata, 322 Kg a secco), conta sul controllo di trazione (MGCT), altra novità per il segmento custom. L’MGCT è settabile su tre livelli d’intervento per innalzare la sicurezza attiva senza pregiudicare prestazioni e piacere di guida.
Al V2 è abbinato un cambio a sei rapporti (nella precedente era a cinque marce) con una frizione monodisco (prima a bi-disco) a secco con parastrappi integrato e carico di azionamento ridotto.
La trasmissione finale rimane a cardano come da tradizione ma è stata riprogettata per trasferire, con la massima fluidità e confort, la poderosa coppia del propulsore, oltre ad vantare un aspetto estetico notevolmente più moderno e tecnologico. 

Ciclistica: Moto Guzzi California introduce il concetto di “Motore Elastico”
Oggi, con la nuova California 1400 Moto Guzzi sviluppa una nuova idea applicata al fissaggio del propulsore al telaio, introducendo il concetto di “Motore Elastico”.
L’innovazione, introdotta per ottenere un nuovo standard in termini di confort di marcia, consiste nel fissaggio del propulsore al telaio attraverso un esclusivo sistema di supporti elasto-cinematici composti da una biella frontale, due biellette laterali e una serie di tamponi di gomma che lasciano oscillare il motore filtrando tutte le vibrazioni impedendo che queste si trasmettano alla moto e nei suoi punti di contatto con  pilota e al passeggero.
Oltre a garantire un comfort di marcia da riferimento il telaio della nuova California ha il suo punto di forza nella resa dinamica, ottenuta cercando la massima rigidezza tra un sovradimensionato cannotto di sterzo e forcellone di grande sezione.
Il telaio è una doppia culla chiusa dalle quote tipicamente custom: angolo di sterzo di 32°, avancorsa di 155 mm ed interasse di ben 1685 mm. Quote che assicurano stabilità e precisione nei cambi di direzione e, grazie al bassissimo baricentro e alla centralità delle masse anche una manovrabilità sorprendente su una moto di queste dimensioni.   
L’altezza da sella è di appena 740 mm da terra, è sufficiente per non mettere in crisi il pilota maneggiando la California 1400 a velocità pendonale. Alla facilità di guida e maneggevolezza contribuiscono anche le ridotte vibrazioni, grazie anche ad una più pronta risposta del motore al gas.
Riviste completamente anche le sospensioni: all’anteriore è predisposta una forcella, con steli da 46 mm dalla generosa escursione di 120 mm. Tradizione la soluzione per il posteriore, con una coppia di ammortizzatori cromati e regolabili nel precarico molla.
I cerchi sono in lega d’alluminio. Quello anteriore misura 3,5” e monta un pneumatico da 13/70 da 18” mentre al posteriore, su un cerchio da 6” di sezione, è montato un grosso pneumatico da 200/60 da 16”.
Il reparto frenante è opera di Brembo con una coppia di dischi anteriori da 320 mm con quattro pistoncini contrapposti ed un disco singolo da 282 mm con una pinza flottante a due pistoncini paralleli. Per la prima volta su una Moto Guzzi California, l’ABS di ultima generazione.

Design della nuova Moto Guzzi California 1400
Imponente, massiccia, comoda, cattiva. Sono molto gli aggettivi che vengono in mente guardano le prima immagini ufficiali della nuova Moto Guzzi California 1400, ma non si può dire che non mantiene uno stretto legale con la sua storia e la sua tradizione. L’estetica è differenze per le due versioni: più sofisticata la Touring, più banditesca la Custom.
Entrambe però condividono alcuni aspetti, come per esempio il grande gruppo ottico anteriore poligonale, dotato d’illuminazione diurna a led DRL, come avviene sulle auto di più recente progettazione.
Dalle versioni precedenti, si notano alcune citazioni stilistiche: il profilo della sella, il maniglione cromato ed i fianchetti laterali ispirati alla T3 oltre al rapporto tra le dimensioni del serbatoio e del motore a favore di quest’ultimo, proprio come nello stile delle antenate V7 e V850.
Il serbatoio da 21 litri in metallo è scolpito mostrando due fianchi laterali, sui quali è incassato il logo dell’Aquila, sagomati sui possenti gruppi termici del nuovo motore da 1400 cc a testa tonda.
L’interasse maggiore (+125 mm) contribuisce a rendere più snella e filante la vista laterale della nuova Moto Guzzi California. Inoltre, non passano inosservati i due scarichi lucidi che terminano in corrispondenza del parafango posteriore. Questo, plasmato sull’impressionante pneumatico da 200”, integra il duplice gruppo ottico a led e rende pulito il look della vista.
Aggiornata la strumentazione racchiusa in un quadrante circolare da ben 150 mm di diametro con la scala del contagiri analogico ricavata lungo la circonferenza esterna e il display multifunzione full matrix sospeso al centro. Novità anche per le manopole rivestite, il manubrio a corna di bue e i blocchetti elettrici dove, sul destro è possibile, per la prima volta su una Moto Guzzi, attivare il cruise control.

Moto Guzzi California 1400 Touring
La Moto Guzzi California 1400 Touring è l’espressione più classica del modello, destinata ai grandi viaggi, per i quali è stata elegantemente dotata di ogni comfort per quanto riguarda protezione aerodinamica e capacità di carico (disponibile in baule da 50 litri).
Sella bicolore, parabrezza “Patrol”, fari supplementari cromati, valigie laterali da 35 litri, kit paramotore e para-valigie sono le dotazioni di serie della Moto Guzzi California 1400 Touring, che può anche contare su tre diverse mappature ed il cruise control.
Ma non mancano le possibilità di personalizzare la propria custom tourer, in base ai propri gusti ed alle proprie esigenze, grazie ad un folto catalogo di accessori.
Particolarmente curato è il concetto cromatico, sviluppato su due evocative grafiche: la Eldorado, bianca con filetti ornamentali scuri sul serbatoio, ispirato alle versioni della California Highway Patrol  oppure Ambassador,  che esprime il classico nero con filetti bianchi simile alle versioni delle origini, tipo V7 e 850 California.

Moto Guzzi California 1400 Custom
La sorella cattiva della versione turistica. È la Moto Guzzi California 1400 Custom, con stile, temperamento e vocazione in antitesi con l’altro modello.
Design da cruiser dura e pura, contraddistinta da un look total black bandistesco e minimalista: due ruote, un motore, sella e manubrio. Null’altro ma il tutto realizzato nel rigore tra forma e funzione, coniugandolo con un senso estetico tipicamente italiano, espressione di una cura del dettaglio e capacità esecutiva degna delle migliori interpretazioni che il made in Italy abbia mai prodotto in campo automotive.
Meno comoda della turistica ma più decisa: manubrio frag bar, sella biposto minimal con logo dell’Aquila stampato a caldo con seduta bassa ed arretrata, ammortizzatori posteriori dotati di serbatoio esterno.
Il look total black incrementare la potenza espressiva della California 1400 Custom, fino alle ruote nere laccate con il logo Moto Guzzi rosso e gli specchietti retrovisori neri. 

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI