Dacia al Motor Show di Bologna 2006

L'auto low cost diventa anche station!

Dacia al Motor Show di Bologna 2006. Economica sì, ma non per questo trascurata: gli acquirenti hanno premiato Dacia Logan ed anche la stessa Renault “coccola” la sua low-cost proponendo nuove versioni ed allestimenti. Un esempio è Logan MCV: nata per offrire ancor più spazio e versatilità rispetto alla sorella berlina. La vettura, dalla versione in abito lungo, offre innanzitutto più spazio: il risultato è stato raggiunto con un visibile allungamento della carrozzeria e con una linea molto squadrata, quasi da furgoncino. Ciò permette di sfruttare al meglio i volumi, ricavando un abitacolo confortevole ed un bagagliaio capiente, da 700 a 2.350 litri. La versione 7 posti, invece, dispone di un bagagliaio più piccolo, la cui volumetria scende a 200 litri. Il frontale, ripreso dalla berlina, si abbina alla coda squadrata, formando un insieme piuttosto massiccio e dall’aria solida. Stessa sensazione anche per gli interni, a partire dalla plancia monoblocco. Ogni particolare di questa station wagon è concepito per essere funzionale, robusto e poco costoso. Il sottoscocca è tutelato da nuove protezioni, così come il cambio e la trasmissione che sono ora difesi dalla polvere e dal fango. Sul versante motori, Renault è andata sul sicuro, con 3 benzina 1.4 MPI, 1.6 MPI e 1.6 16V ultracollaudati. La potenza erogata dai tre propulsori francesi tocca i 75, 90 e 105 CV, mentre il quattro cilindri diesel dCi da 1.5 litri offre 70 CV. Come per la berlina, si tratta di propulsori discretamente brillanti e dai costi di gestione piuttosto bassi, perfetti quindi per una vettura low cost.

ARTICOLI CORRELATI