WRC Gran Bretagna 2018: il team Citroën schiera due C3 WRC

WRC Gran Bretagna 2018: il team Citroën schiera due C3 WRC - Foto  di

Una sfida invitante per Craig Breen e Mads Ostberg

Il team Citroën Total Abu Dhabi WRT, rappresentato dagli equipaggi Craig Breen – Scott Martin e Mads Ostberg – Torstein Eriksen, si prepara a tornare in Galles per l’undicesima prova del Campionato 2018 e ad affrontare le condizioni di aderenza più imprevedibili e instabili della stagione.
Le speciali naturali del Galles sono una sfida invitante per i concorrenti alla sfida, ma ci vuole grande esperienza per poter affrontare i continui cambi di aderenza. La terra è molto grassa, a causa delle frequenti e abbondanti piogge, e queste foreste fitte trattengono l’umidità che provoca una fitta nebbia che ostacola la visibilità.

Mads Ostberg e Craig Breen, piloti ufficiali di Citroën Total Abu Dhabi WRT, con dodici e sette partecipazioni rispettivamente, sanno ciò che li attende.

Mads è già salito sul podio in due occasioni (2° nel 2011 e 3° nel 2014), e l’ultima volta era con il team Citroën: da qui la sua intenzione cogliere lo stesso risultato. Anche Craig Breen, galvanizzato dalla vicinanza della sua Irlanda natale, ha mostrato una buona velocità lo scorso anno sulla C3 WRC e ora vuole combattere per le prime posizioni.

I piloti saranno ancora più a loro agio grazie a un’auto che, da allora, ha beneficiato di alcune modifiche importanti, come al sottotelaio posteriore e alla geometria dell’assale anteriore.
Bisogna però fare i conti con il meteo. In caso di pioggia, su queste piste fangose che perdono aderenza un passaggio dopo l’altro, la decima e l’undicesima posizione rispettive di Mads e Craig nell’ordine di partenza di venerdì, diventerebbero un handicap. E se invece dovesse rimanere più secco, le difficoltà sarebbero comunque notevoli: la velocità media si alzerebbe di molto, e le trappole nel sottobosco diventerebbero anche più pericolose.

Altra sfida saranno i 150,24 chilometri della tappa di sabato, la più lunga del weekend, senza possibilità di assistenza meccanica, che può rendere fatale qualsiasi errore o problema tecnico. Il percorso rimane comunque un classico del genere con l’aggiunta di alcune novità, come le PS di Penmachno (16,95 km) e Slate Mountain (1,63 km) venerdì, quella di Elsi (10,06 km) domenica e alcune porzioni in Brenig, Sweet Lamb Hafren o Gwydir.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE