USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Jaguar Land Rover: l’alluminio del progetto REALITY mira a ridurre la CO2

Il Progetto REALITY frutto della collaborazione tra Jaguar e Land Rover ha il compito di riciclare l'alluminio utilizzato nel settore automotive per ridurre le emissioni di carbonio fino al 26%

Il rispetto per l’ambiente e la sostenibilità ambientale dei cicli produttivi sono diventati, al giorno d’oggi, i capisaldi della maggior parte delle aziende operanti nel settore automotive. La volontà è quella di riciclare i materiali vecchi e non più utilizzati al fine di dar loro una seconda vita, come confermato dall’impegno congiunto tra Jaguar e Land Rover, che hanno fatto squadra per creare quello che è un vero e proprio progetto di riutilizzo dei materiali.

Si chiama “Project REALITY” e costituisce una componente fondamentale della “Mission Destination Zero” del brand anglosassone, con la quale l’obiettivo da raggiungere è quello di ridurre non solo le emissioni di carbonio, ma anche rendere le fabbriche più sane, più sicure e più pulite. Secondo un recente studio, Jaguar Land Rover ha dimostrato che, attraverso un particolare processo produttivo, si possono trasformare i rifiuti di alluminio derivanti da lattine, tappi di bottiglie e veicoli a fine vita in un nuovo prototipo di lega, che riduce inoltre fino al 26% delle emissioni di CO2 prodotte durante le operazioni di conversione.

Jaguar i-Pace Project Reality

L‘alluminio, infatti, è uno dei materiali più riciclati al mondo e può essere fuso e riformato ripetutamente senza alcuna perdita in termini qualitativi: in questo modo l’alluminio “riciclato” può essere riutilizzato per costruire non solo beni di consumo, ma secondo il Project REALITY di Jaguar Land Rover anche nuove vetture delle categorie premium. Questo riduce non solo la necessità di adoperare l’alluminio primario, ma anche di mettere in moto un ciclo produttivo più efficace, più efficiente e con un impatto minore sull’ambiente, anche soprattutto a livello di emissioni di carbonio immesse nell’aria.

Per la prima volta, questo progetto ci ha consentito di recuperare alluminio di prima qualità dalla rottamazione di altri veicoli e di riutilizzare le sue pregiate caratteristiche – ha commentato Gaëlle Guillaume, Jaguar Land Rover Lead Project Manager for REALITY – Tutto ciò ci ha consentito di avere una riduzione dell’impatto di CO2 nel processo di produzione e ci ha aiutato a riutilizzare una maggiore quantità di alluminio. Ci stiamo dirigendo verso un futuro autonomo, connesso ed elettrificato, con un numero di flotte che potenzialmente potranno essere dismesse. Questo progetto potrebbe consentire a Jaguar Land Rover di utilizzare la nuova lega derivante dal riciclo a circuito chiuso all’interno di specifici programmi di produzione, al fine di migliorare ulteriormente l’efficienza e i vantaggi per l’ambiente“.

Jaguar Project Reality