Abarth 695 Biposto prova su pista, prestazioni e prezzi

Abbiamo provato su pista, presso l'Autodromo "Riccardo Paletti" di Varano de' Melegari (Parma), l'Abarth 695 Biposto. Reattiva, incisiva e coinvolgente la piccola supercar è in vendita, sul mercato italiano, al prezzo base di 39.000 euro

La nuova sfida di Abarth era creare la “piu piccola supercar” in circolazione su strada e grazie allo sviluppo tecnico e all’esperienza nelle competizioni, ci è perfettamente riuscita con la nuova Abarth 695 Biposto, che abbiamo avuto l’occasione di provare su pista presso l’Autodromo “Riccardo Paletti” di Varano de’ Melegari (Parma). Dal 2013 anche grazie alla visibilità delle gare, Abarth ha aumentato del 23% la rete di distribuzione con nuovi mercati e concessionari in 31 paesi del mondo diventando un marchio che ha registrato volumi di vendite del +24% in un solo anno (l’80% fuori dall’Italia). Un’auto creata per unire la tradizione Abarth con il futuro, lo stile con le prestazioni, la strada con la pista. I numeri già dicono tutto della nuova nata dello Scorpione: 190 cv e 250 nm di coppia a 3000 giri con un motore di 1,4 litri turbo e un rapporto peso/potenza di 5,3kg/cv, raggiunge i 230 all’ora e i 100 orari in 5”9.  Per ottenere un peso a secco appena inferiore alla tonnellata, gli ingegneri hanno mantenuto solo due sedili, tolto radio e aria condizionata, inserito nuovi materiali come carbonio e titanio.

 

Il prezzo parte da 39.000 euro ma è difficile rimanga tale visto il numero di personalizzazioni disponibili per gli appassionati che vogliono comunque un’auto unica. Il kit racing ad esempio, propone il cambio a innesti frontali, frizione in rame, differenziale autobloccante meccanico e finiture dell’abitacolo in fibra di carbonio ad un costo di circa €10.000.

La versione base comunque è già ben fornita. Il colore della carrozzeria viene offerto solo in grigio opaco ma è compreso il sistema di scarico Akrapovic, gli ammortizzatori regolabili extreme Shox, il sistema frenante Brembo e i cerchi OZ alleggeriti da 18”. All’interno è davvero racing: dietro ai due sedili Abarth Corsa by Sabelt con cintura a 4 punti, si nota una rollbar in titanio di Poggipolini che rende l’auto quasi minimalista con lo schermo TFT posto sul cruscotto, il manometro del turbo e il tasto sport. Semplice ma di forte impatto.

Come detto la piccola e scattante Abarth 695 biposto è stata concepita per avere essere una perfetta sintesi tra strada e pista e mantenere tutte le caratteristiche di una supercar. Reattiva, incisiva e coinvolgente. Affronta curve e cordoli senza scomporsi e fa sentire chiunque un pilota. Il cambio ad innesti frontali, omologato per strada, è dotato di un meccanismo a secco che rende la corsa della leva molto breve, precisa e piacevole dopo aver premuto una frizione non troppo dura.  Il rombo del motore è musica, spinge a tutti i regimi restando comunque omogeneo. Lo sterzo è maneggevole, non troppo diretto e divertente nelle curve ravvicinate dove la vettura si infila rapida. Il cambio di serie mantiene gli stessi pregi ma non è così rapido pur essendo morbido e piacevole. L’impianto frenante è ottimo con i suoi 305mm di diametro all’avantreno e 240 a retrotreno.

ARTICOLI CORRELATI