MotoGP 2019 GP di Spagna: l’anteprima Michelin di Barcellona

Dopo il Mugello, il Mondiale di MotoGP 2019 è pronto ad accendere i motori con il settimo appuntamento iridato, il GP di Spagna sul circuito di Barcellona-Catalunya

Celebrata la prima vittoria nella classe regina di Danilo Petrucci al Mugello, il Mondiale di MotoGP 2019 si sposta in questo weekend sul circuito di Barcellona-Catalunya, sede della settima tappa iridata. Conosciuto anche con il nome di Montmelò, si tratta di un tracciato contraddistinto da curve velocissime, diversi cambi di elevazione e un rettilineo lungo più di un chilometro, caratteristiche che insieme definiscono i suoi 4.627 metri di lunghezza complessiva. Nel 2018 il suo asfalto è stato completamente rifatto, il che ha resettato tutti i dati a disposizione di team e piloti: una sfida in più per la Michelin nel portare le mescole più performanti utili a siglare il nuovo record della pista!

LE MESCOLE DELLA MICHELIN

A tal fine il produttore francese fornirà le sue Power Slick, selezionate per contrastare l’elevato livello di abrasione del Montmelò. Queste gomme saranno disponibili in tutte e tre le mescole, sia all’anteriore che al posteriore: Soft, Medium e Hard. La differenza fondamentale sta nel fatto che le prime due all’anteriore, le morbide e le medie, avranno una costruzione simmetrica, mentre le dure e tutte le posteriori saranno asimmetriche con una spalla destra più consistente, in modo da fornire il grip ottimale nelle otto curve che vanno in questa direzione. Nel caso in cui sarà la pioggia la vera protagonista del weekend, la Michelin metterà a disposizione le Power Rain in mescole Soft e Medium, sempre con il posteriore asimmetrico.

LE PAROLE DI PIERO TARAMASSO – MICHELIN MOTORSPORT

Questo è un circuito ottimo per i test, sia invernali che in-season: presenta un mix completo di curve, un lungo rettilineo e un’abrasività davvero marcata sulla parte destra delle gomme, che ci costringe a produrre delle mescole in grado di fare praticamente tutto nel corso del weekend. L’anno scorso abbiamo corso su una superficie asfaltata completamente nuova che, nel lunedì dopo la gara, ci ha fornito un sacco di dati utili per il Gran Premio di questa stagione. Per noi sarà la chance di battere i record siglati nel 2018, dal momento che ora abbiamo tutte le informazioni che ci servono e sappiamo cosa aspettarci dall’asfalto“.

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI