USATA
NUOVA
OPEL

Prova gamma Touring 2020 Harley-Davidson: tecnologia e tradizione!

Tutta la gamma Touring di H-D (con le varie Road King, Street Glide e Road Glide) eredita il pacchetto di elettronica, sia per la sicurezza attiva che per la connettività, dalla Livewire. Debutta poi la inedita Road Glide Limited.

Harley-Davidson gamma Touring 2020 – L’occasione della presentazione delle novità 2020 per la gamma Touring di Harley-Davidson è stata utile per fare un po’ di “ripasso” sui nomi e sulle caratteristiche dei tanti modelli presenti a listino. Ci si potrebbe perdere e sembra quasi che conoscere i segreti dei vari nomi che identificano le caratteristiche dei singoli modelli rappresenti l’esame per l’entrata nel club dei fan della casa americana. Sostanzialmente la famiglia Touring è composta da quattro modelli, che sono poi ulteriormente differenziati in base alla configurazione. Si parte dalla Electra Glide, che è anche l’unica a non essere toccata dalle novità 2020, proprio perché priva del sistema audio e dello schermo.

Non è “spoglia” del sistema tanto per una questione di costi (il suo prezzo di listino è di 25.650 euro), ma forse più perché si rivolge ai tradizionalisti, che vogliono una moto senza troppi fronzoli. L’Electra Glide è anche l’unica ad essere offerta unicamente con il 107, mentre la Road King ha le due opzioni con la Special dotata del Milwaukee-Eight 114, di serie invece su tutto il resto della gamma. La Road King è una Touring, a è l’unica priva della carenatura nella zona del manubrio.

Proprio questo dettaglio è quello che differenzia poi gli altri due modelli, con il famoso batwing (ha debuttato nel lontano 1969) a contraddistinguere le Street Glide (è presente anche sulla Electra Glide), mentre le Road Glide hanno un doppio faro, che si unisce a formare un elemento più squadrato all’interno di una carenatura fissata al telaio e non solidale al manubrio come per le Street. Ogni modello poi, si può ulteriormente declinare nella versione Special (priva del bauletto centrale, ma anche delle protezioni per le pedane – che celano due piccoli radiatori per il raffreddamento delle teste dei cilindri), oppure nelle versioni Limited ed Ultra Limited, che offrono il massimo a livello di comfort e vocazione a viaggiare. Sperando di aver fatto un po’ di chiarezza, va detto che ad oggi i modelli disponibili per il nostro mercato sono sette, con l’ultima arrivata Road Glide Limited ad allargare la gamma 2020.

Tecnologia mutuata dall’innovativa Livewire

Dopo il lancio della Livewire, prima Harley elettrica, ma anche prima ad avere il controllo di trazione, una connettività avanzata con il cellulare e funzioni inedite per la casa americana, ora alcune di queste tecnologie vengono mutuate sulla gamma Touring.

A cominciare dall’H-D Connect, che estende l’interazione con il proprio smartphone e mette a disposizione il tracciamento della moto, anche come antifurto, ma soprattutto per avere informazioni aggiuntive sui percorsi, manutenzione e molto altro. Si può usare lo smartphone per comandare il sistema di navigazione, magari scegliendo il percorso stando comodamente seduti sul divano di casa propria ed inviandolo alla moto una volta saliti in sella. H-D Connect non è però solo questo: mette a disposizione gratuitamente per un anno un servizio che include tutti i dati della propria moto in cloud, consultabili ovunque, messaggi inviati al proprio cellulare in caso di tentativi di furto e molto altro. Si conferma invece quanto già visto sui precedenti modelli, con il grosso schermo touch a colori che mette a disposizione moltissime funzionalità. Oltre a quelle di navigazione, troviamo la radio, la gestione delle chiamate e dell’eventuale sistema audio del proprio casco, attraverso il quale è anche possibile fruire dei comandi audio. Le funzioni sono moltissime, ma l’ergonomia dei comandi al manubrio è molto ben studiata ed è intuitiva, una volta che ci si prende confidenza.

Controllo di trazione per la prima volta

La novità piu importante delle Touring 2020 è però il pacchetto legato all’elettronica e sicurezza. Prende il nome di RDRS (Reflex Defensive Rider Systems) e si traduce nella presenza di una piattaforma inerziale, che diventa il cuore di una elettronica di alto livello. Debutta così il Cornering ABS, che evolve la già presente frenata combinata e ripartita, ora ottimizzata anche a moto inclinata ed in azione congiunta con il raffinato sistema di gestione del propulsore. Il controllo di trazione non agisce infatti solo in accelerazione, evitando che la generosa coppia a disposizione faccia perdere aderenza alla ruota posteriore, ma anche in frenata, dove il Milwaukee-Eight potrebbe generare un’azione frenante eccessiva, portando anche al bloccaggio della ruota. Il sistema RDRS è di serie su tutta la gamma, con le uniche eccezioni Road King ed Electra Glide Standard (le due 107 in pratica).

Nasce la Road Glide Limited

Oltre alla tecnologia, l’ulteriore novità della gamma Touring 2020 si chiama Road Glide Limited. In pratica  sostituisce la Road Glide Ultra ed offre un allestimento votato al turismo ed anche al lusso. Citiamo ad esempio le decorazioni pinstriping, la parte interna della carenatura con finitura lucida, ma anche le manopole riscaldate di serie, un nuovo serbatoio e medaglioni parafango anteriori e posteriori. Per chi apprezzi la molto personale carenatura a “muso di squalo”, anziché la classicissima batwing, la nuova Road Glide Limited rappresenta il top della gamma. Ricordiamo che la dotazione di serie prevede poi, in questa configurazione, le sospensioni Premium Touring con  precarico posteriore regolabile ed il sistema di infotainment Boom! Box GTS con touchscreen a colori. Debutta poi per il 2020 la nuova colorazione Black Finish Option, disponibile unicamente per la nuova arrivata e per la Ultra Limited (con un costo aggiuntivo di 1.900 euro).

La nostra prova

La gamma Touring è un tassello fondamentale per Harley. In termini di numeri viene dietro alle Softail ed alle Sporster, ma visti i prezzi di listino è una voce di fatturato quasi equivalente. In questo 2020 viene ulteriormente aggiornata la gamma, che si amplia con la nascita di un nuovo modello, ma soprattutto con l’arrivo del controllo di trazione e della piattaforma inerziale. Tradizione e tecnologia si scontrano concettualmente, ma vi garantiamo che il nuovo sistema RDRS sarà sicuramente molto apprezzato dagli acquirenti dei modelli Touring di H-D.

Lasciando da parte le differenze tra i vari modelli, la base tecnica resta comune, incluse le novità 2020, che toccano praticamente tutta la gamma Touring di Harley-Davidson. Alla guida il nuovo pacchetto Reflex Defensive Rider Systems è fondamentale, soprattutto in una giornata uggiosa come quella in cui il nostro test di è svolto. Se infatti non si può fermare l’acqua durante un acquazzone, se ne può limitare di molto l’impatto sulla guida, riducendo di parecchio le maggiori insidie di un asfalto viscido. Con la tanta coppia, disponibile lungo tutto l’arco di erogazione del propulsore 114, aprendo la manetta del gas sarebbe facile generare una copioso perdita di aderenza della ruota posteriore. Invece tutto sembra sempre sotto controllo e solo osservando la strumentazione si ha la conferma che è l’elettronica ad intervenire per ottenere questo risultato, spesso anche in frenata, quando si scalano le marce. Nulla di invasivo, al punto che a velocità ridotte il sistema consente alla gomma posteriore piccoli slittamenti, prima di intervenire.

Lo si può comunque escludere, a moto ferma, mentre c’è poi la mappa Rain, che rende il tutto leggermente meno permissivo e addolcisce anche l’erogazione del motore, proprio per le condizioni in cui ci siamo imbattuti oggi.

Ci è piaciuto anche il nuovo sistema di aiuto per le partenze in salita, che si “innesca” frenando a moto ferma (una vibrazione ed una spia sul cruscotto ne danno conferma), sia in salita che in discesa e che consente di attendere la ripartenza, fino ad un tempo massimo di 5 minuti, senza preoccuparsi del freno e senza che la moto vada indietro.

Quanto infine a quello che ormai è un vero e proprio sistema di infotainment, più evoluto di quelli che troviamo su molte auto, si fa più connesso e conferma di fatto un sistema che era già molto avanzato. Consente di fruire di funzioni di navigazione, ma anche di gestire le telefonate, soprattutto se abbinato ad un sistema audio bluetooth per il proprio casco, oltre che di una ingente quantità di dati navigabili sul quadro strumenti. Restano poi separati, visibili sul piccolo display nella porzione bassa del tachimetro analogico, i dati relativi a trip ed autonomia, che si navigano con il tasto raggiungibile con l’indice della mano sinistra, sul blocchetto al manubrio.

Conclusioni e prezzi

Resta immutato invece il piacere dell’esperienza di guida dei tanti modelli della gamma Touring, che anche in questa giornata in sella, sulle strade del Monferrato, si è confermato. Una bella canzone ci spinge ad alzare il volume, lasciando il sound del Milwaukee-Eight 114 in sottofondo e con lo sguardo sui paesaggi che ci circondano, facendo capire a chiunque, anche ai meno appassionati del brand americano, quali possano essere i motivi che spingono a comprarne una.

Quanto infine ai prezzi, si parte dai 25.250 euro della Road King (1.700 in più se scegliete la Special con propulsore 114), passando per i 25.650 della Electra Glide Standard. Si arriva poi in “zona 30 mila” con le Street e Road Glide. Sono quattro le opzioni: Street Glide Special (29.550 euro), fino alla Ultra Limited da 31.300, mentre le due Road Glide sono a listino a 29.900 (la nuova Limited) e 29.950 euro (la Special).

ABBIGLIAMENTO UTILIZZATO

Casco:  Scorpion Exo-Tech

Giacca: Alpinestars Crazy Eight

Guanti: Alpinestars Rayburn V2

Jeans: Alpinestars Double Bass Denim Jeans

Scarpe: Alpinestars J-6 Waterproof

 

 

info ADV

VOLVO XC40
VOLVO XC40

info ADV

NUOVA VOLVO XC60
NUOVA VOLVO XC60

info ADV

NUOVA VOLVO V60
NUOVA VOLVO V60

mobile ADV

VOLVO XC40
VOLVO XC40

mobile ADV

NUOVA VOLVO XC60
NUOVA VOLVO XC60

mobile ADV

NUOVA VOLVO V60
NUOVA VOLVO V60
ARTICOLI CORRELATI