Hyundai Equus

La Casa coreana pronta ad entrare nel segmento delle berline premium con la nuova Equus, che darà filo da torcere ad auto come Audi A6 o Mercedes Classe E

Hyunday Equus. Un paio di disegni ufficiali rivelano le prossime intenzioni della coreana Hyundai, che si prepara a sfondare nel ricco segmento delle grandi berline premium con la nuova Equus. La nuova berlina dovrebbe debuttare il prossimo mese in Corea del Sud e attualmente non ci sono progetti riguardo l’esportazione per i mercati europei e nordamericani. La prima produzione della Hyundai Equus risale al 1998 e non ha mai subito modifiche sostanziali. Sviluppata in collaborazione con Mitsubishi ha preso il nome di Proudia in Giappone, mentre in Europa e Medio Oriente è conosciuta come Centennial. Il modello attuale, nato per il mercato interno sudcoreano, non ha nulla da invidiare rispetto alle ben più prestigiose berline europee: la nuova versione infatti riprende l’architettura a trazione posteriore della Hyundai Genesis e propone motori da 3,8 V6 e 4,6 V8, oltre ad una versione limousine caratterizzata dal passo lungo con propulsore V8 da 5 litri. Aumentano anche le dimensioni: la Equus misura 5.160mm di lunghezza, 1.900mm di larghezza e 1.495mm di altezza, decisamente più lunga, larga e alta della versione attuale. Particolarmente minuzioso il lavoro dei tecnici coreani, che hanno puntato a migliorare, oltre a prestazioni e design, anche l’aspetto della sicurezza sia attiva che passiva. La Equus infatti è dotata di un inedito sistema di stabilità del veicolo e di un rilevatore fotografico che avvisa tramite un allarme l’uscita dalla corsia. La Hyundai dichiara poi l’utilizzo di Led affiancati ai gruppi ottici anteriori e posteriori.

ARTICOLI CORRELATI