USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Bambini davanti in auto: ecco come portarli a norma di legge

Portare i bambini nei sedili anteriori dell'auto è consentito dalla legge, ma solo in alcuni casi. Vediamo come portare correttamente i bambini davanti in auto

In tempo di vacanze è sempre bene tenere a mente le norme basilari che regolano la circolazione stradale. Una delle annose questioni è quella sui bambini in auto: a quale età i bambini possono sedersi nei posti davanti in macchina? La risposta, fortunatamente, è incoraggiante.

Se avete in mente di far vedere ai vostri figli i panorami più suggestivi o semplicemente stare attenti ad evitare il mal d’auto potete tranquillamente farlo senza incorrere in sanzioni, a prescindere dall’età. Che si tratti di un neonato o di un ragazzo di dieci anni, portare i bambini davanti in auto è perfettamente legale, vi basterà disattivare l’airbag del passeggero con l’apposito comando.

Per quanto riguarda la sicurezza infatti sedersi davanti non rende automaticamente più sicuro l’occupante, anzi: su diverse categorie di auto, come le coupé, chi siede davanti è più tutelato nell’eventualità di un incidente.

La condizione NECESSARIA a portare i bambini in auto, che si tratti di posti  davanti o dietro, è quella regolamentata dalla normativa sui seggiolini auto entrata in vigore nel 2017. Nello specifico quindi, la legge spiega chiaramente quali seggiolini vanno impiegati a seconda dell’età dei bimbi, ma non parla della posizione in cui vanno fatti sedere.

Ecco quanto viene espressamente regolato dalla normativa ECE R44:

bambini davanti in auto

La normativa, esplicata in oltre 100 pagine, divide le tipologie di seggiolini in base alle fasce di età e peso, che vanno così organizzate:

  • Gruppo 0 – bambini di peso inferiore ai 10Kg (fino a 9 mesi circa)
  • Gruppo 0+ – bambini di peso inferiore ai 13Kg (fino a 12 e 14 mesi)
  • Gruppo 1 – bambini dal peso compreso tra i 9 e i 18Kg (tra i 9 mesi e i 4 anni)
  • Gruppo 2 – bambini dal peso compreso tra i 15 e i 25Kg (tra i 3 e i 6 anni)
  • Gruppo 3 – bambini dal peso compreso tra i 22 e i 36Kg (tra i 5 e i 12 anni)

Per ogni gruppo di appartenenza c’è un seggiolino specifico. Per il primo gruppo viene adottata la cosiddetta “navicella”, mentre una volta passati al secondo si utilizza “l’ovetto”. Il primo si monta trasversalmente al sedile posteriore della vettura, mentre l’ovetto viene collocato al contrario rispetto al senso di marcia. Per i gruppi 1, 2 e 3 invece, il seggiolino viene posto nel senso di marcia. Per il gruppo 1 si impiega un seggiolino contenitivo compreso di schienale, adattabile alla vettura attraverso le cinture di sicurezza e -come opzione- con agganci Isofix.

I gruppi 2 e 3 sono, fondamentalmente, rialzi per il bambino. In questo modo la posizione della seduta risulta più ergonomica, proteggendo meglio il bambino da eventuali impatti.

Articoli più letti
RUOTE IN RETE