WRC Tour de Corse 2019 – Giorno 1: un duro inizio per le Citroën C3 WRC

Una prima giornata difficile per il team Citroën

Obbligati ad agire con attenzione, a causa di regolazioni imperfette su un terreno in gran parte nuovo, gli equipaggi del Citroën Total World Rally Team Sébastien Ogier – Julien Ingrassia ed Esapekka Lappi – Janne Ferm, oggi non sono riusciti ad esprimere tutto il loro potenziale e si classificano a ridosso dei primi 5, quando rimangono ancora da disputare i due terzi di questa edizione del Tour de Corse.

La prima giornata di corsa, che si snoda tra Porto Vecchio e Propiano, aveva la particolarità di non prevedere l’assistenza a metà giornata. Infatti nella pausa tra due giri era prevista solo una zona per il cambio degli pneumatici. Pertanto era fondamentale avere subito un buon assetto della vettura, altrimenti gli equipaggi avrebbero sofferto tutta la giornata.

Purtroppo il Citroën Total World Rally Team ne ha fatto le spese: rallentati all’inizio da un testa-coda (PS 1) e da regolazioni imperfette, Sébastien Ogier e Julien Ingrassia concludevano il primo loop all’8° posto. Esapekka Lappi – Janne Ferm invece partivano meglio e ottenevano un interessante 5° posto, prima di finire in un testa-coda (PS 3) che li faceva retrocedere di due posizioni.

Se la zona del cambio gomme non permetteva loro di effettuare tutte le modifiche desiderate, gli equipaggi – gli unici autorizzati ad intervenire in quest’occasione – ottimizzavano alcuni parametri della C3 WRC, con l’ausilio dei consigli della squadra tecnica, con l’obiettivo di sfruttare meglio il potenziale della vettura nel secondo passaggio.

Particolarmente combattivi, Sébastien e Julien conquistavano il sesto posto, a soli 10”2 dal 4° classificato, mentre Esapekka e Janne concludevano la tappa subito dietro.

Questa prima giornata del Tour de Corse ha coperto solo il 35% del percorso, ed è solo una parte rispetto al programma di domani, quando la gara si dirigerà verso la parte settentrionale dell’isola. Gli equipaggi dovranno affrontare circa 175 km di prove cronometrate, di cui 47,18 km inediti, da percorrere due volte nella regione centrale della Castigniccia. Con le sue strade strette e sinuose, in cui si fa presto a farsi intrappolare da un falso ritmo, questa PS potrebbe riservare nuovi sviluppi.

ARTICOLI CORRELATI