Ecotassa auto e moto: tutto quello che bisogna sapere sul Bonus/Malus

La nuova Ecotassa imposta su auto e moto a partire dal 2019 prevede un sistema di bonus/malus e incentivi a chi rottama la propria vecchia auto in favore di veicolo a basee emissioni. Ecco tutto quello che serve sapere

AGGIORNAMENTO 24/12 – Pare che durante un’ultima revisione il Governo abbia deciso di alzare la soglia degli ecoincentivi per auto fino a 61.000€, considerando quindi vetture di questo segmento “eleggibili” allo sconto. La contraddizione sull’aiutare automobilisti benestanti a sfavore di chi è costretto a comprare vetture utilitarie torna quindi a galla, ma rientrerebbe fra le vetture acquistabili con 6.000€ di sconto la tanto chiacchierata Tesla Model 3 che ha un prezzo di listino di 60.580€.

L’Ecotassa è una delle novità più rilevanti introdotte con l’ultima revisione della manovra proposta a Bruxelles dal Governo gialloverde. Con un iter ormai piuttosto conosciuto, l’emendamento ha trovato forma dopo diversi passaggi. Ad oggi si parla di Ecosconto ed Ecotassa, sia su auto che su moto, con vantaggi soprattutto per chi rottama la propria vecchia auto in favore di una vettura elettrica. La stragrande maggioranza dei veicoli in vendita, tuttavia, pagherà un’ecotassa che parte dai 1.100€ per le utilitarie ed arriva fino a 2.500€ per le auto più inquinanti. Ecco tutte le soglie previste dal nuovo provvedimento governativo, che sarà in vigore dal primo marzo 2019 e dovrà essere corrisposto una tantum al momento dell’acquisto del bene.

L’Ecobonus per chi acquista le elettriche

I 6.000€ di incentivi verranno garantiti a chi acquista vetture con soglie di inquinamento comprese tra 0-20 grammi/km di Co2, ovvero auto esclusivamente elettriche. Per le auto tra i 21 ed i 70 g/km di CO2 (Plug-In Hybrid) si ottiene invece uno sconto di 2.500 euro. Nessuno sconto, quindi, per chi acquista auto ibride di tipo standard. Gli incentivi oltretutto vengono elargiti esclusivamente a chi rottama la propria vecchia auto di proprietà da almeno 6 mesi.

Per tutti gli altri gli incentivi scendono invece a 4.000€ per le elettriche pure e a 1.500€ per le Plug-In Hybrid. Numeri piuttosto irrilevanti se consideriamo la differenza di prezzo tra una Plug-In Hybrid ed un’auto di pari categoria equipaggiata con motori moderni. I fondi stanziati per l’Ecosconto sono pari a 60 milioni di euro per il 2019 e 70 per il biennio 2020-2021.

L’Ecotassa da 1.100€ per tutti gli altri

Il provvedimento governativo prevede nuove tasse per chi acquista auto inquinanti, con costi che variano dai 1.100€ ai 2.500€ a seconda della fascia di appartenenza. Ecco la tabella con i valori aggiornati:

da 161 a 175 CO2 g/Km – 1.100€
da 176 a 200 CO2 g/Km – 1.600€
da 201 a 250 CO2 g/Km – 2.000€
oltre i 250 CO2 g/Km – 2.500€

Questo significa che la stragrande maggioranza delle auto attualmente in circolazione pagherebbe l’Ecotassa, principalmente con lo scopo di incentivare l’acquisto di auto Plug-In ed elettriche (poche migliaia in Italia) per chi se le può permettere. Se all’inizio si era pensato ad una misura finalizzata allo svecchiamento del parco circolante, allo stato attuale delle cose si tratta di una tassa aggiuntiva per chi non può permettersi auto di ultima generazione a cui si aggiunge un ulteriore accisa per chi compra vetture di lusso di grossa cilindrata.

Ecobonus fino a 3000 Euro per le Due Ruote

tasse

Contributo del 30% sul prezzo del bene fino ad un massimo di 3.000€ per chi sceglie di acquistare moto o scooter elettrici. Anche in questo caso il bonus si applica esclusivamente a chi sceglie di rottamare il proprio mezzo che deve essere della stessa categoria di quello acquistato, che può essere entro o superiore ai 50cc. Difficile quantificare la cilindrata di un veicolo elettrico, per carità, ma sembra che questo non sia rilevante ai fini dell’ecobonus sul settore.

Il Codacons è pronto alla guerra


“L’Ecotassa, così come prevista dall’ultimo emendamento alla manovra presentata dai relatori è una vera e propria stangata a danno degli automobilisti che colpisce non solo le auto di lusso ma una vasta platea di vetture anche di uso comune, compresi piccoli furgoni usati dai lavoratori.-
 ha fatto sapere l’ente per i diritti dei consumatori -Con tale misura il Governo non colpisce i ricchi che acquistano mega-Suv o Ferrari, ma le famiglie medie che scelgono auto normalissime come la 500 L Cross della Fiat e i lavoratori che, per la propria attività, hanno bisogno di piccoli furgoncini come i modelli Qubo e Doblò. Di fatto con l’Ecotassa il Governo, contrariamente a quanto dichiarato pochi giorni fa dal vicepremier Luigi Di Maio, mette le mani in tasca agli italiani tassando l’acquisto di una auto nuova. Sarà immediatamente oggetto di ricorsi da parte del Codacons, in quanto palesemente discriminatorio e incostituzionale, colpendo una sola categoria di utenti: gli automobilisti, già vittime di tasse e accise insostenibili”.

 

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE