USATA
cerca auto nuove
NUOVA

SBK 2009 – Valencia

Ducati domina con Haga che vince entrambe le gare. Spies cade nella prima e finisce secondo in gara due. Ottima performance di Fabrizio e Laconi, Biaggi da 18esimo chiude in ottava

SBK 2009 – Valencia Superpole
Circuito Ricardo Tormo di Valencia, 4005 metri, 9 curve a sinistra e cinque a destra, 30 piloti pronti a darsi battaglia per aggiudicarsi la pole position.
Indubbiamente i favoriti sono sempre Haga e Spies, ma anche occhi puntati su Biaggi che ha dimostrato di guidare una moto molto competitiva e aggressiva. Nella prima delle tre batterie di superpole, l’americano della Yamaha studia gli avversari e si limita a guadagnare l’accesso alla seconda batteria, mentre Carlos Checa imperversa sul circuito per lui di casa. Byrne, nonostante una brutta infezione al ginocchio che lo impedisce nella guida e costringe a cure mediche, ottiene una ragguardevole seconda posizione. Le Ducati passano il turno, come la BMW di Corser, inaspettatamente invece, l’Aprilia di Biaggi che aveva furoreggiato in classifica accusa problemi al posteriore e il campione romano perde così l’occasione di partire con i primi e dovrà sudare la rimonta dalla diciottesima posizione, davanti all’altra BMW di Xaus.
Nella seconda batteria della Superpole, l’americano rompe gli indugi e marca la prima posizione con un 1’33″868, seguito da un Kagayama, sempre molto valido in questa fase a differenza di quanto faccia poi in gara, e Laconi che, con una Ducati cliente, si piazza davanti ai due ufficiali Xerox: Fabrizio e Haga. Ottengono il passaggio anche Rea e Checa della Honda Ten Kate, divisi però dal giovane Neukirchner su Suzuki.
Ultima batteria per stabilire la griglia di partenza, quella in cui i piloti rimasti danno il 101% e ben Spies con la gomma da tempo riesce a migliorare ancora il su già strabiliante tempo trasformandolo in 1’33″270; con un colpo di reni Laconi si porta in seconda posizione, prima Ducati in griglia, seguito dalle ufficiali di Haga e Fabrizio, le Suzuki Alstare di Kagayama e Neukirchner stringono i denti e si piazzano davanti alle Honda Ten Kate di Rea e Checa.

1 B. Spies Yamaha YZF R1 1’33.270
2 R. Laconi Ducati 1098R 1’33.955
3 N. Haga Ducati 1098R 1’34.082
4 M. Fabrizio Ducati 1098R 1’34.259
5 Y. Kagayama Suzuki GSX-R 1000 K9 1’34.755
6 M. Neukirchner Suzuki GSX-R 1000 K9 1’34.903
7 J. Rea Honda CBR1000RR 1’35.056
8 C. Checa Honda CBR1000RR 1’35.346
9 R. Kiyonari Honda CBR1000RR 1’34.536
10 L. Haslam Honda CBR1000RR 1’34.655
11 J. Smrz Ducati 1098R 1’34.684
12 S. Byrne Ducati 1098R 1’34.742
13 B. Parkes Kawasaki ZX 10R 1’34.823
14 T. Corser BMW S1000 RR 1’34.863
15 B. Roberts Ducati 1098R 1’35.082
16 J. Hopkins Honda CBR1000RR 1’35.251
17 T. Sykes Yamaha YZF R1 1’35.203
18 M. Biaggi Aprilia RSV4 Factory 1’35.204
19 R. Xaus BMW S1000 RR 1’35.806
20 S. Nakano Aprilia RSV4 Factory 1’35.416
21 D. Salom Kawasaki ZX 10R 1’35.718
22 T. Hill Honda CBR1000RR 1’35.890
23 K. Muggeridge Suzuki GSX-R 1000 K9 1’35.909
24 M. Tamada Kawasaki ZX 10R 1’36.030
25 L. Scassa Kawasaki ZX 10R 1’36.119
26 D. Checa Yamaha YZF R1 1’36.581
27 A. Badovini Kawasaki ZX 10R 1’36.745
28 V. Iannuzzo Honda CBR1000RR 1’36.813
29 M. Baiocco Kawasaki ZX 10R 1’36.826
30 R. Resch Suzuki GSX-R 1000 K9 1’37.820

RUOTE IN RETE