Risultati MotoGP 2016, Misano: vince Pedrosa, secondo Rossi

Uno scatenato Dani Pedrosa si aggiudica il primo posto nel GP di San Marino, piazzandosi davanti alle due Yamaha di Valentino Rossi e di Jorge Lorenzo. Marc Marquez conclude la gara in quarta posizione.

Dopo aver messo in atto una magnifica rimonta, Dani Pedrosa si aggiudica il gradino più alto del podio nel GP di San Marino, piazzandosi davanti alle due Yamaha di Valentino Rossi e di Jorge Lorenzo. Quarto posto per Marc Marquez, seguito dalla Suzuki di Vinales e dalle due Ducati di Dovizioso e Pirro.

LA GARA – Il meteo è ottimo a Misano e le due Yamaha di Lorenzo e Rossi sono tra le favorite. In prima fila, accanto allo spagnolo e al pilota di Tavullia, è posizionato Vinales. Seguono Marquez, che nel warm-up ha fatto segnare il miglior tempo, e le Ducati di Pirro e Dovizioso. Crutchlow, Pedrosa ed Aleix Espargaro partono invece dalla terza fila. Grande assente Iannone, fermo in seguito alla microfrattura alla terza vertebra toracica riportata dopo una caduta nelle prime libere.

Al via, Lorenzo scatta subito in testa dalla pole position, seguito da Vinales. Rossi riesce però a riconquistare la seconda posizione superando lo spagnolo della Suzuki. In quarta posizione Marquez, subito attaccato e sorpassato da Dovizioso. Nel secondo giro, Rossi si avvicina ulteriormente a Lorenzo, riuscendo a superarlo e a portarsi in testa. Marquez riesce invece a riconquistare il quarto posto ai danni di Dovizioso.

Marquez si porta dietro a Vinales, provando a sorpassarlo senza successo. Nel frattempo, Rossi fa registrare il giro più veloce della gara. Infine, durante il quarto giro, Marquez riesce a sorpassare Vinales, portandosi in terza posizione e lanciandosi all’inseguimento di Lorenzo. Pedrosa comincia a farsi minaccioso, portandosi alle spalle di Dovizioso.

Durante l’ottavo giro, il britannico Alex Lowes cade dalla sua Yamaha, ma fortunatamente non vi è alcuna conseguenza per il pilota. Nel frattempo, Vinales si appresta ad attaccare Dovizioso per la conquista del quinto posto. Nell’undicesimo giro, lo spagnolo della Suzuki riesce nella sua impresa, sorpassando l’italiano della Ducati. In pochi giri, Pedrosa riesce a portarsi alle spalle di Marquez, superandolo con un sorpasso da manuale. Durante il sedicesimo giro, Pedrosa riesce a sorpassare anche Lorenzo, lanciandosi all’inseguimento di Rossi. Aleix Espargaro cade invece sulla curva del Tramonto, senza fortunatamente riportare alcuna conseguenza.

Durante il ventunesimo giro, Pedrosa riesce a sorpassare anche Rossi, portandosi così al comando della gara. L’italiano cerca di riprendere il comando, ma lo spagnolo è una belva e in pochi giri riesce a guadagnare un secondo e mezzo di distacco da Rossi, volando verso la vittoria. Pedrosa taglia il traguardo in prima posizione, seguito da Rossi e da Lorenzo. Marquez conclude in quarta posizione, seguito dalla Suzuki di Vinales e dalle due Ducati di Dovizioso e Pirro. Petrucci non va oltre l’undicesima posizione.

Marc Marquez continua a dominare la classifica piloti con 223 punti, seguito da Valentino Rossi a quota 180 punti. La terza posizione è sempre occupata da Lorenzo, con 162 punti. Il distacco tra la prima posizione in classifica di Marquez e la seconda del Dottore è ora pari a 43 punti.

Queste le dichiarazioni di Pedrosa al termine della gara: “Sono molto contento perché questa vittoria è arrivata dopo un periodo molto difficile. Ho pensato solo a concentrarmi sul mio ritmo, sapevo che quella era la chiave. Per fortuna il mio passo era molto regolare e ho potuto sfruttare i miei punti di forza. È una vittoria che dedico ai tifosi e alla mia famiglia e chi mi ha sempre sostenuto in questo periodo difficile che ho affrontato”.

Rossi ha provato a resistere all’attacco dello spagnolo, purtroppo senza successo: “Ho dato il massimo per battere Lorenzo e Marquez e mi sono accorto che avevo il passo per stare loro davanti. Ero sicuro di avere la gara in pugno poi però ho visto comparire quel nome sulla lavagna e ho pensato ‘no! proprio oggi no!’ e invece era davvero troppo veloce. La scelta delle gomme è stata determinante, in tante occasioni Pedrosa col suo peso leggero ha degli svantaggi, ma oggi aveva un vantaggio ed è andato forte, ho provato a stargli dietro ma non potevo. Oggi mi ha fatto pure l’entrata alla Marquez, si è montato la testa… Negli ultimi giri era meno in difficoltà con la posteriore”.

Infine, Lorenzo elogia Pedrosa: “Sono contento per lui perché ha passato un periodo difficile e ha lottato tantissimo per tornare a questo livello. Sono invece deluso per me perché gli altri sono stati più veloci e volevo vincere. Purtroppo a volte non è possibile. Ho fatto il massimo ma non era il mio giorno, Vale e Dani sono stati più rapidi di me, soprattutto nella seconda parte della gara”.

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 162.3 43’43.524
2 20 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 162.1 +2.837
3 16 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 162.1 +4.359
4 13 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 161.7 +9.569
5 11 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 161.4 +15.467
6 10 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 161.1 +19.676
7 9 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 160.9 +22.936
8 8 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 160.7 +27.155
9 7 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 160.7 +27.202
10 6 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 160.2 +33.968
11 5 9 Danilo PETRUCCI ITA OCTO Pramac Yakhnich Ducati 159.9 +39.206
12 4 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 159.9 +39.967
13 3 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati 159.7 +42.997
14 2 50 Eugene LAVERTY IRL Pull & Bear Aspar Team Ducati 159.3 +49.450
15 1 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati 159.0 +54.879
16 68 Yonny HERNANDEZ COL Pull & Bear Aspar Team Ducati 158.4 +1’05.072
17 53 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 131.3 5 Giri
Non classificato
41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 160.4 11 Giri
12 Javier FORES SPA Avintia Racing Ducati 155.8 13 Giri
22 Alex LOWES GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 157.9 21 Giri

TAGS:
ARTICOLI CORRELATI